Script aggiornati per Greasemonkey 4 e altre importanti novità

Chi segue il blog da qualche tempo ormai lo sa, i miei post più seguiti sono quasi tutti dedicati al download di video delle principali emittenti italiane, e non solo, disponibili liberamente sui siti web.

Da diversi anni ho reso disponibili gratuitamente degli script (con annesso server di supporto, per Rai e Mediaset) dedicati ciascuno a un singolo sito web. Qui sotto trovate i link ai vari post, dai quali potete scaricare e installare ciò che vi interessa. 🙂

Firefox e Greasemonkey

In passato ho sempre consigliato a tutti Greasemonkey su Firefox, perché è un componente aggiuntivo libero e open source che si può considerare anche la prima delle estensioni per usare gli user script. Poi è nata Tampermonkey per Chrome, Opera e altri browser e adesso ne esistono pure di ulteriori.

Nel lavoro di ammodernamento precedente all’uscita di Firefox 57 (Quantum), gli autori di Greasemonkey si sono trovati nella condizione di dover aggiornare l’estensione e ne hanno approfittato per fare alcune modifiche non retrocompatibili.

Ne è risultato che i miei script funzionavano bene su Greasemonkey 3, ma erano inefficaci su Greasemonkey 4. Quindi ho suggerito a tutti di passare a Tampermonkey. 😉

Come sempre accade, ho continuato a ricevere lo stesso qualche richiesta in merito a presunti “problemi” da sistemare sullo script, da persone che usavano Greasemonkey nonostante i ripetuti avvisi. Però per il resto è andato tutto abbastanza liscio.

Ad ogni modo ora non è più necessario preoccuparsi, infatti ho aggiornato tutti gli script per renderli funzionanti col nuovo Greasemonkey! 😀

Gli aggiornamenti

Non ho effettuato solo una modifica (per fortuna non troppo impegnativa) in termini di compatibilità garantita con Greasemonkey e Tampermonkey, ma in alcuni casi ci sono state delle modifiche ulteriori. Eccovi un riepilogo:

  • Rai Play: ora il link compare regolarmente, inoltre ho nascosto il fastidioso avviso che chiede all’utente di disattivare il blocco pubblicitario. Bloccare le pubblicità è fondamentale (leggete qui perché).
  • Video Mediaset: ora tutti i link compaiono regolarmente. Ho rimosso il pop-up che compare a chi accede a Mediaset dall’estero. Nella quasi totalità dei casi, chi usa il mio script può vedere i video geoprotetti di Mediaset anche in altri paesi.
  • La7: nella stragrande maggioranza dei casi funzionava già con Greasemonkey 4, ma ho fatto una piccola modifica per sistemare il resto.
  • Infine ho applicato la stessa correzione agli script per RSI e BBC.

Altre informazioni utili

Una cosa che ha confuso alcune persone è che da un po’ di tempo sia Rai che Mediaset richiedono di essere registrati, per vedere molti dei loro video. È così da diversi mesi, eppure pochi se ne sono accorti e ogni tanto qualcuno me lo “segnala”.

Il motivo è semplice: chi usa i miei script non deve registrarsi perché ci pensano loro a mostrare subito il video. Un risparmio di tempo e di privacy, saltando il login e la pubblicità iniziale. 🙂 Nei rari casi in cui un link non sia disponibile o riconoscibile dallo script, può comparire una finestra di login… ma non allarmatevi, è fatto così il sito.

Altra cosa utile da tenere a mente, lo accennavo prima, è che usando il mio script per Video Mediaset potete visualizzare tranquillamente quasi tutti i loro filmati anche dall’estero senza strumenti particolari. 😉 Questo perché i loro video “geo-protetti” sono protetti tanto quanto lo sarebbe un caveau pieno di diamanti, aperto e con un cartello che dice “non entrare”.

Per quanto riguarda invece i video della Rai (se non siete in Italia) o della BBC (se non siete nel Regno Unito) avrete bisogno di un servizio VPN serio. Ne ho parlato approfonditamente nell’articolo Cos’è una VPN e perché è fondamentale usarla per proteggersi. Il post ha dei link per acquistare degli account lifetime scontati… Sennò fate voi e scegliete quella che preferite. 🙂

Infine, vorrei precisare che questi aggiornamenti non riguardano i problemi di qualche giorno fa (sorti attorno al 15 gennaio) per i link che non comparivano sotto ad alcuni video su Rai Play. Quello era un malfunzionamento sul server (già risolto) causato dall’hosting provider. Ne ho parlato nei commenti sotto al post.

