Migliaia di italiani hanno ricevuto un SMS truffa a tema Bitcoin

Oggi 9 ottobre 2017, alle 13:30 ora italiana (11:30 UTC), migliaia di numeri cellulari in Italia hanno ricevuto un SMS molto sospetto da un mittente mascherato dalla stringa “BitcoinCode”.

Ho effettuato una rapida analisi del messaggio e del relativo link, potendo stimare il numero minimo di utenti colpiti e verificare che il sito linkato è piuttosto infido e decisamente inaffidabile (come era prevedibile). Lo scopo di questo post è duplice: da una parte vorrei descrivere la metodologia di analisi utilizzata e dall’altra mettere in guardia chiunque si imbatta nel metodo “Bitcoin Code”.

Lo strano SMS

Il contenuto dell’SMS è già piuttosto sospetto (il link non è cliccabile, volutamente):

Hai (1) Bitcoin nel tuo account. Conferma l’account qui: http://bit.ly/2y9WNXB Valore di mercato corrente 3895.83 Euro

Ma guarda… a pranzo stavo giusto pensando “buono questo panino, è da un po’ che qualcuno non mi regala 4000 euro”. Come no! 😀

Ora, dirò una cosa (spero) ovvia, però… chiaramente non ho aperto il link. In questi casi non si deve mai cliccare collegamenti ignoti che potrebbero potenzialmente portare a pagine contenenti malware, o anche semplicemente tracciare il fatto che il proprio numero telefonico ha ricevuto e letto l’SMS.

Analisi dell’URL

Bit.ly è un famosissimo servizio per accorciare (e in un certo senso mascherare) degli URL. Non c’entra nulla con questi messaggi promozionali, serve solo a rendere un URL più corto, una cosa utile per inviarlo via SMS. La cosa interessante è che ha anche delle funzionalità statistiche: chiunque conosca un URL generato da questo sito può semplicemente aggiungere un + alla fine e ottenere maggiori informazioni.

Andando a visitare http://bit.ly/2y9WNXB+ ho potuto capire che l’URL non avrebbe tracciato il mio numero di cellulare, perché è stato aperto oltre 3200 volte:

statistiche_link_bitcoin_code
Le visite che ha ricevuto il link contenuto nell’SMS

È interessante vedere come il link sia stato condiviso anche su Facebook e in misura molto ridotta anche in altre nazioni. Il picco di visite nella fascia 11:00-11:59 UTC (cioè 13:00-13:59 in Italia) coincide con l’orario in cui ho ricevuto l’SMS.

Escluso il tracciamento, restava comunque il rischio di malware. Prima di puntare un browser a quell’indirizzo, è stato opportuno provare a vedere dove andasse a finire quell’URL. Ho usato HTTPie che è molto comodo:

http --follow --all get 'http://creativesellar.com/tracking/596dae565fa39a39a9c3f869?src=59ca723d377e015f43de7a16&s1=&s2=&s3=&s4=&s5=&k=598c46292cd1ca261ba4867d'

La pagina delle statistiche di Bit.ly consente di vedere la versione originale dell’URL, di conseguenza si può visitare senza incrementare le statistiche. In altri termini, nessuno di quei 3200 click è mio. 🙂

L’output di HTTPie è decisamente prolisso perché mostra tutti gli header HTTP (piuttosto utili per fare debugging e analizzare pagine sospette) ma mi limito a dire che i redirect sono stati i seguenti:

http://a.trafficrouter.bid/aff_c?offer_id=1628&aff_id=2074&aff_sub=59ca723d377e015f43de7a16&aff_sub2=59dbce2dee485e5e82e82aef&entity=jav

