I miei talk a ESC 2017 — Venerdì 01/09/2017, Venezia

Esattamente a un anno dalla mia prima partecipazione a ESC, sono stato nuovamente invitato per portare un contributo a questo interessante evento. Dal sito ufficiale:

ESC è un incontro non-profit di persone interessate al Software e Hardware Libero, all’Hacking e al DIY. Il contenuto dell’evento è in continua evoluzione e viene creato dai suoi partecipanti.

In particolare, quest’anno ho deciso di partecipare anche perché ci sono state delle novità organizzative. Sono convinto che ciò porterà una ventata di freschezza e di continuo miglioramento all’evento, cosa che non fa mai male. 🙂 L’edizione 2017 sarà coordinata da Sebastiano Mestre (fondatore dell’evento) con l’aiuto dell’Associazione Radioamatori Italiani – Sezione di Mestre – “Enrico De Rossi I3DRE”.

Ma non preoccupatevi, la consueta formula amichevole, gratuita e informale (con tanto di campeggio) rimarrà invariata! 😉 Io sarò presente il 1° settembre con due talk, il primo dei quali in rappresentanza di Gimp Italia:

Ore 15:00 — Correzioni fotografiche con GIMP

GIMP possiede tutti gli strumenti necessari per operare le correzioni più diffuse alle foto. Alcuni accorgimenti, infatti, consentono di osservare subito un miglioramento delle immagini. Il talk verterà su un approccio semplice per la correzione di luminosità e colori.

Il secondo invece sarà una riproposizione di un talk che avevo tenuto alla DUCC-IT a Vicenza:

Ore 16:00 — Ask Ubuntu: aiutare anche senza saper programmare

Ask Ubuntu è un sito Q&A (domanda e risposta) che raccoglie gli utenti di questa popolare distribuzione. Tramite un sistema collaborativo ed autogestito, tutti i partecipanti donano il proprio contributo per aiutarsi a vicenda e risolvere problemi o dubbi relativi all’uso di Ubuntu, portando beneficio a tutta la comunità.

Come nelle scorse edizioni, l’evento si terrà a Forte Bazzera e naturalmente questi due talk sono solo la punta dell’iceberg. Ci sono tantissimi talk in programma perciò non lasciateveli sfuggire!

Vi ricordo che per partecipare è necessario registrarsi qui.

Ci vediamo all’ESC! 😀

Aggiornamento — Video dei talk

Correggere i colori delle foto con GIMP e realizzare un volantino con Inkscape

Il 15 marzo sono stato a Schio (VI) per tenere un talk dal titolo “Dallo scatto al volantino”, su invito di AViLUG. Abbiamo reso disponibile il materiale della serata sul sito dell’associazione, dove potete scaricare un archivio che contiene:

  • la presentazione in formato PDF e ODT
  • un paio di esempi di locandine finite (quella dell’evento e quella abbozzata durante la serata stessa)
  • del materiale integrativo che riassume i passi fondamentali compiuti per raggiungere il nostro scopo

In particolare, ho cercato di semplificare fino all’osso una correzione base delle fotografie limitata a colori e luminosità, che già coprono la maggior parte del necessario. Per Inkscape, invece, la cosa fondamentale è impostare inizialmente la pagina, inserendo una griglia, qualche guida e i segni per la stampa.

Questi semplici accorgimenti consentono anche ai principianti di ottenere un flusso di lavoro completo, dallo scatto al volantino, appunto. Per un riassunto veloce, vi invito a vedere le slide scaricabili dal sito di AViLUG.

Tuttavia, ho ritenuto opportuno scrivere anche una descrizione dei passaggi fondamentali sotto forma di istruzioni, per maggiore chiarezza. Questo mi ha consentito anche di inserire parecchi link e spunti per approfondimenti personali. Ci tenevo particolarmente perché sono delle risorse ottime e aiutano a capire bene i concetti che ho concentrato in due ore di spiegazione.

Pertanto, riporto qui di seguito il riassunto della serata inserito anche nei materiali linkati sopra. In questo modo sarà più raggiungibile da chi cerca informazioni su questo argomento, rispetto a un documento chiuso dentro a un file ZIP.

