“Reverse Engineering per dispositivi IoT” al Linux Day 2018 — Sabato 27/10/2018, Vicenza

Ottobre è il mese che vede protagonista il Linux Day, la principale iniziativa italiana per conoscere ed approfondire Linux ed il software libero. Dal 2001 in tutta Italia si possono trovare vari eventi locali con talk, workshop, spazi per l’assistenza tecnica e dimostrazioni pratiche di software e hardware libero.

L’argomento di quest’anno è World Wild Web. Come socio del Gruppo Utenti GNU/Linux di Vicenza parteciperò proponendo un talk riguardante i dispositivi IoT (Internet of Things) perché in effetti non dobbiamo tenere d’occhio solo il Web, ma anche Internet e tutti gli aggeggi che vengono messi in rete. 😉

Il talk sarà di argomento lievemente tecnico:

Reverse Engineering per dispositivi IoT

Le nostre case sono sempre più popolate da una moltitudine di dispositivi connessi alla rete, che comunicano in vari modi e possono essere comandati tramite smartphone. Ma cosa si può fare se si vuole capirne il funzionamento e integrarli nel proprio software? Come caso di studio prenderemo in considerazione una relay board con un breve guida e una misteriosa app per Android, entrambe in cinese. Analizzeremo il tutto per svelare il protocollo di comunicazione e riuscire comandare i relay.

Ovviamente ci saranno anche molti altri contenuti interessanti: un talk su Odoo, uno sulle criptovalute, un workshop sull’open hardware e la sala maker sempre aperta.

Per tutti i dettagli vi rimando alla pagina del Linux Day 2018 sul sito del LUG Vicenza. L’ingresso è libero e gratuito, perciò non mancate!

Annunci

Gli articoli premium de Il Foglio si potevano leggere senza pagare

Questo argomento ormai sta diventando una vera e propria saga. 😀 Dopo aver parlato di Repubblica e La Stampa, ecco l’ennesimo quotidiano il cui paywall (ovvero il blocco alle sezioni per abbonati) permetteva a chiunque di leggere gli articoli a pagamento, senza nemmeno effettuare un login.

Nel mio precedente articolo ho scritto:

una mancanza del genere solitamente è l’eccezione, non la regola.

Be’, temo che stia diventando la regola, anche se stavolta il finale è diverso. In questo caso ho scoperto il problema dopo che un amico aveva linkato una notizia premium de Il Foglio su Facebook. Avendo cliccato, ho riscontrato il paywall e, dati i precedenti, mi è venuto spontaneo chiedermi se fosse un paywall vero o l’ennesimo messaggio di facciata.

Ho guardato il codice sorgente della pagina, in altre parole il contenuto (testi, immagini, script) che poi il browser rappresenta in modo grafico per farci vedere l’articolo con tutta la sua grafica. Riscontrando questo pezzo di codice Javascript, ho visto qualcosa di estremamente interessante:

function read_paywall(){
    var replace=[];
    replace['paywall_canRead']='true';
    location.href = setUrlParameter(replace);
}
$.ajax({
    url: 'https://www.ilfoglio.it/webservices/canRead.jsp',
    [...]
    success: function(response){
        if(response.canRead){
            if(response.canRead)  {
                // può leggere
                // reload con parametri
                read_paywall();
                return;

Ricapitoliamo:

  • La pagina inizialmente contiene un pezzettino di articolo
  • Al caricamento, il sito invia una richiesta al server e verifica se l’utente è autorizzato a leggere le notizie integralmente
  • In caso positivo, richiama la funziona read_paywall la quale aggiunge ?paywall_canRead=true alla fine dell’URL e ricarica la pagina

Questo è un caso di controllo di sicurezza lato client, che in tale contesto non ha assolutamente senso. Ma in altri casi potrebbe pure averlo (per questioni di usabilità), a patto che poi tale verifica venga riconfermata nuovamente lato server, quando una persona cerca di caricare una pagina con il parametro ?paywall_canRead=true.

