Scaricare, ritagliare e convertire le puntate RAI per guardarle sul telefono

Questa guida nasce per spiegare come ho fatto per risolvere una situazione che mi riguarda personalmente. Sono partito da alcuni presupposti base per cercare di capire come ottimizzare la mia fruizione di una trasmissione che mi piace. Prima considerazione: guardo ben poco la RAI, ma c’è una trasmissione che mi interessa e seguo fedelmente: Chi l’ha visto? Seconda considerazione: ogni mercoledì sera sono impegnato col gruppo Linux, quindi non posso guardare la trasmissione in diretta.

La soluzione più ovvia è adoperare il videoregistratore per memorizzare su cassetta la puntata alla sera e guardarla successivamente. Il problema è che spesso mi dimentico di farlo o continuo a rimandare perché ho tante cose da fare al pomeriggio. Da qui nasce la terza e ultima considerazione: per cinque giorni a settimana, quando vado all’università, ho due ore di treno, una all’andata e una al ritorno.

Dato che sono sempre accompagnato dal mio fedele HTC Wildfire (mi scuso se non ve ne ho parlato ma di recensioni ne trovate tante in rete, sarebbe inutile un’ennesima) ho deciso di approfittare del tempo “perso” in treno e guardare le puntate di Chi l’ha visto mentre viaggio verso Mestre o torno a casa. Ecco come ho fatto…

Continua a leggere…

Aprire e convertire i file .pat di Photoshop, con Gimp si può

Oggi ero in vena di cambiamenti ed ho deciso di disegnarmi un nuovo sfondo per Twitter. Qui potete vedere il risultato. Per avere un po’ di materiale mi sono rivolto ad uno dei tanti siti di risorse per Photoshop. Come ben sapete, i pennelli .abr funzionano tranquillamente col nostro caro Gimp, per cui non ci sono stati problemi.

Ho riscontrato difficoltà invece al momento di usare un pattern creato per Photoshop, nel caso specifico volevo aprire questo. Gimp si è semplicemente rifiutato, dicendomi che non riconosceva il formato di file. Dopo aver tentato invano di trovare qualche convertitore online, sono riuscito con grande fortuna a trovare di meglio! 🙂

Una discussione su GimpTalk mi ha indicato la via. Esiste un plugin apposito, che si installa molto facilmente (volendo, esistono anche i binari per Windows). Per prima cosa scaricate il file .c dal link fornito prima e salvatelo nella home. Dopodiché si proceda all’installazione!

sudo aptitude install libgimp2.0-dev
gimptool-2.0 --build ps-pat-load_1.c
sudo cp ps-pat-load_1 /usr/lib/gimp/2.0/plug-ins/
rm ps-pat-load_1*

Con il primo comando installiamo la libreria che serve, col secondo compiliamo il codice, il terzo serve a copiare il plugin nel posto giusto ed infine si fa un po’ di pulizia. 😉 Una volta riavviato Gimp sarà possibile aprire i file .pat come normali immagini multilivello, e si potranno modificare e salvare in altri formati (compreso il formato pattern di Gimp).

Gimp 2.8 probabilmente conterrà i livelli vettoriali

Comincio ad adorare Twitter. Oggi leggendo il feed generato dall’hashtag #gimp sono venuto a sapere che dei programmatori stanno lavorando all’implementazione di livelli vettoriali avanzati per Gimp. Ciò significa che il nostro amato volpino potrà avere dei livelli generati da punti e linee, quindi forme geometriche (anche curve, naturalmente), modificabili in qualsiasi momento.

Quasi svengo dall'emozione
Quasi svengo dall’emozione

Si tratta di una gran comodità indubbiamente. La pagina dove ne parlano i diretti interessati (con molti dettagli interessanti) è reperibile qui. A mio parere è particolarmente interessante il PDF con il concept dell’interfaccia. 😮 Mi auguro che tutto ciò possa prendere vita al più presto, e soprattutto spero che questo accada in tempo per Gimp 2.8.

Per quanto riguarda le idee degli utenti sull’interfaccia di Gimp, potete dare una occhiata anche al brainstorm visuale per molte altre cose. 😉

La rinascita di Gimp Italia

In questi ultimi giorni sono stato abbastanza impegnato per la ristrutturazione completa del sito web portabandiera della comunità italiana di utenti Gimp: Gimp Italia! 🙂

Come alcuni di voi sicuramente sapranno, in passato molte cose hanno traviato la nostra community: spam, mancanza di tempo dell’amministratore, defacciamenti, ed altro. Se siamo riusciti ad uscirne fuori, il merito non deve certo andare tutto a me, anzi. Ogni giorno posso contare su un team di moderatori ed un collega amministratore che mi aiutano tantissimo con il forum; che è ciò che richiede più attenzioni. A loro va il mio ringraziamento!

Il nostro orgoglio, il forum!
Il nostro orgoglio, il forum!

Potete avere una panoramica più approfondita sulla nostra storia leggendo la pagina apposita. Nel frattempo, soffermatevi a visitare il sito. Come detto sopra, me ne sto occupando da alcuni giorni, ma sono già soddisfatto di come sta venendo. Ci sarà spazio per l’informazione base su Gimp (cos’è, cosa fa, …) nonché per guide, tutorial, news, e chi più ne ha più ne metta. 😛

Un'evoluzione continua da plasmare ad arte...
Un’evoluzione continua da plasmare ad arte…

Per questo, ed anche perché è sempre bello parlare di un software favoloso come Gimp, la nostra community sta cercando nuovi membri e persone che abbiano voglia di partecipare al forum, nonché di scrivere magari qualcosa per il sito! 😀

Quello che voglio realizzare è un progetto di cui tutti si sentano artefici, ciascuno nella sua parte. Il sito è ancora piccolo, ma sta crescendo in fretta e può diventare qualcosa di molto concreto.

Venite a trovarci numerosi!

Caleidoscopio per Gimp 2.6

Sono rimasto sorpreso dal fatto che in rete non si trovino informazioni in merito.

Il caleidoscopio è un bel plugin sviluppato originariamente da Kelly Martin. Mi ricordo che l’avevo utilizzato tempo fa, e poi me ne ero anche dimenticato.

caleidoscopio
Esempio di utilizzo del plug-in

Un fatto abbastanza inquietante è che il plugin una volta era presente nel registro, ma ora non c’è più. Dopo alcune ricerche, sono stato fortunato. Ho trovato il codice sorgente completo sul sito canadese di Puppy Linux.

Poi ho anche trovato in rete delle istruzioni per compilarlo, ed ho avuto modo di constatare che lavora perfettamente anche in Gimp 2.6. 😀

Per prima cosa scaricate il codice sorgente dal link sopra riportato, oppure se si sognassero di toglierlo, ne trovate il contenuto qui. A questo punto, ponendo che voi abbiate il file nella vostra home, non vi resta che installare una dipendenza necessaria e poi compilarlo (attraverso il terminale, naturalmente):

sudo apt-get install libgimp2.0-dev
gimptool-2.0 --install kaleidoscope.c

Riaprite Gimp, e andate a cercare in Filtri > Distorsioni… 😉