Prima di leggere l’approfondimento, però, guardate le slide:


Dallo scatto al volantino
(Materiale integrativo)

Prima di tutto vorrei ringraziare AViLUG per l’opportunità di presentare il talk e il pubblico per la partecipazione e i commenti utili. Sono contento di aver ricevuto dei feedback positivi relativi alla serata.

Tra i suggerimenti più popolari c’è stato quello di fare un talk più corto rispetto alle 2 ore utilizzate. È vero, la serata è stata abbastanza dettagliata, però l’obiettivo era fornirvi un flusso di lavoro completo e delle istruzioni che fossero realmente applicabili. Avrei potuto probabilmente saltare delle spiegazioni e alcuni passaggi, ma sono convinto che dire “fate così” senza spiegare perché sia meno comprensibile e meno utile.

Un altro suggerimento è stato quello di introdurre delle esercitazioni pratiche in loco. Questa è senza dubbio una bella idea che si potrebbe applicare avendo più tempo, per esempio con una sessione pomeridiana di 3-4 ore. Oltre a questo, l’esperienza di altri corsi con GrappaLUG mi ha insegnato che è utile avere un affiancamento “1 a 1” affinché si ottenga il massimo risultato.

Purtroppo questo non era possibile durante la serata del talk, però invito tutti gli interessati a postare i propri quesiti sul forum di Gimp Italia dove potranno ricevere la giusta attenzione e le risposte dei numerosi appassionati che popolano il forum.

Il seguito di questo documento ha lo scopo di riassumere quello che è stato mostrato nella seconda parte della serata (gli esempi pratici) e includere dei link a delle risorse utili per approfondire. Per la parte più teorica vi rimando alle slide.

Correzione delle foto

Nota: è consigliabile lavorare con la versione beta di GIMP 2.9 perché ha alcune funzioni in più rispetto alla 2.8. In ogni caso, i suggerimenti qui riportati si possono applicare anche con programmi simili, per esempio Krita.

Abbiamo visto essenzialmente due aspetti relativi alle foto:

  • correzione del colore
  • miglioramento della luminosità e del contrasto

In entrambi i casi abbiamo utilizzato le curve di colore.

Colori

Per quanto riguarda i colori, abbiamo visto che i punti grigi devono avere i 3 valori RGB uguali. Per questo motivo, abbiamo creato un duplicato del livello su cui lavorare. Abbiamo messo dei punti di campionamento sull’immagine e poi abbiamo usato le curve per portare questi punti ad essere realmente grigi.

Prendendo ad esempio questa immagine:

Foto con dominante rossa
Foto con dominante rossa

Abbiamo riscontrato una predominanza di rosso:

Verifica della dominante con i punti di campionamento
Verifica della dominante con i punti di campionamento

I tre canali sono stati regolati con le curve:

Regolazione dei punti di grigio con le curve
Regolazione dei punti di grigio con le curve

Nota: in genere sarebbe raccomandabile regolare i grigi considerando anche dei punti con dei grigi più scuri (non mostrati in questo esempio).

Infine, il livello soprastante è stato impostato in modalità Colore per evitare di modificare la luminosità. I due livelli sono stati fusi insieme per ottenere il risultato finale.

Immagine con i colori corretti
Foto con i colori corretti

Approfondimento

Questo argomento è trattato in modo eccellente in questo articolo di Andrea Olivotto. L’autore mostra in modo alternato sia GIMP che Photoshop, ma i concetti sono analoghi.

Luminosità

Per la luminosità abbiamo lavorato sempre su una copia del livello di partenza (con i colori già corretti) e abbiamo fatto questi passi:

  • uso dello strumento soglia per trovare il punto più chiaro e quello più scuro
  • uso delle curve per portare il nero a (10, 10, 10) e il bianco a (245, 245, 245) ignorando eventuali alterazioni del colore
  • curva a forma di “S” e utilizzo dei canali scomposti per aumentare il contrasto ulteriormente (opzionale)

Abbiamo visto questa immagine:

Foto troppo scura
Foto troppo scura

Il bianco, il nero e il contrasto sono stati regolati con le curve:

Regolazione del punto di bianco, del punto di nero e del contrasto
Regolazione del punto di bianco, del punto di nero e del contrasto

Infine, il livello superiore è stato messo in modalità Luminosità per ripristinare i colori corretti.