Ciò non veniva fatto da Il Foglio, perciò gli articoli erano leggibili assolutamente da chiunque.

Tutto questo veniva rilevato pochi giorni fa, come dimostra lo screenshot di una pagina caricata collegandosi all’URL https://www.ilfoglio.it/societa/2018/08/27/news/asia-argento-molestie-metoo-garantista-211179/?paywall_canRead=true. L’articolo è del 27 agosto 2018 ma è difficile stabilire per quanto tempo il sito de Il Foglio abbia avuto questo problema.

Apertura di un articolo premium in formato integrale, senza aver effettuato l’accesso

Non vi ho ancora raccontato la parte migliore. Dopo una prima visita a una notizia qualsiasi col parametro “aggiuntivo”, tutte le altre pagine venivano sbloccate in automatico perché l’autorizzazione veniva salvata nel cookie di sessione dell’utente. Insomma, era anche piuttosto pratico. 😉 La prima operazione poteva anche essere automatizzata con un semplicissimo script, esattamente una riga di codice:

if(window.hasOwnProperty("read_paywall")) window.read_paywall();

Avendo in programma di pubblicare prima il post relativo a La Stampa, ho rimandato la trattazione di questo sito a dopo il termine di ESC 2018. In questi giorni evidentemente qualcuno ha rilevato il problema e vi ha posto rimedio, al contrario delle altre testate precedentemente menzionate le quali hanno ancora dei paywall “scolapasta”.

A mio parere questa vicenda è una dimostrazione di quanto sia importante effettuare dei monitoraggi costanti su chi accede alle risorse riservate, nonché compiere delle periodiche verifiche di sicurezza per riscontrare eventuali bug. In altre parole è la buona cultura della sicurezza che cerco di diffondere a tutte le aziende con cui lavoro.

Gli articoli premium de La Stampa li può leggere chiunque, senza pagare

Precedentemente vi avevo già parlato di come gli articoli premium di Repubblica siano in realtà a pagamento solo per finta. I testi completi degli articoli infatti sono ottenibili in modo abbastanza banale perché il sito li mette a disposizione di chiunque.

Il caso era abbastanza eclatante, perché il testo di ogni articolo veniva semplicemente reso invisibile all’utente, ma effettivamente era presente. La maggior parte dei siti di notizie, invece, effettuano un vero e proprio “taglio” del contenuto. Al browser dell’utente viene mandato il primo paragrafo del testo e poi si vede un banner che invita ad abbonarsi.

Recentemente una persona mi ha chiesto se fosse un fenomeno presente anche su un altro quotidiano, ovvero LaStampa TopNews. Però penso risulti chiaro: una mancanza del genere solitamente è l’eccezione, non la regola. Stavo quindi preparandomi istintivamente a scrivere una risposta negativa.

Poi mi sono detto “vabbè dai, sono in ferie… 5 minuti li spreco, ma non uno di più”. Ho aperto uno degli articoli marcati come TopNews sul sito, in particolare questo:

http://www.lastampa.it/2018/08/22/cultura/investimenti-un-patto-per-ripartire-4Irf6mm0cDpDXY7JvmjtHI/premium.html

Ho osservato l’indirizzo e mi sono chiesto se questo avesse anche una versione di stampa. La prima cosa che mi è venuta in mente di fare, in modo del tutto istintivo, è stata di rimpiazzare il nome premium.html con print.html. Certo, un tentativo un po’ sciocco, ma costava poco provare. Quindi ho tentato di visitare questo URL:

http://www.lastampa.it/2018/08/22/cultura/investimenti-un-patto-per-ripartire-4Irf6mm0cDpDXY7JvmjtHI/print.html

Con mia sorpresa, qualcosa si è aperto. 🙂 La figura mostra le due pagine in questione:

Il testo di un articolo, prima e dopo il cambio dell’URL

Lo so, state pensando che è una cosa veramente assurda e bizzarra. L’ho pensato anch’io. 😀 Il fatto che le versioni complete degli articoli siano disponibili online a chiunque, senza login, vanifica completamente il senso del paywall. Considerando poi che i testi degli articoli sono il prodotto offerto da un quotidiano, il business ne risente sicuramente.