http://mediaroi.go2cloud.org/aff_r?offer_id=1666&aff_id=2074&url=http%3A%2F%2Fbitcoinmillions.co%2Fse%2F%3Foffer_id%3D1666%26aff_id%3D2074%26transaction_id%3D102685e5380c3fe094b3ed05a891bc%26aff_sub%3D59ca723d377e015f43de7a16%26aff_sub2%3D59dbce2dee485e5e82e82aef%26aff_sub3%3D%26aff_sub4%3D%26goal_id%3D2510%26xparam%3Dbitcoinmillions.co%2Fse%26entity%3Djav%26urfname%3D%7Burfname%7D%26urlname%3D%7Burlname%7D%26urphone%3D%7Burphone%7D%26uremail%3D%7Buremail%7D%26urcountry%3D%7Burcountry%7D&urlauth=646211568076217752932436557944

http://bitcoinmillions.co/se/?offer_id=1666&aff_id=2074&transaction_id=102685e5380c3fe094b3ed05a891bc&aff_sub=59ca723d377e015f43de7a16&aff_sub2=59dbce2dee485e5e82e82aef&aff_sub3=&aff_sub4=&goal_id=2510&xparam=bitcoinmillions.co/se&entity=jav&urfname={urfname}&urlname={urlname}&urphone={urphone}&uremail={uremail}&urcountry={urcountry}

La mia reazione è stata più o meno questa.

Alla fine sono capitato su bitcoinmillions.co, in particolare nella versione svedese per via dell’IP della VPN che sto usando oggi. Ho aperto l’URL in una macchina virtuale da analisi e poi ho verificato che il sito è disponibile anche in italiano, tedesco, inglese e qualche altro idioma (basta cambiare il codice della lingua nell’URL).

Stranezze e assurdità

La pagina ha lo scopo di presentare all’ignaro utente il metodo “Bitcoin Code” che consentirebbe, tramite investimenti sulle opzioni binarie, di guadagnare… udite udite… 13000 euro al giorno senza fare un bel niente. Di nuovo: come no! 😀

finto_ceo
Il finto inventore di Bitcoin Code

Secondo il sito, il “genio” dietro a questo metodo (talmente geniale da rivelarlo a tutti gratis) sarebbe Stefano Savarese. Mi correggo: secondo la versione italiana del sito. Infatti per la versione inglese sarebbe Steve McKay, per quella tedesca Sven Hegel e per quella svedese Stefan Holmquist.

La foto del presunto inventore è uguale, ma i nomi sono diversi. Ah, se l’immagine vi piace è possibile acquistarla su questo sito di immagini stock, ma penso che l’aveste già immaginato. Questo fatto è stato scoperto facilmente con TinEye, un motore di ricerca per immagini.

Un altro elemento che non dà alcuna fiducia è il modulo di registrazione senza HTTPS, ma quello purtroppo si trova anche su siti meno “sospetti”. L’ennesimo campanello d’allarme dovrebbe suonare notando che questo metodo “gratuito” richiede un versamento minimo di 250€ che presumibilmente non rivedrete mai più e di certo non diventeranno 13000.

Chi c’è dietro a tutto questo?

Metto subito le mani avanti: l’attribuzione di siti, messaggi e “operazioni di business” varie è una cosa molto complicata e non bisogna fidarsi troppo delle informazioni trovate. D’altro canto però non fidarsi è un atteggiamento buono e prudente.

Detto ciò, la cosa più naturale è controllare il Whois dei vari domini coinvolti, sperando di trovare qualcosa. Così ho fatto:

whois creativesellar.com

… e via dicendo per gli altri. Come temevo, tutti quanti i domini sono protetti da qualche servizio di whois privacy o comunque riportano dati inaccurati. Questo non indica per forza un problema, ma quando si parla di investimenti sarebbe consigliabile sapere con chi si ha veramente a che fare.

Volendo arrivare al dunque, mi sono registrato con un indirizzo di Mailinator e ho cercato di trovare la pagina in cui Bitcoin Code mi avrebbe chiesto dei soldi. Avendo usato la versione inglese del sito, ho ricevuto un’email di conferma inviata da un tale Alfie Hughes usando SendLane, un servizio per l’invio di email.