Foto con la luminosità corretta
Foto con la luminosità corretta

Approfondimento

Normalmente i due passaggi (colori e luminosità) si applicano in sequenza sulla stessa foto, ma per rendere gli esempi più chiari ho scelto due immagini in cui ci fosse un solo problema da correggere in modo prevalente.

Durante la serata ho anche accennato a come si possa usare lo spazio colore LAB per aumentare la vivacità dei colori. Questo articolo di Helen Bradley riassume i pochi passaggi necessari.

Mentre per i colori è chiaro quando un punto è grigio e quando non lo è, per la luminosità e il contrasto non c’è una unica soluzione “giusta” e probabilmente ogni volta che proverete su una stessa immagine otterrete curve di contrasto diverse. L’importante è utilizzare il proprio giudizio cercando di capire quale risultato si vuole ottenere e quali parti della foto si vogliono esaltare.

Grafica vettoriale

Per quanto riguarda Inkscape, abbiamo visto le funzioni di base. In effetti c’erano meno cose da dire, perché con la grafica vettoriale bastano pochi concetti essenziali per produrre lavori gradevoli.

Innanzitutto abbiamo predisposto la pagina impostando la griglia e le guide e poi i segni di registro (“crocini”) per la stampa. Solitamente si usano 3mm di abbondanza, ma eventualmente domandate a chi dovrà stampare il documento finale.

Un’altra funzione utile per creare le guide è data dal poter convertire un rettangolo in 4 guide usando il menu Oggetto » Da oggetto a guida. Ciò consente di prepararsi facilmente varie “colonne” verticali dove si può allineare il testo.

Le immagini si possono inserire con il semplice drag’n’drop e va scelto se incorporarle (dentro al documento SVG, con più peso ma maggiore portabilità) o collegarle (tenendo il documento leggero ma dovendo dipendere dal file originale che non va spostato né cancellato). Si possono tagliare o mascherare in diversi modi usando le maschere.

In Inkscape tutti gli oggetti sono spostabili indipendentemente, quindi il concetto di “livello” è meno importante. Però si può decidere di mettere gli elementi di sfondo su un livello sottostante e poi bloccarlo così non danno fastidio mentre si lavora sul testo.

Infine, per quanto riguarda il testo ci sono diverse opzioni:

  • il testo semplice
  • quello su tracciato (menu Testo » Metti su tracciato)
  • quello in struttura (menu Testo » Fluisci in struttura)

Il testo semplice si usa per scritte brevi o magari titoli, mentre quello in struttura è utile per far scorrere dei paragrafi in un rettangolo o altre forme geometriche.

Vi consiglio di creare prima il rettangolo con un colore di sfondo visibile (magari semi-trasparente) e poi renderlo invisibile solo dopo averci fatto fluire dentro il testo ed essere sicuri che vada bene.

Il testo semplice si può ritoccare in molti modi per quanto riguarda la posizione delle singole lettere. Consultate l’ultima parte del tutorial avanzato su Inkscape per maggiori dettagli.

Per vedere in azione questi elementi base (griglia, guide, immagini e testi) la cosa migliore è aprire il file SVG di esempio fornito per questa serata ed esplorare come è fatto:

Volantino della serata aperto con Inkscape
Volantino prodotto durante la serata

Approfondimenti

Per chi non ha problemi con l’inglese, il metodo più veloce e pratico per imparare Inkscape è seguire i favolosi video tutorial di HeathenX. Ognuno dei 106 episodi contiene il link al video OGV in basso, per guardarlo direttamente online o scaricarlo.

Di particolare interesse per i volantini:

Anche se non capite tutto l’audio, i video sono fatti veramente bene e si potrebbero quasi guardare muti.

Vi segnalo inoltre il libro (consultabile online) di Tavmjong Bah Inkscape: Guida ad un Programma di Grafica Vettoriale. Molte parti sono in inglese, ma quasi tutto il secondo capitolo (la Guida rapida) è in italiano. Ottima anche la Guida Inkscape di HTML.it.