Licenza e nuova policy

Volevo infine chiarire una cosa importante sull’uso degli script ed eventuali richieste di assistenza in merito. Dal primo giorno (di oltre 6 anni fa!) gli script sono rilasciati sotto licenza GPL, una licenza libera. Ciò vi garantisce che potete usarli gratis e liberamente per qualsiasi scopo, installarli dove vi pare, condividerli e modificarli a condizione di riportare chi è l’autore e mantenere le modifiche sotto la stessa licenza.

Gli script (e relativo server di supporto) sono e restano a vostra disposizione.

Però è opportuno tenere a mente anche quanto è indicato nella licenza, in merito a eventuali garanzie di funzionamento. Userò la traduzione non ufficiale della GPLv3 per maggiore chiarezza:

Eccetto quando altrimenti stabilito per iscritto, i detentori del copyright e/o le altre parti forniscono il programma “così com’è” senza garanzia di alcun tipo, né espressa né implicita, incluse, ma non limitate a, le garanzie di commerciabilità o di utilizzabilità per un particolare scopo.

Ciò significa, in altri termini, che non devo fornire garanzie di funzionamento costante al 100%, stando sempre al passo con le modifiche ai siti delle varie TV. Né in realtà ho il tempo di farlo… aggiorno quando riesco, essendo tutte ore extra che devo spendere per gli script. 🙂

Non posso altresì dedicare molto tempo a rispondere ai quesiti che arrivano via email o messaggi privati, sennò diventa un impegno gravoso che va ad intaccare il tempo dedicato alla mia professione. Per questo motivo da oggi ho deciso di disattivare la chat della mia pagina Facebook.

Se ci sono dubbi, domande o commenti sugli script ho sempre chiesto agli utenti di usare l’area commenti dei relativi articoli. Per comodità vostra li trovate linkati all’inizio di questo post, quindi commentate pure!

Se 10 persone mi scrivono in privato, devo dare 10 risposte. Se 10 persone usano l’area commenti, la prima riceve la risposta e le altre 9 si trovano già la soluzione pronta senza far fatica. È un vantaggio per tutti! 😉

Come policy generale comunque ho intenzione di dare una mano con gli script a chi ha effettuato una donazione, naturalmente se ho tempo e se riesco. Contando la globalità degli script citati sopra, sono state superate le 60000 (sessantamila) copie installate. Vi lascio trarre qualche conclusione su quanto più tempo libero avrei se per ogni installazione mi fosse stato donato un euro. 😀

Chi usa gli script e non ha intenzione di donare sappia che può continuare a farlo gratuitamente tutte le volte che lo desidera. Semplicemente porti un po’ di pazienza se ogni tanto qualcosa non va. Chi invece ha la necessità di avere consulenze dedicate o script realizzati su misura (tutte attività che richiedono tempo) può chiedermi un preventivo in merito a tutti i servizi che offro.

Annunci

Guardare e registrare tutte le stagioni di Braccialetti Rossi da Rai Play

Aggiornamento 15 dicembre 2016: La versione iniziale di questo articolo era limitata all’ultima stagione, ovvero Braccialetti Rossi 3. È stato successivamente integrato con i riferimenti alle stagioni precedenti.

Braccialetti Rossi è una delle fiction Rai attualmente più apprezzate in assoluto e da poco è terminata la terza stagione. Come accaduto in passato per le precedenti stagioni (e anche per altre decine di serie TV andate in onda sulle reti Rai) tutti gli episodi erano stati resi disponibili su Rai Play. Come di consueto quindi, molte persone hanno potuto riguardare gli episodi e anche salvarli sul PC utilizzando il mio script per scaricare i video da Rai Play.

Ne so qualcosa visto che l’ultima puntata è stata trasmessa eccezionalmente di giovedì invece che di domenica, me ne sono completamente dimenticato e l’ho poi salvata dal sito della Rai.

Recentemente, in modo del tutto improvviso e senza alcuna comunicazione, sembra che la Rai abbia del tutto rimosso la sezione Episodi dalla pagina del programma:

Le motivazioni non sono state esplicitate, anche se una mezza idea ce la si può fare guardando gli ultimi post della pagina Facebook ufficiale del programma, ad esempio questo:

Sembra quindi che gli episodi non siano più visibili su Rai Replay. Ma è davvero così?