La cosa buffa è che nessuna delle due pagine è una “versione stampabile”, se provate a generare delle anteprime in PDF vedrete che vengono entrambe molto male.

Anche in questo caso ho creato un microscopico user-script a scopo dimostrativo, il quale funziona con le estensioni Greasemonkey e Tampermonkey. Se vi trovate su una pagina di TopNews, carica in background il testo integrale dalla versione “intera” e lo mette al posto dell’anteprima. Lo potete installare da qui:

La Stampa TopNews Full Text Articles

Come sempre, lo script è solo un proof-of-concept e il sito può venire sistemato in qualsiasi momento.

Quando vedo errori del genere rimango piuttosto basito, perché per qualsiasi sviluppatore software si tratta di sbagli alquanto grossolani e gravi. Durante la progettazione di un sito web, specialmente se a pagamento, è importante operare in modo preciso e professionale e occuparsi anche di fare le relative valutazioni di sicurezza.

Il mio talk su CAINE a ESC 2018 — Venerdì 31 agosto ore 15:30, Venezia

Proprio come nel 2016 e nel 2017, anche quest’anno sono stato invitato a partecupare ad ESC in qualità di relatore e non ho potuto dire di no, dato che l’evento ha un ottimo spirito ed è ricco di contenuti interessanti. ESC si ripete dal 2005 ed è un incontro non-profit di persone interessate al Software e Hardware Libero, all’Hacking e al DIY. La cosa più bella è che il contenuto viene creato dai suoi partecipanti, perciò è in continua evoluzione.

L’evento è organizzato dall’associazione Endsummercamp APS come “incontro informale della durata di più giorni con possibilità di campeggio, occasione di crescita personale e professionale, condivisione e scambio di conoscenze e di esperienze, gioco e networking tra i partecipanti, e inoltre come conferenza con talk e seminari tecnici su diversi argomenti e livelli” conformemente a quanto previsto dalle linee guida.

Abel, il sistema di build della nuova CAINE

CAINE è una delle distribuzioni Linux per l’informatica forense più usate al mondo. Analogamente ad altri progetti simili, l’attuale metodo di sviluppo comporta numerosi step non automatizzati. Molte delle personalizzazioni presenti nella distribuzione sono realizzate a mano, rendendo difficile tenerne traccia e valutare eventuali correzioni di bug o miglioramenti nella procedura. Abel (Automated Build Environment Lab) è un progetto che mira a produrre le nuove versioni di CAINE in modo totalmente automatizzato, tracciabile e peer-reviewed, con un ambiente di build omogeneo basato su Vagrant e numerosi script che applicano tutte le modifiche necessarie.

Come sempre l’evento si terrà a Venezia, precisamente presso Forte Bazzera e ci sono una marea di talk interessanti in programma, perciò vi consiglio calorosamente di venire! Vi ricordo che per partecipare è necessario registrarsi qui.

Ci vediamo all’ESC! 😀

Gli articoli premium di Repubblica li può leggere chiunque, senza pagare

Il progetto OWASP (Open Web Application Security Project) mantiene da diversi anni la OWASP Top 10, vale a dire la lista delle dieci vulnerabilità più critiche nell’ambito delle applicazioni web. È una lista conosciuta da tutte le persone che si occupano di sicurezza informatica e, vorrei sperare, anche da chi si occupa di sviluppo web.

Un tipo di vulnerabilità che compare in tutte le edizioni della lista, in un modo o nell’altro, riguarda la possibilità di accesso a risorse che dovrebbero essere protette ma non lo sono in modo adeguato.

