I miei talk a ESC 2017 — Venerdì 01/09/2017, Venezia

Esattamente a un anno dalla mia prima partecipazione a ESC, sono stato nuovamente invitato per portare un contributo a questo interessante evento. Dal sito ufficiale:

ESC è un incontro non-profit di persone interessate al Software e Hardware Libero, all’Hacking e al DIY. Il contenuto dell’evento è in continua evoluzione e viene creato dai suoi partecipanti.

In particolare, quest’anno ho deciso di partecipare anche perché ci sono state delle novità organizzative. Sono convinto che ciò porterà una ventata di freschezza e di continuo miglioramento all’evento, cosa che non fa mai male. 🙂 L’edizione 2017 sarà coordinata da Sebastiano Mestre (fondatore dell’evento) con l’aiuto dell’Associazione Radioamatori Italiani – Sezione di Mestre – “Enrico De Rossi I3DRE”.

Ma non preoccupatevi, la consueta formula amichevole, gratuita e informale (con tanto di campeggio) rimarrà invariata! 😉 Io sarò presente il 1° settembre con due talk, il primo dei quali in rappresentanza di Gimp Italia:

Ore 15:00 — Correzioni fotografiche con GIMP

GIMP possiede tutti gli strumenti necessari per operare le correzioni più diffuse alle foto. Alcuni accorgimenti, infatti, consentono di osservare subito un miglioramento delle immagini. Il talk verterà su un approccio semplice per la correzione di luminosità e colori.

Il secondo invece sarà una riproposizione di un talk che avevo tenuto alla DUCC-IT a Vicenza:

Ore 16:00 — Ask Ubuntu: aiutare anche senza saper programmare

Ask Ubuntu è un sito Q&A (domanda e risposta) che raccoglie gli utenti di questa popolare distribuzione. Tramite un sistema collaborativo ed autogestito, tutti i partecipanti donano il proprio contributo per aiutarsi a vicenda e risolvere problemi o dubbi relativi all’uso di Ubuntu, portando beneficio a tutta la comunità.

Come nelle scorse edizioni, l’evento si terrà a Forte Bazzera e naturalmente questi due talk sono solo la punta dell’iceberg. Ci sono tantissimi talk in programma perciò non lasciateveli sfuggire!

Vi ricordo che per partecipare è necessario registrarsi qui.

Ci vediamo all’ESC! 😀

Annunci

Leggere giornali e riviste gratis legalmente

Con l’avvento del web e delle nuove tecnologie i quotidiani hanno avuto la necessità di adattare il proprio format, reinventarsi e competere con altre forme di comunicazione come i video e i post sui social network. Nonostante questo, la carta stampata (vera o digitale) è ancora un mezzo utile per rimanere aggiornati sugli ultimi avvenimenti.

Quando si trovano in giro articoli o guide che parlano di leggere giornali e riviste gratis, purtroppo si va a parare molto spesso su siti di dubbia origine, dove si trovano copie pirata in PDF (o addirittura scansioni) delle varie testate. Se vi aspettate un articolo simile, rimarrete delusi.

In questo post desidero parlarvi di un metodo assolutamente legale, senza scaricare “a sbafo”, per leggere quotidiani e settimanali in modo gratuito e lecito. La soluzione a questo desiderio si trova in una risorsa che praticamente tutti noi abbiamo a disposizione anche se a volte non ci pensiamo: la biblioteca cittadina.

Ottenere una o più tessere

La prima cosa da fare per leggere i giornali in modo gratuito è l’unico passaggio di questa guida che richiede di recarsi fisicamente da qualche parte (solo una volta). Se non possedete già la tessera della biblioteca a voi più vicina, andateci e richiedetela.

Non dimenticate anche di informarvi sull’eventuale rete di biblioteche di cui fa parte la vostra. Il trucco per massimizzare i giornali che si possono leggere gratis è quello di avere accesso a più reti diverse.

Domandate anche come avere accesso alla risorse digitali.

Facendo un esempio pratico, io abito al confine tra la provincia di Vicenza e quella di Treviso. Entrambi i territori usano una rete provinciale, questo significa che bastano le tessere di due comuni per accedere rispettivamente a:

Ho deciso di registrarmi in una biblioteca per ciascuna provincia, perché tutte e due forniscono l’accesso a giornali e riviste differenti. Inoltre consentono di prendere in prestito gli e-book (ma non parlerò di questo).

