Bloccare le pubblicità sui dispositivi Android

Il web è un calderone di informazioni sconfinato, ma è anche un grandissimo contenitore di pubblicità. A volte troppa pubblicità. Ci sono siti di notizie dove le “notizie correlate” sono un miscuglio di notizie vere e link sponsorizzati a prodotti che promettono di far perdere peso, blog in cui prima di leggere un articolo bisogna chiudere finestre modali gigantesche e lampeggianti, e così via.

Ma un altro aspetto negativo, forse il più importante, è la costante profilazione degli utenti da parte delle agenzie pubblicitarie. Siamo arrivati ad una situazione in cui ci addentriamo nell’era della no-privacy su Internet, per citare un articolo di Pagina99.

La pubblicità è fastidiosa e su cellulare lo è ancor di più.

Perché gli utenti bloccano la pubblicità

Tune, un’agenzia di marketing che lavora nel settore del publishing online, ha pubblicato uno studio dedicato proprio ad analizzare le ragioni per cui le persone bloccano la pubblicità sui dispositivi mobili e quanto il fenomeno incida sulla popolazione.

tune_blocking_2016
1 persona su 4 ha installato una app per bloccare le pubblicità

Dalle interviste è risultato che il 25% delle persone ha installato un’applicazione per bloccare gli annunci sul proprio dispositivo mobile. Probabilmente le ragioni non sono uguali per ogni persona, ma a mio avviso ce ne sono diverse e sono piuttosto importanti.

Le motivazioni principali per bloccare le pubblicità possono essere:

  • Risparmio di tempo — Le pubblicità pesano, e anche parecchio. Forse non è un gran problema con una ADSL o la fibra ottica, ma può esserlo con una connessione 3G. Nel 2015 il New York Times ha effettuato un test e ha rilevato come una pagina impiegasse 33 secondi a caricarsi, ma solo 7 secondi col blocco attivato.
  • Risparmio di denaro — Siamo ancora lontani dal momento in cui avremo i “giga” infiniti nei nostri piani tariffari. Per ora dobbiamo accontentarci di avere una soglia dati ben definita, ma una buona fetta di byte viene sprecata in pubblicità. Nel test del New York Times, la pagina con pubblicità pesava 16.3 MB mentre si scendeva a 3.5 MB per la stessa pagina senza annunci. In sostanza, la pubblicità consumava il 79% del traffico.
  • Privacy — Il tracking effettuato dai circuiti pubblicitari raggiunge livelli molto elevati, a volte decisamente inaccettabili. Il problema della privacy non si risolve con stupide normative sui cookie (con banner lapalissiani che avvisano del tracking, senza sortire alcun effetto) ma si risolve bloccando i tracker in partenza.
  • Fastidio costante — Molti siti che usano la pubblicità lo fanno in modo sbagliato. Invece di cercare di interessare l’utente, provano a infastidirlo piazzando i banner in mezzo al testo, o addirittura sopra di esso. Specialmente sui cellulari, lo spazio è una risorsa preziosa e non si può sprecare la maggior parte dello schermo per mostrare pubblicità.
  • Rischio di malware — La pubblicizzazione di applicazioni indesiderate o pericolose è piuttosto frequente quando si naviga col cellulare. Nel 2014 la BBC ha riportato uno studio che definisce le pubblicità “il più grande rischio di mobile malware”.

Credo sia pacifico che i siti web non hanno alcun diritto di consumare oltre il 50% del nostro traffico di rete, per di più tracciando tutti i nostri comportamenti. Senza contare il fatto che dovremmo proteggere le persone meno avvezze alla tecnologia dal rischio di installare malware sui propri dispositivi.

Fino a quando non si diffonderanno dei metodi pubblicitari sensati, sicuri e ragionevoli, la soluzione più efficace per arginare il problema è bloccare direttamente gli annunci. Viste le possibili motivazioni, rimane da vedere come funzionano effettivamente questi blocchi e come si possono installare su Android.

Qui potete vedere alcuni esempi di “prima/dopo” con il risultato che vogliamo ottenere:

Come funzionano i blocchi

Esistono diverse tecniche di blocco, specialmente quando si parla di ad blocker per il browser. Se prendiamo come esempi la famosissima estensione Adblock Plus, o la meno diffusa (ma più precisa e leggera) uBlock Origin, possiamo verificare che questi strumenti applicano varie tecniche:

  • Blocco di indirizzi web dedicati esclusivamente alla pubblicità
  • Blocco di specifici tipi di risorse (per esempio elementi Flash o immagini)
  • Filtraggio cosmetico (cioè le pubblicità difficili da bloccare vengono solo rese invisibili)

Quando si parla di blocco sui dispositivi mobili, ci sono alcuni browser specifici che combinano questi approcci. Il problema è che funzionano solo per navigare, ma non bloccano i banner all’interno delle app. Tuttavia, è possibile ottenere ottimi risultati sfruttando solo la prima strategia (il blocco degli indirizzi) perché molti siti web usano network pubblicitari esterni e quindi facili da bloccare.

Tanto per fare un esempio pratico, configurando il vostro dispositivo per bloccare (o comunque rendere irraggiungibile) il dominio googlesyndacation.com impedirete il caricamento di qualsiasi banner di Google AdSense su qualsiasi sito web. 😉

Per ottenere questo risultato, bisogna intervenire sulla risoluzione dei nomi di dominio, ovvero quel processo per cui un dispositivo trasforma un nome come google.com in un indirizzo IP come 216.58.214.110. Si può procedere in due modi:

  • Usare un server DNS filtrato — Il server DNS è il computer a cui si collegano i nostri dispositivi (o il nostro router) per effettuare la risoluzione di un dominio. Se il DNS filtra determinati indirizzi di server pubblicitari, i banner non riescono a caricarsi. Vi consiglio Alternate DNS che è gratuito e molto efficace.
  • Usare un file di host sul dispositivo — Prima di usare un server DNS, il computer (o il cellulare) verifica se ha già “la risposta pronta” controllando delle liste di traduzione da dominio a IP. Se il dispositivo è configurato con delle apposite liste che rendono irraggiungibili i server pubblicitari, il risultato è analogo (e anche lievemente più rapido).

In rete ci sono diversi articoli che spiegano come bloccare la pubblicità su Android, ma molti di essi si basano sul fatto che gli utenti abbiano effettuato il rooting al telefono, oppure funzionano solo con versioni di Android dalla 5.0 in poi. In realtà è possibile applicare queste tecniche con qualsiasi versione di Android a partire dalla 4.0, anche senza permessi di root.