In realtà no, infatti la Rai (detenendo tutti i diritti necessari alla messa in onda della fiction) ha caricato online i video della serie Braccialetti Rossi sui propri server e questi continuano ad essere disponibili anche dopo che la pagina è stata nascosta.

Di seguito trovate i link diretti ai vari episodi.

Stagione 1:

Stagione 2:

Stagione 3:

Sono link diretti ai video in formato MP4, caricati sui server ufficiali Rai, come potete verificare dai rispettivi URL. Perciò sulla maggior parte dei moderni browser il comportamento è esattamente quello che vi aspettereste: se cliccate col tasto sinistro del mouse potete vedere l’episodio, mentre se cliccate col tasto destro e scegliete la voce Salva con nome (o simile) potete procedere al download.

I video sono a una risoluzione di 1024×576 pixel per le prime due stagioni (tranne l’episodio S2E1) e 928×546 pixel per la terza. La qualità è simile a quella DVD che raggiunge al massimo 720×576 pixel. Vi consiglio di procedere alla registrazione per evitare sorprese.

Buona visione!

Script per Rai Replay 8.0: breve lista dei cambiamenti

Oggi ho rilasciato la versione 8.0 del mio script che permette di guardare i video della Rai (e scaricarli) anche con Linux. Ci sono stati diversi cambiamenti, molto “sotto al cofano”, ma in breve si possono riassumere nelle seguenti novità:

  • La gestione di Rai Replay è stata completamente ripensata. Ora c’è una componente lato server (su video.lazza.dk) che lavora costantemente per scovare gli URL dei video e mantenerne una cache. Questo si traduce in una maggiore velocità e si evitano i blocchi sui video per tablet.
  • Se siete all’estero potete vedere lo stesso l’indirizzo del video, perché il mio server usa IP italiani quando necessario. Tuttavia potreste non essere in grado di salvarli (compare un messaggio di avvertimento).
  • Ora il player usa HTML5 ogni qualvolta ciò sia possibile, quindi in genere basta un browser aggiornato senza plug-in esterni.
  • I video sui sottodomini tipo raistoria.rai.it non hanno più la linea di comando di rtmpdump, bensì un link diretto al video in MP4, grazie alla segnalazione di un mio lettore.

Come sempre, reinstallate lo script (linkato nella prima frase di questo post) oppure attendete l’aggiornamento automatico. Buona visione.

Scaricare i contenuti audio e video presenti nelle pagine web — Guida completa

Premessa: ho impiegato mesi per lavorare a questo articolo, rivedendo in continuazione le idee di cui parlare e valutando come dare i consigli nel modo migliore possibile. Questo post racchiude quindi numerose informazioni e potrebbe richiedere più di una lettura per assimilarle tutte.

Ormai 6 anni fa avevo scritto un articolo che continua ad essere tra i più visitati del blog, dedicato a salvare i video incorporati nei siti web in cui ci imbattiamo navigando in rete. Non era una guida dedicata ad atti deplorevoli di pirateria cinematografica (non insegna a scaricare film da reti P2P) bensì era rivolta proprio ai video che sono “dentro” le pagine. Un esempio banale di sito con video può essere Youtube, ma in realtà ce ne sono moltissimi che per un motivo o per l’altro offrono dei filmati (ad esempio siti di news, recensioni di hardware, eccetera) ed essi sono inseriti nei formati e nei modi più disparati.

Al tempo avevo dedicato quasi tutta la guida all’uso di Unplug, un’estensione per Firefox che era tra le migliori per questo tipo di compito. In seguito è stata sorpassata da altri strumenti, per poi migliorare di nuovo nell’ultimo periodo. Lo scopo di questo mio nuovo articolo vuole essere più ad ampio raggio: vorrei cercare di spiegare quale approccio usare quando ci si trova di fronte a un sito con video: a partire da come riconoscere la tecnologia utilizzata, fino al salvataggio vero e proprio del contenuto multimediale. Accennerò anche qualcosa riguardo alla conversione.

Devo precisare subito che per quanto cercherò di essere chiaro e spiegare le cose in modo semplice, inevitabilmente alcuni dei concetti qui spiegati potrebbero non essere banali. In alcune circostanze sarà necessario “esplorare” del codice HTML, XML o Javascript (non è comunque necessario conoscere questi linguaggi). Inoltre dovrebbe essere chiara la differenza tra un file e uno stream. Oltre a questo va aggiunto che nell’articolo mi concentrerò sui video, ma i concetti sono tali e quali anche per delle eventuali tracce audio ascoltabili online.