SendLane aggiunge il nome e l’indirizzo del mittente in fondo al messaggio, o meglio i dati che costui ha usato per crearsi un account. Nell’email che ho ricevuto era riportato:

BTC ltd
7 More London Riverside
London
United Kingdom, SE1 2RT

Peccato che questo sia l’indirizzo della sede londinese di PwC, una rispettabile multinazionale che non ha nulla a che vedere con questa truffa. Ecco l’ennesimo segno dell’inaffidabilità di Bitcoin Code (come se ce ne fosse bisogno).

Per usare l’account e depositare i soldi sono stato rimandato verso un sito esterno, cioè https://www.toroption.com. Dai, almeno questo ha l’HTTPS così ti puoi far spillare del denaro ma in sicurezza. 😉

Anche il Whois di questo dominio è occultato.

La pagina di contatto del sito racchiude un altro aspetto bizzarro: cambia le informazioni e i numeri di telefono a seconda della lingua scelta. Inoltre i dati non sono rappresentati come testo (anche se sembra che sia così) ma sono un’immagine!

La versione inglese è l’unica che riporta due indirizzi:

Main Office
Royal Capital Ltd.,
Off. 13, 97 Andranik
Zoravar St. Yerevan

Smart Choice Zone LP,
272 Bath Street Glasgow.
G2 4JR. Scotland

+44-2035192667
+37-460462823

Scopriamo quindi che l’ufficio principale sarebbe a Yerevan, in Armenia, cosa che sembra plausibile. Il secondo indirizzo è di un servizio che noleggia uffici virtuali a Glasgow, in Scozia. Anche attività rispettabili usano questi servizi, a volte.

Dei due numeri di telefono riportati, il secondo mostra come prefisso +37 (che era in uso alla Germania dell’Est un po’ di anni fa) ma in realtà è +374, che corrisponde all’Armenia.

Il primo è del Regno Unito (coerente col secondo indirizzo) e cercandolo sul web viene fuori un fermo avvertimento da parte dell’Autorità per i Servizi Finanziari e i Mercati (FSMA) del Belgio:

The Financial Services and Markets Authority (FSMA) warns the public against the activities of TorOption, a company that offers binary options without complying with Belgian financial legislation.

TorOption is not allowed to provide banking and/or investment services in or from Belgium.

Furthermore, the FSMA reminds the public that since 18 August 2016, no investment firm (authorized or not) is permitted actively to distribute, within the territory of Belgium, binary options or any other derivative instruments whose maturity is less than one hour and/or that directly or indirectly use leverage (including forex derivatives and CFDs).

The FSMA thus strongly advises against responding to any offer of financial service made by TorOption and against transferring money to any account number it might mention.

L’avvertimento completo, che vi consiglio di leggere, segnala anche un comunicato analogo della Commissione Nazionale del Mercato dei Valori (CNMV) spagnola.

In conclusione

Abbiamo visto come in data odierna migliaia di italiani abbiano ricevuto un messaggio truffaldino, che tentava di convincere le persone ad investire dei soldi con la promessa di guadagni allettanti e assolutamente irreali.

L’analisi delle informazioni disponibili con tecniche OSINT (ma soprattutto la valutazione di cosa non è disponibile) ha confermato ciò che l’intuito faceva presagire: pur non trattandosi di malware, è comunque meglio stare alla larga da Bitcoin Code, TorOption e qualsiasi altra operazione legata a tali entità.

Io non sono un esperto di investimenti, quindi di certo non vi dirò che uso fare dei vostri soldi, né voglio pubblicizzare altre alternative più affidabili (come invece ho visto fare ad altri siti che hanno accennato a Bitcoin Code). 🙂

Però una cosa ve la voglio dire: se volete fare investimenti, valutate attentamente l’affidabilità dei soggetti coinvolti. Non lasciatevi allettare dal miraggio di guadagni talmente facili da essere impossibili!