Le sezioni seguenti spiegano come fare nei vari casi. Scegliete quella più adatta alle vostre esigenze!

Dispositivi con i permessi di root (Android 4.1 e seguenti)

I permessi di root ci consentono di effettuare modifiche al sistema operativo, compresa la possibilità di installare dei file di host personalizzati per bloccare i server pubblicitari. AdAway è un’ottima app che automatizza il tutto.

Non si può installare tramite Play Store (dove le app di questo tipo sono vietate) ma la potete ottenere tramite lo store F-Droid che tra l’altro contiene solo software libero e open source. Procedete quindi all’installazione di F-Droid:

  • Attivate l’installazione di app da origini sconosciute nelle preferenze di sicurezza del vostro dispositivo
  • Scaricate e installate l’APK di F-Droid dal sito
  • Aprite F-Droid e premete la voce Aggiorna i repository nel menu
  • Cercate AdAway e installatelo

Le figure mostrano il processo passo per passo:

A questo punto potete aprire AdAway:

  • Date i permessi di root all’applicazione quando viene richiesto
  • Cliccate sul bottone per scaricare i filtri
  • Confermate di voler riavviare il telefono quando vi viene proposto

Da questo momento il filtro sarà sempre attivo, potreste persino disinstallare l’app… anche se vi consiglio di tenerla e di aggiornare periodicamente i filtri con lo stesso pulsante. 🙂

Dispositivi senza permessi di root (Android 5.0 e seguenti)

Se il telefono non è rootato, l’unico modo per filtrare le richieste a un server DNS e/o le connessioni a determinati server è l’attivazione di una VPN da parte di una app. Ho già parlato in passato di cosa sono le VPN e di quanto sia fondamentale usarle per proteggersi, perciò dovreste avere una vaga idea di cosa sto parlando.

La cosa interessante però è che andremo ad usare una app che crea una finta VPN, cioè non instrada il nostro traffico su server sicuri ma si limita a bloccare gli indirizzi dei server che forniscono le pubblicità. Chi usa Android 5.0 o versioni successive può usare DNS66, che si può installare sempre tramite F-Droid (consultate la sezione dedicata ad AdAway per maggiori dettagli).

DNS66 contiene dei file di host già configurati, pertanto basta poco per attivare i filtri:

  • Aprite DNS66
  • Premete il pulsante con la freccia circolare per aggiornare i file di host
  • Tenete premuto a lungo il grosso bottone di accensione
  • Android vi mostrerà una richiesta per consentire l’uso della VPN
  • Verificate che ci sia il simbolo della chiave in alto sullo schermo e che DNS66 sia nello stato Running

I filtri si possono disattivare a piacere usando il bottone nell’app. Nelle versioni recenti di Android la VPN dovrebbe ripartire automaticamente anche se riavviate il telefono.

Dispositivi senza permessi di root (Android 4.0 e seguenti)

NoRoot Data Firewall è una app gratuita che permette di bloccare il collegamento ad Internet di alcune applicazioni. Lo fa usando lo stesso trucco della finta VPN usato da DNS66 e la cosa interessante è che dà la possibilità di usare un server DNS personalizzato. Possiamo pertanto sfruttare questa app anche senza utilizzarne le funzioni di firewall, ma limitandoci a impostare un server DNS che blocchi i server pubblicitari.

Procedete come segue:

  • Installate NoRoot Data Firewall da Google Play Store (ha uno scudo blu come logo)
  • Aprite la app e consentite l’avvio della VPN, dichiarandola sempre attendibile
  • Osservate che le app hanno due colonne di simboli gialli (sono relativi al filtraggio)
  • Cliccate sul simbolo dell’antenna in cima alla prima colonna e selezionate Permetti tutte le connessioni
  • Ripetete la stessa operazione con la seconda colonna (a questo punto dovreste aver consentito l’uso di Internet a tutte le app)
  • Spostatevi sulla sezione Config e sui Permessi di default mettete Permetti connessione in entrambi i casi
  • Scorrete in basso, attivate Set DNS server e come indirizzo impostate quello di Alternate DNS: 198.101.242.72
  • Riavviate il dispositivo

Alcune versioni vecchie di Android potrebbero chiedervi una conferma di connessione alla VPN ogni volta che accendete il telefono.

Cambio del DNS per chi usa già una VPN

Come avrete notato, le due soluzioni per dispositivi senza permessi di root richiedono l’attivazione di una (finta) VPN. Però, come dicevo prima, è importante utilizzare un vero servizio VPN per navigare in modo sicuro.

Pertanto, chi ha a cuore la propria sicurezza anche nelle reti wireless dei locali pubblici fa già uso di una app VPN e non ne può attivare due contemporaneamente. Mi trovo anche io in questa situazione.

Fortunatamente, in questo caso si può utilizzare comunque un server DNS personalizzato. Quasi tutte le app Android dei vari provider VPN infatti sono basate su OpenVPN e i client OpenVPN consentono di configurare il server DNS. Il come però dipende un po’ da quale provider utilizzate e dalla app con cui vi collegate.

Io utilizzo VPNSecure e la loro app ufficiale, perciò userò questa come esempio. Per cambiare il DNS ho proceduto nel modo seguente:

  • Ho aperto la app e sono andato su Settings
  • Alla voce Advanced config ho scritto questa riga per impostare il server di Alternate DNS:
    dhcp-option DNS 198.101.242.72
  • Ho premuto Add to config
  • Ho scollegato e ricollegato la VPN

Altre app simili potrebbero avere i parametri in un altra sezione, però la riga di configurazione OpenVPN da aggiungere è sempre quella.

Conclusione

In questo post abbiamo visto che ci sono diversi modi per bloccare la pubblicità su Android e si può fare anche senza permessi di root. Il blocco si configura una volta e non ci si pensa più, o al limite si può ricontrollare ogni tanto per vedere se si devono aggiornare i file di host.

Così facendo si può godere di una navigazione più veloce, che consuma meno giga e meno esposta al rischio di malware o banner fastidiosi. Naturalmente il filtro “perfetto” non esiste e qualcosina potrebbe passare lo stesso, ma la differenza la noterete subito. 😀

Guardare e registrare tutte le stagioni di Braccialetti Rossi da Rai Play

Aggiornamento 15 dicembre 2016: La versione iniziale di questo articolo era limitata all’ultima stagione, ovvero Braccialetti Rossi 3. È stato successivamente integrato con i riferimenti alle stagioni precedenti.