Voi potete registrarvi alla biblioteca del comune dove vivete o lavorate… e se studiate all’università in una grande città (magari in una provincia diversa) conviene avere una tessera anche lì.

Se ne avete la possibilità, vi consiglio calorosamente di tesserarvi presso una tra le biblioteche che aderiscono alla piattaforma MediaLibrary Online di cui parlerò anche di seguito.

Accedere a giornali e riviste

L’accesso alle risorse digitali può variare leggermente a seconda della biblioteca, ma generalmente si tratta solo di visitare il sito web e fare il login con i propri dati d’accesso. Quindi cercate la sezione chiamata “edicola” o quella con un nome simile. 🙂

Per esempio, su TVB – Biblioteche Trevigiane la voce che vi interessa è sulla barra laterale a sinistra:

treviso_biblio_01.png
Accesso all’edicola digitale sul portale TVB

Una volta all’interno, potete vedere che ci sono “solo” tre quotidiani gratis:

treviso_biblio_02.png
Titoli disponibili per la lettura

Non sono tanti, però si tratta pur sempre di un bel risparmio se considerate che un singolo quotidiano può costare facilmente anche 200€ all’anno.

Cliccando sopra a una testata si apre la visualizzazione completa delle pagine e poi è possibile passare anche al testo degli articoli mostrato come se fosse un blog. Nelle figure seguenti trovate un esempio di entrambe le viste.

Bene, già così potete leggere tre quotidiani in modo completamente gratuito. Tuttavia potrete veramente leggere a più non posso utilizzando il portale di un ente che ha una convenzione con MediaLibrary Online, come ad esempio Biblioinrete.

Per farvi un esempio, se utilizzate la convenzione tra le biblioteche vicentine e MediaLibrary Online vi basta effettuare l’accesso da questo portale dedicato. Una volta all’interno, filtrate le risorse per tipologia e vedrete un catalogo molto ricco:

mlol_biblio_001.jpg
Oltre 6600 risorse da tutto il mondo

Aprendo la scheda di un quotidiano potete notare che questa immensa disponibilità di titoli deriva dal fatto che MLOL è a sua volta arricchito da una partnership con PressReader, portale che fornisce giornali e riviste da moltissimi paesi:

mlol_biblio_002.png
Scheda di un quotidiano su MediaLibrary Online

Vi basta quindi premere il pulsante Sfoglia per accedere alla piattaforma di PressReader. È possibile creare un account ma non è obbligatorio, l’accesso viene già effettuato al vostro posto e potete navigare tranquillamente tra gli oltre 140 titoli (tra giornali e settimanali) del nostro paese. Se preferite potete visionare anche le testate estere. 😀

Potete visualizzare diverse schermate di MLOL nella gallery:

Conclusione

Le biblioteche italiane svolgono un ruolo straordinario nella diffusione e la preservazione della cultura. Con i tempi che corrono è finalmente possibile fruire di numerosissime risorse digitali in modo gratuito e legale.

Se desiderate leggere quotidiani e riviste risparmiando centinaia di euro all’anno sugli abbonamenti, non è assolutamente necessario (e non sarebbe giusto) affidarsi a siti pirata per poi magari trovarsi delle scansioni di scarsa qualità. Risulta molto più pratico fruire delle opportunità offerte dalle biblioteche, che sono lecite e ci consentono di sfruttare questo appropriato uso dei soldi pubblici.

Buona lettura! 🙂

Il mio talk a DUCC-IT — Vicenza, 7 maggio 2017

Tra circa due settimane ci sarà un’importante occasione per riunirsi con molte persone appassionate di Linux e software libero, ovvero la DUCC-IT:

La Debian/Ubuntu Community Conference Italia 2017 (in breve DUCC-IT 2017) è la quinta edizione dell’evento annuale che riunisce le comunità italiane di Debian e Ubuntu ma anche e soprattutto tutte le realtà italiane attive nel Software Libero, allo scopo di scambiare conoscenze, discutere della situazione attuale e conoscere altri sviluppatori e membri della comunità.

L’evento si svolgerà il 6 e 7 maggio a Vicenza, precisamente a Villa Lattes. Personalmente mi fa molto piacere che una due giorni così interessante sia dalle mie parti e il programma è davvero ghiotto!