Annunci

I miei talk a ESC 2017 — Venerdì 01/09/2017, Venezia

Esattamente a un anno dalla mia prima partecipazione a ESC, sono stato nuovamente invitato per portare un contributo a questo interessante evento. Dal sito ufficiale:

ESC è un incontro non-profit di persone interessate al Software e Hardware Libero, all’Hacking e al DIY. Il contenuto dell’evento è in continua evoluzione e viene creato dai suoi partecipanti.

In particolare, quest’anno ho deciso di partecipare anche perché ci sono state delle novità organizzative. Sono convinto che ciò porterà una ventata di freschezza e di continuo miglioramento all’evento, cosa che non fa mai male. 🙂 L’edizione 2017 sarà coordinata da Sebastiano Mestre (fondatore dell’evento) con l’aiuto dell’Associazione Radioamatori Italiani – Sezione di Mestre – “Enrico De Rossi I3DRE”.

Ma non preoccupatevi, la consueta formula amichevole, gratuita e informale (con tanto di campeggio) rimarrà invariata! 😉 Io sarò presente il 1° settembre con due talk, il primo dei quali in rappresentanza di Gimp Italia:

Ore 15:00 — Correzioni fotografiche con GIMP

GIMP possiede tutti gli strumenti necessari per operare le correzioni più diffuse alle foto. Alcuni accorgimenti, infatti, consentono di osservare subito un miglioramento delle immagini. Il talk verterà su un approccio semplice per la correzione di luminosità e colori.

Il secondo invece sarà una riproposizione di un talk che avevo tenuto alla DUCC-IT a Vicenza:

Ore 16:00 — Ask Ubuntu: aiutare anche senza saper programmare

Ask Ubuntu è un sito Q&A (domanda e risposta) che raccoglie gli utenti di questa popolare distribuzione. Tramite un sistema collaborativo ed autogestito, tutti i partecipanti donano il proprio contributo per aiutarsi a vicenda e risolvere problemi o dubbi relativi all’uso di Ubuntu, portando beneficio a tutta la comunità.

Come nelle scorse edizioni, l’evento si terrà a Forte Bazzera e naturalmente questi due talk sono solo la punta dell’iceberg. Ci sono tantissimi talk in programma perciò non lasciateveli sfuggire!

Vi ricordo che per partecipare è necessario registrarsi qui.

Ci vediamo all’ESC! 😀

Leggere giornali e riviste gratis legalmente

Con l’avvento del web e delle nuove tecnologie i quotidiani hanno avuto la necessità di adattare il proprio format, reinventarsi e competere con altre forme di comunicazione come i video e i post sui social network. Nonostante questo, la carta stampata (vera o digitale) è ancora un mezzo utile per rimanere aggiornati sugli ultimi avvenimenti.

Quando si trovano in giro articoli o guide che parlano di leggere giornali e riviste gratis, purtroppo si va a parare molto spesso su siti di dubbia origine, dove si trovano copie pirata in PDF (o addirittura scansioni) delle varie testate. Se vi aspettate un articolo simile, rimarrete delusi.

In questo post desidero parlarvi di un metodo assolutamente legale, senza scaricare “a sbafo”, per leggere quotidiani e settimanali in modo gratuito e lecito. La soluzione a questo desiderio si trova in una risorsa che praticamente tutti noi abbiamo a disposizione anche se a volte non ci pensiamo: la biblioteca cittadina.

Ottenere una o più tessere

La prima cosa da fare per leggere i giornali in modo gratuito è l’unico passaggio di questa guida che richiede di recarsi fisicamente da qualche parte (solo una volta). Se non possedete già la tessera della biblioteca a voi più vicina, andateci e richiedetela.

Non dimenticate anche di informarvi sull’eventuale rete di biblioteche di cui fa parte la vostra. Il trucco per massimizzare i giornali che si possono leggere gratis è quello di avere accesso a più reti diverse.