Braccialetti Rossi è una delle fiction Rai attualmente più apprezzate in assoluto e da poco è terminata la terza stagione. Come accaduto in passato per le precedenti stagioni (e anche per altre decine di serie TV andate in onda sulle reti Rai) tutti gli episodi erano stati resi disponibili su Rai Play. Come di consueto quindi, molte persone hanno potuto riguardare gli episodi e anche salvarli sul PC utilizzando il mio script per scaricare i video da Rai Play.

Ne so qualcosa visto che l’ultima puntata è stata trasmessa eccezionalmente di giovedì invece che di domenica, me ne sono completamente dimenticato e l’ho poi salvata dal sito della Rai.

Recentemente, in modo del tutto improvviso e senza alcuna comunicazione, sembra che la Rai abbia del tutto rimosso la sezione Episodi dalla pagina del programma:

Le motivazioni non sono state esplicitate, anche se una mezza idea ce la si può fare guardando gli ultimi post della pagina Facebook ufficiale del programma, ad esempio questo:

Sembra quindi che gli episodi non siano più visibili su Rai Replay. Ma è davvero così?

In realtà no, infatti la Rai (detenendo tutti i diritti necessari alla messa in onda della fiction) ha caricato online i video della serie Braccialetti Rossi sui propri server e questi continuano ad essere disponibili anche dopo che la pagina è stata nascosta.

Di seguito trovate i link diretti ai vari episodi.

Stagione 1:

Stagione 2:

Stagione 3:

Sono link diretti ai video in formato MP4, caricati sui server ufficiali Rai, come potete verificare dai rispettivi URL. Perciò sulla maggior parte dei moderni browser il comportamento è esattamente quello che vi aspettereste: se cliccate col tasto sinistro del mouse potete vedere l’episodio, mentre se cliccate col tasto destro e scegliete la voce Salva con nome (o simile) potete procedere al download.

I video sono a una risoluzione di 1024×576 pixel per le prime due stagioni (tranne l’episodio S2E1) e 928×546 pixel per la terza. La qualità è simile a quella DVD che raggiunge al massimo 720×576 pixel. Vi consiglio di procedere alla registrazione per evitare sorprese.

Buona visione!

Come risparmiare sugli acquisti Amazon

Molte persone attendono con ansia il Black Friday per fare acquisti su Amazon, con la speranza di ottenere i prodotti desiderati ad un prezzo scontato. L’ultimo Black Friday è passato da poco e le reazioni sono state variegate, con alcuni utenti che si sono dichiarati “delusi”.

Personalmente non avevo nulla da comprare quel giorno, ma ho controllato per curiosità due prodotti che avevo comprato durante il Prime Day: lo smartphone e la macchinetta del caffè. Durante il Black Friday il mio smartphone costava €299 (contro €215) e la macchinetta del caffè €38 (contro €34).

Da questo semplice test si può concludere che il Black Friday non è necessariamente il momento migliore per cercare il miglior prezzo e anzi, in realtà i prezzi su Amazon cambiano in continuazione.

Amazon infatti, come tutti gli e-commerce di grandi dimensioni, utilizza un meccanismo chiamato dynamic pricing: i prezzi dei prodotti vengono continuamente aggiustati (a volte perfino ogni giorno) in modo automatico tenendo in considerazione molti parametri.

Un esempio potrebbe essere il periodo dell’anno: pochi giorni prima di Natale difficilmente un negozio farebbe degli sconti sugli articoli da regalo. Dopo Natale invece è più probabile che succeda. Poi subentrano anche altre dinamiche complesse di cui probabilmente nessuno conosce tutti i dettagli, ma la sostanza è questa.

Ci sono essenzialmente due strategie che uso solitamente quando cerco un prodotto su Amazon: controllare i portali dei vari paesi e monitorare le variazioni di prezzo. Di seguito vi descriverò questi due aspetti facendo anche un esempio pratico relativo a un set di DVD che ho acquistato l’anno scorso.

Controllare le versioni europee del portale

Questo chiaramente dipende dall’articolo che si vuole acquistare, ma in genere tanti prodotti si possono trovare su più mercati. Ricordiamoci che non esiste solo Amazon Italia, ma questo colosso vende prodotti anche in Francia, Germania, Regno Unito e Spagna. Amazon Paesi Bassi invece vende solamente libri.

Per CD musicali e libri in inglese (anche usati!), DVD di film o serie TV e prodotti come borse e zaini di marchi famosi conviene sempre dare un’occhiata. Parlo per esperienza personale: nonostante la presenza delle spese di spedizione, mi è capitato più volte di risparmiare.

In alcuni casi vi ritroverete a controllare anche Amazon USA, ovviamente con spese di spedizione più elevate. Però per certi prodotti può valere la pena (per esempio i libri universitari in inglese: un usato può costare 20-25 euro con spedizione mentre nuovo costerebbe 60-80 euro).

Monitorare i prezzi con CamelCamelCamel

Come ho scritto più su, i prezzi su Amazon variano nel tempo. CamelCamelCamel è un portale dedicato proprio a verificare queste variazioni. Funziona in un modo molto semplice: voi indicate il codice prodotto (o l’URL) dell’articolo che vi interessa e il sito inizia a monitorarlo.

Se qualcuno aveva già manifestato interesse nello stesso articolo (succede spesso per i prodotti più richiesti) CamelCamelCamel vi mostra immediatamente la serie storica dei prezzi, in modo che possiate farvi un’idea di cosa potrebbe accadere in futuro.

Sono disponibili anche delle estensioni per Firefox e Chrome.

Vi avevo parlato di un esempio: un anno fa avevo intenzione di acquistare i DVD della serie completa di Veronica Mars, incluso il film realizzato 10 anni dopo la fine della serie. Vorrei spiegarvi nel dettaglio il procedimento che ho seguito per spendere il meno possibile.

In primo luogo ho controllato su Amazon Italia e mi sono reso conto che avrei potuto comprare i cofanetti separati delle varie stagioni, o addirittura singoli DVD con 4 episodi ciascuno e infine il film a parte.

Insomma, un sacco di soldi da spendere! Per di più, la terza stagione non è mai stata pubblicata in italiano in DVD, pertanto avrei dovuto prenderla in inglese. Sono quindi passato agli altri portali Amazon e ho scoperto un cofanetto definito La collezione completa (esattamente quello che mi serviva) su Amazon UK e Amazon Francia:

Entrambe le edizioni contengono esattamente gli stessi dischi (quindi le stagioni 1 e 2 e il film anche in italiano, mentre la terza stagione solo in inglese oppure lingue che non parlo) e cambiano solamente le scritte sul cartone esterno.