Repubblica ha lanciato un servizio premium a Novembre dell’anno scorso, chiamandolo “Rep”. All’interno di esso compaiono articoli di cronaca, pezzi di opinione e molto altro. Chi non è abbonato, visitando un articolo di Rep vede alcune frasi dell’articolo, seguite da un messaggio che recita:

Abbonati a Rep per continuare a leggere

Fino a qui, sembrerebbe tutto normale. Il browser di un utente anonimo riceve un pezzo dell’articolo, ma non può leggere oltre fino a che non effettua il login: è il funzionamento base di un paywall.

Su alcuni siti vulnerabili ci potrebbe essere qualcuno che riesce a bypassare il pagamento e leggere integralmente gli articoli, magari alterando i parametri dell’URL, i cookie o il referer. Questa possibilità esiste, però richiederebbe una specie di “manipolazione” basilare o comunque un intervento da parte dell’utente per ricevere il testo completo.

Il caso di Rep è completamente diverso e mi ha stupito moltissimo quando l’ho visto. Basta infatti guardare il codice sorgente caricato dal browser per scoprire un artificio meramente estetico:

rep_testo
Il testo di un articolo su Rep, visualizzato da un utente non registrato

Si nota infatti che è il sito stesso, cioè l’applicazione Rep, a inviare il testo integrale di ogni articolo al browser di qualsiasi visitatore lo visualizzi. Non c’è nemmeno la possibilità di non riceverlo, arriva infatti in automatico con tutto il resto della pagina.

Il testo viene poi semplicemente nascosto tramite lo stile grafico del sito (una riga di codice CSS che chiunque può disattivare). Ed è questa la cosa più incredibile di questa vicenda:

  • non è necessario installare niente
  • non c’è bisogno di “manipolare” nulla

Rep invia a tutti i visitatori i testi completi di tutti gli articoli, che sono visibili se si disattiva lo stile che li nasconde (o anche navigando con gli stili disattivati, un’opzione di Firefox poco utilizzata ma presente fin dagli albori del browser).

Anzi, se volete provare da voi vi basta visitare un qualsiasi articolo di Rep, aprire gli strumenti di sviluppo del browser e togliere la casellina sulla regola giusta. O ancora più semplicemente, disattivate un attimo gli stili della pagina dal menu di Firefox (Visualizza → Stile pagina → Nessuno stile).

Se siete totalmente pigri, volete automatizzare la cosa per ciascun articolo che visitate, oppure volete farlo da smartphone (in tal caso avrete bisogno di Firefox) ho anche pubblicato un microscopico user-script che funziona con le estensioni Greasemonkey e Tampermonkey. Lo potete installare da qui:

Repubblica “Rep” Aesthetic Paywall Bypass

Naturalmente lo script è solo un proof-of-concept e il sito può venire sistemato in qualsiasi momento.

Quello che abbiamo sotto gli occhi è un tentativo di fare “sicurezza” lato-client, ovvero sulla macchina dell’utente dell’applicazione web. Questo è un approccio che non funziona, anzi è talmente grossolano che sembra dover richiedere un’altra spiegazione.

Alcune persone con cui ho parlato ipotizzano che venga fatto in modo intenzionale, per consentire l’indicizzazione degli articoli da parte di Google. Questo potrebbe certamente essere vero, anche perché sembra strano che nessuno sia intervenuto nel giro di mesi. Però Google fornisce degli strumenti appositi per gli sviluppatori di contenuti protetti da paywall. Forse sarebbe il caso di utilizzarli.

Se anche voi state sviluppando un’applicazione web, assicuratevi di effettuare adeguate valutazioni di tutto il codice, verificando una per una tutte le vulnerabilità della OWASP Top 10 (e non solo quelle). Proteggere i contenuti è fondamentale, specialmente quando i contenuti sono il prodotto. A questo proposito, potrebbe essere una buona idea richiedere un servizio di consulenza professionale in merito.