Domandate anche come avere accesso alla risorse digitali.

Facendo un esempio pratico, io abito al confine tra la provincia di Vicenza e quella di Treviso. Entrambi i territori usano una rete provinciale, questo significa che bastano le tessere di due comuni per accedere rispettivamente a:

Ho deciso di registrarmi in una biblioteca per ciascuna provincia, perché tutte e due forniscono l’accesso a giornali e riviste differenti. Inoltre consentono di prendere in prestito gli e-book (ma non parlerò di questo).

Voi potete registrarvi alla biblioteca del comune dove vivete o lavorate… e se studiate all’università in una grande città (magari in una provincia diversa) conviene avere una tessera anche lì.

Se ne avete la possibilità, vi consiglio calorosamente di tesserarvi presso una tra le biblioteche che aderiscono alla piattaforma MediaLibrary Online di cui parlerò anche di seguito.

Accedere a giornali e riviste

L’accesso alle risorse digitali può variare leggermente a seconda della biblioteca, ma generalmente si tratta solo di visitare il sito web e fare il login con i propri dati d’accesso. Quindi cercate la sezione chiamata “edicola” o quella con un nome simile. 🙂

Per esempio, su TVB – Biblioteche Trevigiane la voce che vi interessa è sulla barra laterale a sinistra:

treviso_biblio_01.png
Accesso all’edicola digitale sul portale TVB

Una volta all’interno, potete vedere che ci sono “solo” tre quotidiani gratis:

treviso_biblio_02.png
Titoli disponibili per la lettura

Non sono tanti, però si tratta pur sempre di un bel risparmio se considerate che un singolo quotidiano può costare facilmente anche 200€ all’anno.

Cliccando sopra a una testata si apre la visualizzazione completa delle pagine e poi è possibile passare anche al testo degli articoli mostrato come se fosse un blog. Nelle figure seguenti trovate un esempio di entrambe le viste.

Bene, già così potete leggere tre quotidiani in modo completamente gratuito. Tuttavia potrete veramente leggere a più non posso utilizzando il portale di un ente che ha una convenzione con MediaLibrary Online, come ad esempio Biblioinrete.

Per farvi un esempio, se utilizzate la convenzione tra le biblioteche vicentine e MediaLibrary Online vi basta effettuare l’accesso da questo portale dedicato. Una volta all’interno, filtrate le risorse per tipologia e vedrete un catalogo molto ricco:

mlol_biblio_001.jpg
Oltre 6600 risorse da tutto il mondo

Aprendo la scheda di un quotidiano potete notare che questa immensa disponibilità di titoli deriva dal fatto che MLOL è a sua volta arricchito da una partnership con PressReader, portale che fornisce giornali e riviste da moltissimi paesi:

mlol_biblio_002.png
Scheda di un quotidiano su MediaLibrary Online

Vi basta quindi premere il pulsante Sfoglia per accedere alla piattaforma di PressReader. È possibile creare un account ma non è obbligatorio, l’accesso viene già effettuato al vostro posto e potete navigare tranquillamente tra gli oltre 140 titoli (tra giornali e settimanali) del nostro paese. Se preferite potete visionare anche le testate estere. 😀

Potete visualizzare diverse schermate di MLOL nella gallery:

Conclusione

Le biblioteche italiane svolgono un ruolo straordinario nella diffusione e la preservazione della cultura. Con i tempi che corrono è finalmente possibile fruire di numerosissime risorse digitali in modo gratuito e legale.

Se desiderate leggere quotidiani e riviste risparmiando centinaia di euro all’anno sugli abbonamenti, non è assolutamente necessario (e non sarebbe giusto) affidarsi a siti pirata per poi magari trovarsi delle scansioni di scarsa qualità. Risulta molto più pratico fruire delle opportunità offerte dalle biblioteche, che sono lecite e ci consentono di sfruttare questo appropriato uso dei soldi pubblici.