La figura mostra la schermata dell’estensione di CamelCamelCamel sul cofanetto in inglese con i prezzi dell’ultimo anno:

camel_dvd_inglese
Monitoraggio del prezzo di un prodotto con CamelCamelCamel

Le varie linee indicano diverse tipologie di prezzo e quella verde è il prezzo di Amazon. Come potete vedere, ci sono delle interessanti variazioni nel tempo.

La cosa più bella è che (dopo una registrazione gratuita) si possono indicare i prezzi desiderati e ricevere un avvertimento per email ogni volta che il prodotto scende sotto alla soglia specificata. Al momento della mia ricerca (dicembre 2015) erano più o meno allo stesso livello (convertendo le sterline in euro, €35 il cofanetto in inglese e €35,99 quello in francese).

Ho deciso di impostare una soglia di €30 per entrambi, fiducioso che il momento propizio sarebbe arrivato dopo Natale. Con la versione inglese non è andata molto bene, ma poco prima della fine del 2015 ho ricevuto un’email simile a questa:

email_camel
Email di notifica di CamelCamelCamel

Il prezzo indicato era comprensivo dell’IVA francese (al 20%) mentre quella italiana è al 22% ma la differenza è stata di pochi centesimi. Nonostante il costo di spedizione, ho potuto godere di un risparmio molto apprezzato.

ordine_amazon_fr
Ricevuta dell’ordine effettuato ad un prezzo conveniente

Conclusione

Riassumendo, per risparmiare sugli oggetti da acquistare tramite Amazon vi consiglio di:

  • verificare sugli store di diversi paesi
  • registrarvi a CamelCamelCamel e monitorare i prodotti che vi interessano
  • impostare le soglie di prezzo per le quali volete essere notificati
  • acquistare quando il prezzo è andato giù al punto giusto

Guardando il grafico sulla pagina di CamelCamelCamel, il tutto diventa più chiaro:

camelchart
Il momento in cui stavo monitorando il prezzo e quello in cui ho acquistato il prodotto

Personalizzare i link condivisi su Facebook

Vi siete mai trovati a condividere un link su Facebook e voler cambiare un po’ la card di anteprima che viene mostrata assieme al post? Magari l’immagine potrebbe essere sostituita con una migliore, oppure Facebook non è riuscito a individuare correttamente il titolo della pagina e il risultato è venuto proprio male.

A me è successo parecchie volte e fino a ieri non sapevo come risolvere il problema. Finché si tratta di condividere un link su una pagina, Facebook consente di correggere titolo, descrizione e immagine. Ma se si prova a condividere un link sul proprio profilo allora non c’è un metodo del tutto esplicito per ritoccarne i dettagli.

Il link di condivisione e i parametri personalizzati

Leggendo un po’ in rete, si trovano informazioni sul cosiddetto sharer, ovvero un link che si può inserire nel proprio sito web creando un pulsante Condividi su Facebook. L’utilizzo base è molto semplice, va solo inserito l’URL:

https://www.facebook.com/sharer/sharer.php?u=http://lazza.me

Provate pure a cliccare il link e visualizzare la finestra di condivisione.

Tuttavia, qualche tempo fa si potevano inserire anche altri parametri personalizzati oltre a u, per cambiare alcuni aspetti dell’elemento condiviso:

  • p[title] → Titolo personalizzato
  • p[summary] → Descrizione personalizzata
  • p[images][0] → Immagine personalizzata

Per esempio, si poteva modificare l’esempio di prima per avere il titolo Prova e la descrizione Bella descrizione così:

https://www.facebook.com/sharer/sharer.php?u=http://lazza.me&p[title]=Prova&p[summary]=Bella+descrizione

L’articolo che ho linkato poco più su è stato pubblicato a luglio 2014 e il titolo La finestra di condivisione di Facebook non accetta più parametri personalizzati non prometteva nulla di buono.

Ho deciso di provare lo stesso a trovare una soluzione, tirando a indovinare i termini più probabili. Alla fine ho trovato dei nuovi parametri per sostituire quelli precedenti:

  • title → Titolo personalizzato
  • description → Descrizione personalizzata
  • picture → Immagine personalizzata

Il nostro esempio diventa quindi:

https://www.facebook.com/sharer/sharer.php?u=http://lazza.me&title=Prova&description=Bella+descrizione

Uno strumento per automatizzare tutto

Per dirla in modo garbato, costruirsi a mano i link in questo modo è un po’ uno stress, anche perché i parametri vanno codificati appropriatamente con il percent-encoding in quanto i caratteri speciali potrebbero causare problemi.

Ho creato un modulo facile facile che automatizza il tutto. Lo potete usare cliccando questo collegamento (potete anche trascinarlo nella barra dei segnalibri del vostro browser):

Share to Facebook with custom parameters

Per esempio, mettiamo il caso di voler condividere questo articolo di Ars Technica che parla della tecnologia Flatpak di Fedora e di come potrebbe diventare “concorrente” del formato Snap di Ubuntu. Il link condiviso normalmente su Facebook verrebbe così:

condivisione_fb_prima
Link condiviso senza modificare i dati

Per quanto io adori XKCD, non credo che quell’immagine sia proprio il massimo, e la vorrei rimpiazzare con questo bel logo di Flatpak trovato su Fedora Magazine. Già che ci sono, potrei volere correggere alcune maiuscole nel titolo e infine usare la prima frase dell’articolo come descrizione.

Devo solo inserire le informazioni nel modulo:

condivisione_fb_personalizzata
Utilizzo del modulo per creare un link personalizzato

Il risultato finale sarà esattamente come desiderato:

condivisione_fb_dopo
Link condiviso dopo aver modificato i dati

Ovviamente il modulo si può usare anche per fare qualche piccolo scherzo innocente, per esempio condividere un articolo dal sito ufficiale di Microsoft e cambiare il titolo in Linux è mille volte meglio di Windows, tanto lo sappiamo pure noi. Provare per credere. 😛

Come funziona Internet e perché il software libero è fondamentale

Il 14 maggio io, Carlo e Claudio di GrappaLUG siamo stati invitati al Liceo G.B. Brocchi di Bassano del Grappa (VI) per tenere un talk a due classi prime. Il titolo del nostro intervento è anche quello di questo post: Come funziona Internet e perché il software libero è fondamentale.

Lo scopo, come si può intuire, era duplice. Innanzitutto volevamo cogliere l’occasione — fornitaci da un docente che ci ha invitato — e introdurre il concetto di software libero (che non vuol dire freeware!) ai ragazzi. L’altro aspetto che abbiamo voluto affrontare era una infarinatura su come funziona la rete Internet e perché senza Linux non potrebbe esistere il web come lo conosciamo oggi.