Per richieste di aiuto relative ad Inkscape, potete iscrivervi a InkscapeForum oppure usare questa sezione del forum di Gimp Italia.

Serata “Dallo scatto al volantino” a Schio (VI) — 15 marzo 2016

Sono stato invitato dagli amici di un fantastico LUG (Gruppo Utenti Linux) del vicentino per tenere una serata sulla grafica vettoriale e l’uso di Inkscape. Sto parlando di AViLUG, un’associazione che opera a Schio (VI).

Dallo scatto al volantino
Correggere le foto e utilizzare la grafica vettoriale

Martedì 15 marzo 2016, ore 21.00
Aula Informatica del Comune
Barchesse di Palazzo Fogazzaro
Via Pasini 46, Schio (VI)

Il talk verterà principalmente sul vettoriale, ma è innegabile che la creazione di brochure, volantini e altri materiali spesso coinvolga anche le foto. Per questo motivo tratterò un piccolo flusso di lavoro completo. Partiremo dalla correzione dei colori delle fotografie con GIMP, per poi passare all’uso di Inkscape per disporre i testi e gli elementi grafici sulla pagina.

inkscape_schio_2016
Volantino della serata

Qui a fianco potete vedere il flyer in formato A5. In particolare, vi cito la parte che descrive gli argomenti trattati.

Durante la serata si parlerà di:

  • correzione di luminosità e colori delle foto
  • strutturazione della pagina
  • organizzazione del testo
  • predisposizione del documento per la stampa

Chiaramente l’ho disegnato con Inkscape, quindi potete avere un’anteprima di cosa potrete realizzare con le spiegazioni che fornirò. 🙂

La serata si svolgerà in un’aula dalla capienza limitata. Ci sono solamente 25 posti a disposizione. L’ingresso è gratuito ma è obbligatoria la registrazione su Eventbrite. Eccovi i link per maggiori informazioni e per la prenotazione:

Vi aspetto! 😀

Più copie della stessa persona in una foto — Tutorial per Gimp e Hugin

Questo post è nato da un topic aperto su Gimp Italia da Francesco, uno degli utenti con un particolare interesse verso la fotografia, come potete vedere dal suo Flickr. Il topic aveva come oggetto un tutorial di MeetTheGimp per creare una foto della stessa scena in cui una persona compare in più copie.

Il tutorial nella sua forma originaria richiede che le foto vengano scattate con il cavalletto e che la fotocamera sia perfettamente immobile, per evitare disallineamenti. Il risultato di Francesco aveva alcuni problemi sotto questo punto di vista:

Ginny everywhere
Risultato ottenuto senza correzione dell’allineamento

Come lui stesso ha poi spiegato:

L’errore è stato quello di sopravvalutare la stabilità del cavalletto, in effetti la pressione del pulsante ha determinato dei disallineamenti.

Ho quindi proposto l’utilizzo di Hugin, un software normalmente usato per creare panorami, per effettuare l’allineamento preciso delle fotografie (anche dal punto di vista dell’esposizione) e poi Gimp per effettuarne l’unione vera e propria. La correzione dell’allineamento consente di lavorare persino con foto scattate “a mano libera”, a patto che il fotografo non si sposti troppo tra i vari scatti. Con ciò intendo che dovrebbe stare sempre in piedi nello stesso punto, per evitare problemi di prospettiva.

Francesco è stato così gentile da fornirmi le foto e quindi riporto qui la mia versione del tutorial. Il risultato ottenuto è mostrato qui di seguito. I colori sono diversi perché ho elaborato la foto finale in modo diverso.

Risultato finale del tutorial, con allineamento preciso delle foto
Risultato finale del tutorial, con allineamento preciso delle foto

Le istruzioni sono divise in due parti e richiedono che abbiate installato Hugin e Gimp.

Allineamento delle foto

Salvate in una cartella le foto che volete utilizzare, meglio se con un numero progressivo per evitare confusione. Nel seguito assumerò che la foto iniziale (numero 0) includa l’inquadratura corretta, mentre le altre foto saranno allineate in funzione della prima.