Io terrò un talk che farà da fanalino di coda alla domenica 😛 e tratterà della comunità di Ask Ubuntu, ovvero uno dei migliori luoghi virtuali dove parlare di Ubuntu e aiutarsi tra utilizzatori di questo ottimo sistema operativo:

Aiutare anche senza saper programmare

Ask Ubuntu è un sito Q&A (domanda e risposta) che raccoglie gli utenti di questa popolare distribuzione. Tramite un sistema collaborativo ed autogestito, tutti i partecipanti donano il proprio contributo per aiutarsi a vicenda e risolvere problemi o dubbi relativi all’uso di Ubuntu, portando beneficio a tutta la comunità.

Vi ricordo che l’evento è ad accesso libero e gratuito. Di seguito trovate alcune indicazioni utili, tra cui la pagina per prenotare il posto al ristorante (per chi vuole) entro il 28 aprile:

Presentazione del ciclo «Dieci volti dell’Informatica» a Bassano del Grappa (VI)

L’informatica è una scienza che troppo spesso viene fraintesa o male interpretata. Ci sono persone che usano e abusano il termine “informatica” o “informatico” per descrivere attività e professioni che poco hanno a che fare con questa disciplina. Il fatto che le cronache si riempiano di personaggi vari, presunti “esperti” di materie che non padroneggiano in modo approfondito, contribuisce a perpetrare questa scarsa consapevolezza di cosa sia davvero l’informatica.

Il problema più grosso, però, è che pochi parlano di informatica (intendo la scienza, quella vera) in modo divulgativo e dedicato ad un pubblico non esperto. Ci sono meravigliose trasmissioni televisive che parlano di fisica, chimica, biologia, geologia… ma manca sempre l’informatica.

Questo è il motivo che mi ha portato a organizzare, con l’associazione GrappaLUG, un itinerario culturale di dieci serate divulgative sull’informatica. Il mio obiettivo è quello di portare degli spunti, far conoscere al pubblico che cos’è questa scienza e magari scatenare la curiosità di qualcuno che potrebbe trovarla interessante. 🙂

Il percorso si intitola:

Dieci volti dell’Informatica
Itinerario culturale di introduzione alla scienza dell’informazione

Questo giovedì (9 marzo) alle 21.15 ci sarà un incontro introduttivo in cui presenterò il programma dettagliato degli incontri. Cito dal sito dell’associazione:

In tale occasione si parlerà dello scopo per cui è stato ideato questo itinerario culturale, gli argomenti che verranno trattati, nonché date e orari delle dieci serate. La sera stessa apriranno le iscrizioni e i presenti potranno prenotare in anteprima il proprio posto.

Questa serie di incontri è dedicata ad un pubblico non esperto e non richiede specifiche conoscenze pregresse.

Se volete iscrivervi gratuitamente in anteprima non mancate, perché sul sito si potrà fare solo in seguito! 😀

Fonte: Presentazione del ciclo «Dieci volti dell’Informatica» – GrappaLUG

Il mio talk a ESC 2016 — Giovedì 01/09/2016, Forte Bazzera (VE)

Mi è stato proposto di partecipare all’ESC 2016 e di tenere un talk attinente al mio lavoro di tesi sul file system NTFS. ESC è un incontro di persone interessate al Software e Hardware Libero, all’Hacking, al DIY. Si tratta di un evento con contenuti in continua evoluzione, che vengono creati dai suoi partecipanti.

In particolare, ESC utilizza la formula del campeggio per riunire gli appassionati i quali poi possono assistere a talk e seminari, oltre a partecipare a laboratori vari e LAN party. I talk, caps e labs ufficiali saranno programmati da giovedì 1 a sabato 3 settembre, ma chi lo desidera può arrivare già mercoledì 31 e restare fino a domenica 4.

Il mio talk si svolgerà giovedì 1 settembre, di pomeriggio:

Giovedì 01/09/2016 — 15:00:00
Ricostruzione forense di NTFS con metadati parzialmente danneggiati
Andrea Lazzarotto (Lazza)
Forte Bazzera (VE)

A seguito terrò anche un laboratorio dove mostrerò l’utilizzo pratico di RecuperaBit, il mio software per la ricostruzione di NTFS.

L’ingresso è gratuito, e da quest’anno anche il campeggio. Tuttavia, c’è un limite al numero di partecipanti. È quindi necessario pre-registrarsi obbligatoriamente in maniera da rispettare il criterio “primo arrivato, primo servito”.

Potete trovare tutti i dettagli riguardo all’evento, compresa la lunga lista di interessantissimi talk e laboratori sul sito di ESC 2016. 🙂