L’obiettivo dell’associazione è compiere una doverosa sensibilizzazione al software libero, a Linux, alla tutela della propria privacy e anche all’uso consapevole della tecnologia. Parlare di tutto questo in un’ora scarsa sembrava un’impresa ardua, ma le due classi si sono dimostrate molto interessate e ci hanno persino aiutati facendo delle domande davvero molto pertinenti e per nulla banali.

La parte che ho trattato io riguardava come il software libero aiuta a tutelare la propria privacy, favorire il mondo del lavoro e far funzionare il web. Parlare ai ragazzi e alle ragazze è stato interessante e a tratti divertente. Per esempio, ne ho stupito la maggior parte quando ho spiegato che “web” e “Internet” sono due cose diverse, e che il web è nato dopo. Per molti di noi questo è scontato, ma per altri può non esserlo.

La cosa più divertente però è stato quando li ho portati a immaginare un sistema operativo che invii un report settimanale ai propri genitori, o che trasmetta un sacco di dati e statistiche sull’utilizzo del PC al produttore del software.

Quando alla fine ho spiegato che tutto ciò è attivo di default in Windows 10, ci sono rimasti un po’ male. 😉

brocchi_privacy-fs8
La slide che ha spaventato maggiormente gli studenti

Quando è stato il momento di parlare di prospettive occupazionali e di cosa significa “costruire” il web, non mi sono lasciato scappare il fatto che una classe era composta totalmente da ragazze e l’altra lo era in maggioranza.

Chi segue la mia pagina Facebook ormai sa che certi pregiudizi tardo-medievali sul fatto che l’informatica sia “un lavoro da uomini” mi fanno innervosire abbastanza. Il fatto è che, purtroppo, sono molto diffusi. Quindi ho pensato di approfittarne per chiarire (implicitamente) un po’ di cose con gli studenti che avevo di fronte.

Per esempio, sapevate che la persona che ha scritto il primo programma della storia era una donna? Be’, neanche loro. 🙂 Però adesso lo sanno.

brocchi_lovelace-fs8
Una citazione di Ada Lovelace che sintetizza brillantemente il senso di un buon algoritmo

Ho chiuso la presentazione mostrando un estratto di questa video intervista a Emily Gasca, ingegnere che lavora per Facebook. Se devo dirvi la verità, la cosa più simpatica di quella mattina è stata l’esclamazione scherzosa di un’alunna:

E chi me l’ha fatto fare di scegliere un percorso umanistico?

Impagabile. 😀

Ad ogni modo, quelli che ho menzionato sopra sono soltanto un paio dei punti che ho ritenuto più interessanti della mia parte. Potete vedere la presentazione intera, con tutte e tre le sezioni, su SlideShare e nel player qui sotto.

Se desiderate usare questa presentazione in qualche altra scuola e vi serve il file sorgente o lo spezzone del video, potete contattarmi senza problemi.

Guardare e scaricare i video di Repubblica TV senza Flash Player

Se c’è una cosa che mi fa venire i nervi sono i siti web che discriminano artificiosamente gli utenti Linux. Per qualche motivo, sembra che il fatto di usare un sistema operativo più veloce, più sicuro e più stabile ci debba rendere vittime di dispetti bizzarri.

Poco tempo fa avevo parlato di MyMovies Live, ma recentemente mi sono imbattuto per caso sul portare Repubblica TV. Quello che ho visto è a dir poco incredibile: se proviamo a vedere un filmato, il portale ci risponde con un messaggio di errore.

errore_flash_Repubblica
Il discutibile messaggio di Repubblica TV

A prima vista potrebbe sembrare un avvertimento che ci ricorda di avere una versione vecchia di Flash Player, per qualche motivo. Peccato che questo messaggio compaia anche con la versione 21.0.0.213… che è l’ultima su tutte le piattaforme.

Guardando un attimo la struttura della pagina ho visto che, in realtà, ogni video di Repubblica TV è soltanto un semplicissimo file MP4. Oltre al danno, anche la beffa: infatti non servirebbe nessun plug-in per vedere i filmati.

Ho trovato questa cosa abbastanza snervante, per di più considerando il fatto che è possibile risolverla con pochissime righe di codice.

Infatti, è la prima volta che ho scritto uno script per un sito web digitando solamente 4 righe di Javascript, che sono andate al primo colpo senza nemmeno testarle. Questo mi rende davvero sbigottito e mi chiedo come mai Repubblica non possa fare una modifica così ovvia al portale per renderlo fruibile a tutti, senza dover usare un plug-in obsoleto e poco sicuro come Flash Player.

Ad ogni modo, col mio script si ottiene questo risultato:

crozza_video_repubblica
Video riprodotto direttamente in MP4 su Repubblica TV

Analogamente a quanto fatto per Rai, Mediaset, La7, RSI e BBC, ho pubblicato online lo script. In questo modo potete attivare la visione dei video anche nel vostro browser. 🙂 Vi ricordo che per installare gli script bisogna avere un’estensione per il browser:

Ah, il vostro browser deve essere in grado di riprodurre i video HTML5 in formato MP4.

Infine, vi basta cliccare il bottone per andare sulla pagina dedicata e completare l’installazione premendo Installa questo script:

Download — Video Repubblica in HTML5

Per salvare un video, basta cliccare col tasto destro sopra di esso e scegliere la voce apposita. 😀 Buona visione!

Guardare i film di MyMovies Live con Linux

Aggiornamento (dicembre 2016): Lawrence nei commenti ha suggerito una soluzione alternativa che non richiede Wine. Casomai provatela per prima.

Durante il periodo natalizio ho ricevuto questa domanda da parte di un lettore:

Come vedere i filmati da MyMovies Live su Ubuntu? Si può fare?

Dopo una breve verifica, ho scoperto che questo servizio mostra i filmati usando la tecnologia Flash. Quindi in teoria dovrebbe funzionare senza problemi su tutti i sistemi operativi. In realtà, i requisiti tecnici riportati sono:

Requisiti: Win/Mac + Flash Player – Consigliato: Firefox o Google Chrome
Test: esegui qui il test di connessione.

Flash Player è sostanzialmente identico su tutte le piattaforme, quindi non ci sono scuse. Senza giri di parole, MyMovies non ha cura di chi sceglie soluzioni di qualità come Linux. Siti web come Rai Replay, Video Mediaset, La7, Hulu e BBC iPlayer funzionano con Linux senza troppi problemi.