Aprite Hugin e controllate di avere l’interfaccia impostata nella modalità corretta. Per fare ciò, andate su Interfaccia » Avanzato. Fatto ciò, trascinate le fotografie nell’area bianca centrale della scheda Foto. Proseguite quindi aprendo la scheda Punti di controllo.

Vedrete visualizzate a sinistra e a destra la stessa immagine (numero 0). Sulla destra, dal menu a tendina, scegliete la foto numero 1.

La foto di riferimento (a sinistra) e la prima foto da allineare (a destra)
La foto di riferimento (a sinistra) e la prima foto da allineare (a destra)

A questo punto dovete cominciare a definire dei punti di controllo sull’immagine, vale a dire cliccare lo stesso punto in entrambe le foto. Facendo clic sulla foto a sinistra, aumenterà lo zoom. La visuale mostrerà un quadrato contenente un forte ingrandimento del punto che avete scelto, e vi permetterà di muoverlo cliccando di nuovo o trascinando il cursore.

Per il primo punto che cliccherete, dovrete fare clic anche a destra, in modo “approssimativo”. Ci penserà Hugin a trovare il punto giusto cercandolo vicino a dove avete cliccato!

Definizione del primo punto di controllo
Definizione del primo punto di controllo

Quando siete soddisfatti del risultato, cliccate col destro per tornare alla visuale delle due foto intere. Dovete quindi ripetere l’operazione, definendo altri punti di controllo: cliccate sulla foto numero 0 e rilasciate il clic quando vi siete posizionati nel punto desiderato. Nell’immagine a destra il punto verrà messo automaticamente.

Per ottenere dei buoni risultati seguite queste indicazioni:

  • scegliete solo spigoli o piccole macchie con caratteristiche chiare, non zone uniformi
  • non utilizzate punti dove in una o nell’altra foto c’è la persona che si sposta
  • predisponete come minimo 10-12 coppie di punti di controllo, mai meno di 8
  • molti punti migliorano il risultato, io ne ho usati 15-18 per ciascuna foto da unire
  • se un oggetto è stato leggermente spostato (es. il cuscino), non piazzateci sopra dei punti
  • se avete creato una coppia di punti errata, trovate il pulsante Cancella in basso

Una volta finito di lavorare sulla foto numero 1, vi troverete davanti a qualcosa di simile a questo:

Le coppie di punti di controllo usate per allineare l'immagine numero 1
Le coppie di punti di controllo usate per allineare l’immagine numero 1

A questo punto, dovete ripetere il processo aprendo l’immagine numero 2 a destra, e così via. Lasciate sempre la foto numero 0 a sinistra. Una volta finito, tornate alla scheda Foto e in basso troverete due pulsanti per ottimizzare il risultato:

Le funzioni di ottimizzazione
Le funzioni di ottimizzazione

Fate clic sul primo pulsante Calcola, confermando il risultato, e poi sul secondo, sempre applicando le modifiche proposte.

Ora è il momento di esportare le foto: aprite la scheda Assemblatore, impostate la proiezione Rettilineare e poi cliccate il pulsante Calcola dimensione ottimale. C’è da poi da selezionare la spunta soltanto per le immagini singole, come mostrato di seguito:

Opzioni per la finestra dell'assemblatore
Opzioni per la finestra dell’assemblatore

Infine premete il pulsante Assembla e il programma vi chiederà in quale cartella salvare il progetto e di conseguenza anche le immagini elaborate. Non resta altro che spostarsi su Gimp! 🙂

Fusione degli scatti

Hugin salva le immagini corrette in formato TIFF con trasparenza. Aprite quella di riferimento (la numero 0) con Gimp e poi fate File » Apri come livelli e scegliete l’immagine successiva. Ora invertite i colori del livello appena importato (cioè quello in alto) tramite il menu Colori » Inverti e sul pannello dei livelli impostate l’opacità al 50%. Otterrete una foto grigia in cui si vedono i bordi degli oggetti:

Evidenziazione delle differenze tra i due livelli
Evidenziazione delle differenze tra i due livelli

Questo trucco funziona in modo molto semplice: se io duplico una foto, e quindi la sovrappongo al 50% con l’inverso, ottengo un grigio completamente uniforme, in quanto i colori “si annullano” col proprio opposto.