Buona lettura! 🙂

Il mio talk a DUCC-IT — Vicenza, 7 maggio 2017

Tra circa due settimane ci sarà un’importante occasione per riunirsi con molte persone appassionate di Linux e software libero, ovvero la DUCC-IT:

La Debian/Ubuntu Community Conference Italia 2017 (in breve DUCC-IT 2017) è la quinta edizione dell’evento annuale che riunisce le comunità italiane di Debian e Ubuntu ma anche e soprattutto tutte le realtà italiane attive nel Software Libero, allo scopo di scambiare conoscenze, discutere della situazione attuale e conoscere altri sviluppatori e membri della comunità.

L’evento si svolgerà il 6 e 7 maggio a Vicenza, precisamente a Villa Lattes. Personalmente mi fa molto piacere che una due giorni così interessante sia dalle mie parti e il programma è davvero ghiotto!

Io terrò un talk che farà da fanalino di coda alla domenica 😛 e tratterà della comunità di Ask Ubuntu, ovvero uno dei migliori luoghi virtuali dove parlare di Ubuntu e aiutarsi tra utilizzatori di questo ottimo sistema operativo:

Aiutare anche senza saper programmare

Ask Ubuntu è un sito Q&A (domanda e risposta) che raccoglie gli utenti di questa popolare distribuzione. Tramite un sistema collaborativo ed autogestito, tutti i partecipanti donano il proprio contributo per aiutarsi a vicenda e risolvere problemi o dubbi relativi all’uso di Ubuntu, portando beneficio a tutta la comunità.

Vi ricordo che l’evento è ad accesso libero e gratuito. Di seguito trovate alcune indicazioni utili, tra cui la pagina per prenotare il posto al ristorante (per chi vuole) entro il 28 aprile:

Presentazione del ciclo «Dieci volti dell’Informatica» a Bassano del Grappa (VI)

L’informatica è una scienza che troppo spesso viene fraintesa o male interpretata. Ci sono persone che usano e abusano il termine “informatica” o “informatico” per descrivere attività e professioni che poco hanno a che fare con questa disciplina. Il fatto che le cronache si riempiano di personaggi vari, presunti “esperti” di materie che non padroneggiano in modo approfondito, contribuisce a perpetrare questa scarsa consapevolezza di cosa sia davvero l’informatica.

Il problema più grosso, però, è che pochi parlano di informatica (intendo la scienza, quella vera) in modo divulgativo e dedicato ad un pubblico non esperto. Ci sono meravigliose trasmissioni televisive che parlano di fisica, chimica, biologia, geologia… ma manca sempre l’informatica.

Questo è il motivo che mi ha portato a organizzare, con l’associazione GrappaLUG, un itinerario culturale di dieci serate divulgative sull’informatica. Il mio obiettivo è quello di portare degli spunti, far conoscere al pubblico che cos’è questa scienza e magari scatenare la curiosità di qualcuno che potrebbe trovarla interessante. 🙂

Il percorso si intitola:

Dieci volti dell’Informatica
Itinerario culturale di introduzione alla scienza dell’informazione

Questo giovedì (9 marzo) alle 21.15 ci sarà un incontro introduttivo in cui presenterò il programma dettagliato degli incontri. Cito dal sito dell’associazione:

In tale occasione si parlerà dello scopo per cui è stato ideato questo itinerario culturale, gli argomenti che verranno trattati, nonché date e orari delle dieci serate. La sera stessa apriranno le iscrizioni e i presenti potranno prenotare in anteprima il proprio posto.

Questa serie di incontri è dedicata ad un pubblico non esperto e non richiede specifiche conoscenze pregresse.

Se volete iscrivervi gratuitamente in anteprima non mancate, perché sul sito si potrà fare solo in seguito! 😀

Fonte: Presentazione del ciclo «Dieci volti dell’Informatica» – GrappaLUG