Se si tenta di visualizzare un film (ad esempio questo documentario), si ottiene il seguente errore:

errore_mymovies_linux
Errore di riproduzione su MyMovies Live

La soluzione è quella di installare una copia di Firefox e Flash Player per Windows, però sempre all’interno del vostro sistema Linux. 😀

Wine e PlayOnLinux

Wine è un progetto imponente che da anni consente di utilizzare moltissimi software per Windows su piattaforma Linux. La compatibilità è ottima per numerosi programmi, tra cui Firefox e Flash (che interessano a noi).

PlayOnLinux è un’applicazione che fornisce una comoda interfaccia a Wine, permettendo di gestire diversi programmi installati in più “unità virtuali”, cioè finti hard disk con finte installazioni di Windows. Il bello è che contiene già una lista di programmi “preconfigurati”, cioè con degli script che automatizzano l’installazione e la configurazione senza farla manualmente.

Perciò, vi consiglio di installare PlayOnLinux dal vostro gestore software (per esempio Ubuntu Software Center) e usarlo come interfaccia “facile” a Wine, in modo da ottenere il massimo risultato con il minimo sforzo. 😉

Fatto ciò, passiamo all’installazione vera e propria di Firefox.

Installare Firefox per Windows

Aprite PlayOnLinux e cliccate sul bottone + Installa. Apparirà una lista di applicazioni, voi scegliete la sezione Internet e quindi Mozilla Firefox, infine Installa. La procedura di installazione guidata somiglia all’installazione dei programmi per Windows, quindi dovrete premere Avanti alcune volte. 😉

La cosa importante è fare attenzione alle domande:

  • Metodo di installazione: scegliete Scaricando il programma
  • Lingua: presumibilmente vorrete l’italiano
  • Componenti addizionali: spuntate la casella Flash Player

Dovete quindi armarvi di un po’ di pazienza mentre il programma scarica automaticamente i componenti necessari e avvia l’installazione di Firefox.

firefox_playonlinux
Installazione di Firefox tramite PlayOnLinux

Finita questa prima fase, il browser si avvierà. Ora attendete senza fare nulla! PlayOnLinux infatti scaricherà il programma di installazione di Flash Player in pochi secondi e lo farà partire.

flash_playonlinux
Installazione di Flash Player tramite PlayOnLinux

Dopo aver installato Flash Player, non sarà necessario neppure chiudere il browser. Aprite un video di MyMovies Live (per esempio il documentario che ho linkato prima) e potrete guardare il film senza fastidi. 😀

mymovies_linux
Visione di un film su MyMovies Live

Dall’immagine che ho messo non si può vedere, ma sia l’audio che la funzione schermo intero funzionano correttamente.

Come ultima cosa, preciso che usare PlayOnLinux con lo script per Firefox installerà anche un’altra copia di Wine. È infatti possibile averne più di una. Se questo vi da fastidio, PlayOnLinux contiene un gestore di versioni di Wine per rimuovere quelle aggiuntive.

Inoltre, potreste voler pulire i file temporanei creati in queste due cartelle nascoste nella vostra home:

.PlayOnLinux/ressources    # sì, con 2 "esse"
.PlayOnLinux/tmp

Quest’ultimo passo non è obbligatorio, l’ho messo solo per completezza d’informazione. 😉 Potete anche cancellare l’icona di Firefox che viene creata sul vostro desktop, e avviarlo direttamente dal menu di PlayOnLinux quando vi serve.

MyMovies Live è il primo sito web con Flash che si lamenta opponendosi agli utenti Linux. Tuttavia, non escludo esistano anche altri siti “problematici” e discriminatori che probabilmente si riescono ad usare con lo stesso metodo. Se ne siete a conoscenza, fatemelo sapere. 😀

Buona visione!

Cos’è una VPN e perché è fondamentale usarla per proteggersi

Pur essendo nate per scopi aziendali, le VPN (Virtual Private Network, o reti private virtuali) vengono usate molto spesso anche dalle persone che hanno un po’ a cuore la sicurezza della propria navigazione in Internet.

Cosa consente l’uso di una VPN

Il funzionamento di base delle VPN, infatti, crea un tunnel virtuale tra il nostro computer e un server sicuro di proprietà del fornitore del servizio VPN. Tutto il traffico che effettuiamo passa in modo criptato dal computer al server, per poi uscire “normalmente” (quindi criptato per HTTPS e in chiaro per HTTP, FTP, e altro) su Internet.

In sintesi, questo permette di navigare in modo privato e sicuro anche nelle reti Wi-Fi pubbliche. Si tratta di reti dove normalmente chiunque potrebbe spiare quali siti stiamo visitando o le password che inseriamo in alcuni portali che non usano HTTPS.

Mai sottovalutare la privacy online
Mai sottovalutare la privacy online

Inoltre, consente di mitigare gli effetti della sorveglianza di massa. L’Italia è uno dei molti paesi europei che trattiene illegalmente traccia di tutte le comunicazioni (nel senso di data, ora, e soggetti coinvolti, non contenuto) dei cittadini italiani, senza che ciò richieda un’indagine e senza configurarsi come intercettazione. Questi dati rimangono disponibili almeno per un anno.

Come se ciò non bastasse, gli Stati Uniti e il Regno Unito possiedono molte delle infrastrutture di Internet e intercettano abitualmente il traffico:

[…] il Guardian ha scoperto che il GCHQ ha accesso direttamente alle grandi ‘autostrade’ delle telecomunicazioni: i cavi in fibre ottiche che trasportano le telefonate e il traffico internet mondiale, e ‘succhiando’ direttamente da questi, l’anno scorso è stato in grado di intercettare 600milioni di telefonate al giorno.

Mi fa piacere che il nostro governo “logghi” (tenga traccia nei file di log) tutta la navigazione degli italiani? Non tantissimo. È accettabile che lo facciano paesi esteri senza alcuna autorità sui cittadini italiani? Assolutamente no. :\

Usando un servizio VPN, la vostra navigazione Internet potrebbe andare a mischiarsi con quella di decine di altre persone e risulterà, per esempio, generata da un anonimo datacenter situato ad Amsterdam, vicino al Koninklijk Paleis (peraltro un magnifico posto!) invece che dall’indirizzo IP intestato a Mario Rossi, Via Tal dei tali 0, Milano. 😛

Certo, se la connessione stessa dovesse contenere informazioni personali in chiaro sarebbe teoricamente possibile correlare la trasmissione dei dati a una persona, ma solo quella in particolare, non tutte le altre (chissà di chi sono?).