Se però uso due foto abbastanza simili ma leggermente non allineate, ottengo un risultato grigio più o meno dappertutto, che però evidenzia i bordi e le differenze. Questa spiegazione è un po’ approssimativa però spero che renda l’idea. 😛

Una volta visualizzata la situazione, bisogna utilizzare lo strumento di spostamento per muovere il livello superiore fino a che i bordi sono più allineati possibile, con particolare attenzione alle aree vicine alla persona (altrove non è necessaria troppa precisione):

Allineamento dei bordi, con particolare attenzione alle aree vicine alla persona fotografata
Allineamento dei bordi, con particolare attenzione alle aree vicine alla persona fotografata

A questo punto è necessario usare una selezione abbastanza approssimativa intorno alla persona nella sua nuova posizione e anche agli oggetti che si sono mossi, come ad esempio il cuscino del divano che si è abbassato leggermente. Create questa selezione con lo strumento di selezione lazo, poi fate Ctrl+I per invertire la selezione e premete il tasto Canc:

Primo ritaglio approssimativo
Primo ritaglio approssimativo

Ora deselezionate (premendo Shift+Ctrl+A) e usate lo strumento gomma per “ammorbidire” il bordo. Dovrete scegliere un pennello sfumato e cancellare piano piano quanto basta per ottenere una fusione omogenea. Una volta rifinito il bordo con la gomma, otterrete qualcosa del genere:

Ritaglio rifinito e sfumato
Ritaglio rifinito e sfumato

Nel caso in cui ci siano delle sovrapposizioni tra le persone (in questo caso le ginocchia), selezionate la parte che deve rimanere visibile, aiutandovi con lo zoom:

Selezione delle zone di sovrapposizione
Selezione delle zone di sovrapposizione

Una volta selezionata la zona, ed eventualmente sfocata leggermente tramite Selezione » Sfumata (dipende da caso a caso), premete Canc e poi ripristinate l’opacità del livello superiore al 100%. Infine, invertite nuovamente i colori e otterrete il risultato della prima fusione:

Risultato della prima fusione
Risultato della prima fusione

Ora dovete ripetere il processo per le altre immagini, una alla volta. Alla fine, unite tutti i livelli selezionando Immagine » Appiattisci immagine e usate lo strumento taglierino per ritagliare le parti trasparenti di troppo sui bordi.

A questo punto avete finito! Poi volendo potete applicare tutti gli effetti che desiderate. Se siete curiosi, nel mio caso ho utilizzato G’MIC per accentuare un po’ i colori. Prima di tutto ho usato l’affilatura con Sharpen (inverse diffusion) e ho duplicato il livello. Sulla copia ho usato Local normalization, giocando un po’ coi parametri e infine ho ridotto l’opacità di quest’ultimo livello al 30%. Poi ne ho aumentato parecchio la saturazione e ho fuso il tutto.

Il risultato è quello che ho inserito all’inizio dell’articolo. Spero che questo tutorial mi abbia consentito di raccontarvi un utilizzo “poco convenzionale” di Hugin, fatemi sapere se avete applicato questo effetto e se vi è stato utile. Buon Gimp! 😉

Intervento su Gimp all’Open Source Day 2013 (30 Novembre)

Banner dell'evento

Il 30 Novembre a Udine si terrà l’Open Source Day 2013, una importante «manifestazione organizzata annualmente da AsCI ed IGLU Gruppo Linux Udine con lo scopo di divulgare, tramite talk, workshop e molto altro, i programmi e la filosofia Open Source». Quest’anno sono stato invitato a partecipare come relatore e terrò una conferenza su Gimp, la quale è stata inclusa all’interno del percorso Multimedia:

Percorso Multimedia (Aula 1)

Gli altri percorsi della manifestazione sono Embedded, Professional, Security e Forensics. È superfluo dire che approfitterò dell’occasione per seguire quanti più interventi possibile relativi all’informatica forense. 😉 Per maggiori informazioni vi rimando al programma ufficiale linkato qui sotto.

Ci vediamo a Udine!

Via Conferenze Open Source Day 2013.