Infine, un argomento che interessa a molti dei miei lettori: usare un servizio VPN ci permette di aggirare le barriere geografiche. Praticamente tutti i servizi VPN, specialmente quelli seri (quindi che richiedono un pagamento per coprire i costi del servizio, spesso comunque molto ragionevole) forniscono server in svariati paesi.

Quindi, voglio vedere un video sul sito della BBC? Teoricamente non potrei… ma poco male, mi collego al mio servizio VPN scegliendo un server nel Regno Unito e accedo al contenuto che era bloccato! 😀 Lo stesso vale per un sito negli Stati Uniti, o in Francia, o in Germania.

Se vogliamo consultare siti in nazioni particolari (per esempio piccoli stati non europei, mettiamo caso il Belize) è meglio verificare i server offerti dal provider VPN prima di abbonarsi, ma generalmente i principali paesi UE, gli USA, il Canada e l’Australia sono ben coperti.

Per i motivi finora esposti, è altamente consigliabile che tutti usino una connessione VPN sia a casa che fuori casa, sul PC e sullo smartphone (soprattutto fuori casa)! È una questione di privacy e sicurezza, due cose da non prendere mai sottogamba.

“Ma non ho nulla da nascondere”

Ci tengo ad aprire una piccolissima parentesi su questa cosa, perché ogni volta che la sento dire mi fa alzare il sopracciglio… Se avete pensato qualcosa come la frase qui sopra, vi vorrei chiedere un piccolo favore.

Gentilmente, lasciate un commento sotto a questo post contenente il vostro indirizzo email e la password di Facebook. Ah, per cortesia fate un grande archivio ZIP con tutte le foto e i documenti del vostro PC e caricatelo online, poi inviatemi il link tramite email. Sì, anche i documenti bancari. Casomai dovessimo incontrarci di persona, vi chiederò anche di lasciarmi il vostro telefono cellulare in mano per un’oretta, chiaramente mi darete anche il PIN.

Come? Avete cambiato idea? 😉 Bene!

Possiamo continuare la parentesi dicendo che il diritto alla privacy è tutelato dalle leggi italiane ed europee, e concludo con una citazione di Edward Snowden:

Dire che non t’importa del diritto alla privacy perché non hai nulla da nascondere è come dire che non t’importa della libertà di espressione perché non hai nulla da dire.

Proseguiamo.

Come scegliere un fornitore VPN

Questo è un argomento che ho brevemente accennato nel mio post sul download dei video dalla BBC, ma vorrei estendere un po’ la trattazione. Le esigenze personali possono variare, ma gli aspetti che vi consiglio di valutare sono:

  • Disponibilità di paesi → Di più è meglio, sostanzialmente. Diciamo che un numero tra 25 e 50 va bene, ovviamente verificate che ci siano quelli “principali” che molti utilizzano: Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Paesi Bassi. Meglio se vi danno anche un server in Italia, perché potreste voler navigare in sicurezza ma guardare i video della Rai, ed eventualmente scaricarli anche quando siete all’estero.
  • Numero di dispositivi collegabili → Fidatevi, non volete comprare un servizio per poi rendervi conto che vi permette di collegare solo 1 o 2 dispositivi alla volta. Contando che in famiglia potreste avere un paio di PC e un paio di smartphone, 5 è il numero minimo a cui puntare. Se vi offrono meno, guardate altrove.
  • Supporto OpenVPN → Non voglio scendere nei dettagli tecnici, ma non tutti i tipi di crittografia sono ugualmente sicuri. PPTP non è granché sicuro e va evitato. OpenVPN è uno standard aperto e finora si è rivelato molto valido. Per fortuna molti fornitori offrono sia OpenVPN che altre possibilità.
  • Politica di logging → Verificate le condizioni sulla privacy del fornitore e controllate che garantiscano una zero logging policy (politica di registrazione nulla).
  • Sede legale dell’azienda → Io francamente eviterei provider americani. Certo, ce ne sono anche alcuni che lavorano bene… però sono sempre sottoposti alle leggi statunitensi, dove l’intercettazione non solo è praticamente sempre legale ma è anche una prassi standard. Provider di paesi europei (specialmente nordici), australiani o di Hong Kong in genere vanno bene.
  • Costo → Sarà scontato dirlo, ma se confrontate diversi provider guardate anche il prezzo. Quasi tutti richiedono un pagamento mensile (pochi euro, tra i 5 e i 10 solitamente) o annuale. Però spesso in rete si trovano offerte che consentono di pagare una volta sola. 🙂

Perché non quelle gratuite? Semplice, sono utili per usi sporadici, per esempio guardarsi un video su un sito americano ogni tanto, ma offrono pochi server, una scarsa velocità e assolutamente nessuna assistenza se qualcosa non va. Solitamente poi loggano tutto il vostro traffico.

A loro il servizio VPN costa tempo e denaro, se per voi è gratis significa che da qualche parte i soldi li devono recuperare… Meglio evitare di chiedersi come e pagare qualcosa di valido. Poi, come vedremo tra poco, si può spendere davvero poco e avere un servizio di qualità che comunque tuteli la privacy.

Riguardo alle offerte, se volete vi segnalo quelle che ho linkato anche nell’altro post, e che personalmente trovo valide e affidabili, con un account a vita davvero conveniente:

  • VPNSecure per 39$: È quella che uso io e posso testimoniare sulla qualità dei server, la prontezza del supporto tecnico e il fatto che offra 10 dispositivi collegabili in contemporanea. Sede legale: Australia.
  • GetFlix per 39$: Un servizio ideale per lo streaming video perché fortemente orientato allo SmartDNS, ma offre anche il collegamento VPN fino a 3 dispositivi in contemporanea. Sede legale: Turchia.
  • PureVPN per 69$: L’account è a vita ma va rinnovato ogni 5 anni contattando il supporto tecnico, come scritto nei dettagli. A parte questa piccola scocciatura, offre però una lista davvero molto ampia di server e l’uso di fino a 5 dispositivi in contemporanea. Sede legale: Hong Kong.
  • VPN.asia per 40$: Anche questo servizio ha un buon rapporto servizi/prezzo. Supporta fino a 5 dispositivi contemporaneamente. Sede legale: Belize.

In pratica si paga circa il costo di un solo anno di abbonamento, solo che dura per sempre (o per 20-30 anni, verificate le singole offerte). Chiaramente non siete obbligati a scegliere queste, sono solo spunti per iniziare.

Valutate secondo la vostra coscienza qual è il provider migliore, verificando online anche altre fonti e altri pareri. Ricordate che scegliere una VPN significa affidare le proprie connessioni a un altro provider oltre a quello che fornisce l’ADSL o il collegamento wireless. È una questione di fiducia, perciò scegliete ciò che ritenete più giusto.

Una volta comprata, rimane la domanda su quale paese usare come nodo di uscita. Posto che per siti particolari non c’è scelta (BBC significa Regno Unito, Hulu significa USA, France 3 significa Francia, eccetera) in genere la normale navigazione la farete sempre dallo stesso server.

Per una navigazione “normale” evitate server negli Stati Uniti. Vari paesi possono essere buone scelte. Per quanto riguarda quelli europei, sarebbero da preferire:

  • Paesi Bassi, praticamente l’unico paese UE senza data retention attualmente (Gennaio 2016)
  • Svezia, una tra le nazioni con le migliori norme sulla privacy in tutta l’UE
  • Islanda, non fa parte dell’UE e ha ottime leggi sulla privacy
  • Lussemburgo e Romania, sono altri due paesi che vengono spesso consigliati da moltissimi provider VPN

Maggiori dettagli su questo argomento li trovate in questo articolo del sito BestVPN.

Come collegarsi alla VPN

Generalmente, molti provider offrono una app per smartphone che consente un accesso facile dai dispositivi mobili. Qualora così non fosse, è comunque possibile configurare OpenVPN for Android in modo simile a quanto si fa con un PC. Io uso questo client anche se il mio provider fornisce la propria app, lo preferisco.

Riguardo ai computer, è bene sottolineare come gli utenti che ci tengono alla propria privacy dovrebbero indubbiamente usare Linux. È un po’ un controsenso usare le VPN se poi ci pensa Windows a spedire tutti gli affari propri a Microsoft. OS X Yosemite fa qualcosa di simile, e comunque la sicurezza è una delle ragioni per cui Linux è meglio di altri sistemi operativi.

Insomma, fate come volete… ma rifletteteci. 😉

Sulle più diffuse distribuzioni Linux in genere c’è un programma chiamato Network Manager, che è l’icona da cui ci si collega alle reti wireless o cablate. È possibile installare un plug-in per configurare con facilità la rete in modo grafico. Su Ubuntu e derivate si installa con il comando:

sudo apt-get install network-manager-openvpn

Il provider VPN in genere fornisce un archivio ZIP con dentro tanti file di configurazione OpenVPN, uno per paese. Ci sarà poi un certificato crittografico e delle chiavi.

Quello che dovete fare è semplicemente aprire il client OpenVPN e importare il file di configurazione (inserendo la password se richiesto). Da Network Manager si fa cliccando su:

[Icona NM] → Modifica connessioni → Aggiungi → Importa configurazione VPN salvata…

Questo passaggio va ripetuto per ogni server che si intende utilizzare, ma solo la prima volta. Le successive, la configurazione sarà già memorizzata nel proprio client e basterà un solo click per connettersi. Per esempio, ecco la lista di server che ho importato nel mio Network Manager:

Lista delle reti VPN importate in Network Manager

A questo punto è sostanzialmente fatta, perché possiamo navigare sapendo che le nostre connessioni avvengono attraverso la VPN in modo criptato, anche se ci troviamo in un bar con il Wi-Fi aperto! 😀

C’è però un piccolo dettaglio che bisogna tenere a mente se si usa Network Manager, ovvero il DNS leak. Pertanto, se usate questo programma per collegarvi al vostro servizio VPN, leggete questo mio articolo per saperne di più su come sistemare il problema.

Buona navigazione, sicura e privata!

I migliori metodi per estrarre automaticamente notizie, ricette e altre informazioni dai siti web

Il web è una miniera di informazioni, il cui contenuto cresce a dismisura ogni giorno. Una necessità che ci troviamo ad avere frequentemente è quella di estrarre e salvare contenuti e dati. In passato ho trattato l’estrazione dei contenuti audio e video, ma esistono anche moltissimi contenuti testuali, come notizie, ricette o tabelle con dati numerici.

Inoltre è molto utile essere notificati quando il contenuto di un sito cambia, per esempio pubblicando un nuovo articolo o aggiungendo delle foto a una galleria. Tuttavia, non tutti i siti offrono dei feed RSS già pronti.

Vi avevo anticipato che avrei trattato questo argomento al Linux Day 2015 e finalmente è pronto il filmato del mio intervento. 🙂 Riporto qui la descrizione e il video del talk:

Il web è pieno di informazioni utili: non solo dati numerici, ma anche notizie, tutorial, ricette e gallerie di immagini. Tuttavia, spesso i siti web rendono complicato estrarre le informazioni che ci interessano per poi elaborarle o convertirle. Inoltre, a volte è utile tenere traccia degli aggiornamenti che vengono pubblicati su una certa pagina.

In questo talk vengono analizzati strumenti e tecniche per risolvere efficacemente questo problema tramite il web scraping.

Siamo stati costretti ad usare una telecamera di riserva, per problemi tecnici con quella principale. Per questo il video è di scarsa qualità, ma ci sono le slide in sovrimpressione che compaiono quando necessario, quindi è tutto leggibile.

Se volete, potete scaricare le slide in PDF dal sito del GrappaLUG, cliccando qui.

Le dirette Mediaset ora si possono vedere e registrare senza Silverlight, anche con Linux

Ho pubblicato la versione 6.0 del mio script per guardare e scaricare i video dal portale Video Mediaset. La novità più importante di questa versione è il supporto ai canali in diretta. 

Per via di come è stato fatto il sito, le dirette dei canali sono normalmente visibili solamente con Silverlight, oppure con Google Chrome (ma non Chromium) tramite Widevine. Il nuovo script indica, sotto al player, due flussi M3U8 che si possono guardare (o registrare) con VLC o avplay:

Rilevamento dei flussi per i canali in diretta
Rilevamento dei flussi per i canali in diretta

Un’altra novità è la migliore gestione delle richieste di login. Ora dovrebbe essere visualizzabile qualsiasi video o diretta senza che il sito costringa l’utente a iscriversi. Se così non fosse, segnalatemelo.

Colgo l’occasione per ringraziare Daniele Giudice che mi ha suggerito l’idea e con cui ho discusso alcuni dettagli tecnici. Vi consiglio di visitare il suo sito web, contiene anche un utile script per il download dei video da Dplay. 🙂

Se avete già installato lo script, l’aggiornamento dovrebbe installarsi in breve tempo. Se invece non lo avete, o siete impazienti, correte subito a installarlo dalla pagina di download. 😉