Continua a leggere…

Il tasto MP4 per Rai Replay è tornato — versione 7.0

Premessa & chiarimenti

Cercherò di essere breve, ma è importante dire alcune cose in merito a cosa è successo negli ultimi giorni riguardo al mio script per guardare e scaricare i video dal sito Rai. Dato che ci sono stati alcuni fraintendimenti secondo me perfettamente evitabili con un po’ di buona volontà da parte di tutti, userò una metafora che spero renda tutto chiaro.

Immaginate un paesino in cui i bambini conoscono una gentile vecchietta che offre loro le caramelle. La signora è una persona buona e tutti i bambini vanno da lei a trovarla, le fanno compagnia e mangiano le caramelle. Per evitare incomprensioni di ogni genere, ogni volta che un bambino nuovo arriva, la signora gli spiega chiaramente:

Caro bambino, ogni volta che verrai a trovarmi ti regalerò una caramella. Di solito ho due gusti di caramelle, all’arancia e al mirtillo. Ogni giorno deciderò io quale caramella darti in base alla mia disponibilità, e non dovrai mai fare i capricci.

Discorso molto semplice, tutti i bambini capiscono. Anche se preferiscono le caramelle all’arancia, il mirtillo non è poi una gran tragedia dopotutto, quindi anche se capitasse nessun problema. Passano i giorni, le settimane, e tanti bambini vanno a trovare la vecchietta e ricevono le caramelle. Lei tende a dare loro quasi soltanto i bonbon all’arancia, perché sa che li preferiscono.

Arriva un giorno in cui un bimbo si lamenta del gusto della caramella che di solito gli è sempre piaciuta, la signora verifica e scopre che i dolciumi all’arancia più recenti sono stati realizzati male dal produttore ed è meglio non darne ai bambini. Passa quindi al mirtillo, e man mano che gli altri si ritrovano solo tra le mani caramelle al gusto di mirtillo, si scordano completamente di quello che la signora aveva detto loro, cioè che sarebbe stata lei a fare la scelta più opportuna.

Cominciano quindi a fare i capricci, criticare la vecchietta e pur ricevendo in mano una caramella al mirtillo esclamano addirittura “Perché non mi dai più le caramelle?”.

Fine storiella.

Con questo dove voglio arrivare? La domanda è, trovate giusto l’atteggiamento dei bimbi? Bene, sostituite ora le parole nel seguente modo:

  • vecchietta → Lazza
  • caramella → video della Rai
  • arancia → formato MP4
  • mirtillo → stream M3U8
  • bambini → utenti dello script

Come avrete già capito, nel caso finora vi foste persi tutti i commenti e le informazioni scritte nel post, di recente (un paio di giorni fa) era stato aggiornato il mio script. Volutamente aggiornato! Perché? Be’ è semplice, Rai ha attualmente messo dei blocchi per tentare di evitare il download dei video su Rai Replay. Non tutti sono stati bloccati, ma una discreta parte sì.

Non era più sicuro fornire agli utenti link MP4 in gran parte non funzionanti. È per questo che l’aggiornamento dello script ha fornito a tutti la versione in M3U8 tranquillamente scaricabile con ffmpeg.

I problemi sorti

Dov’è stato quindi il problema?  Di fatto, non doveva essercene nessuno. Mi sono basato sul fatto che il post che tutti leggono (o dovrebbero leggere) quando installano lo script, contiene conteneva (ora non più perché la versione 7.4 dà solo video MP4) tutte le informazioni su come comportarsi anche nel caso di flussi M3U8 da diverse settimane, in particolare dal giorno 2 novembre 2013! Oltretutto, i video di Rai Yoyo sono sempre stati disponibili in questo modo e nessuno ha mai fatto storie, al limite qualcuno ha solo chiesto un paio di chiarimenti.

In questo caso, invece, si è aperto letteralmente il vaso di Pandora. Ho ricevuto decine di commenti, email e messaggi su Facebook, e persino una recensione sul sito degli script in cui mi veniva riferito:

  • che lo script “non funziona”
  • che compare “un messaggio di errore”

Quando semplicemente lo script mostrava chiaro e tondo il comando da dare per scaricare il video a partire dallo stream M3U8.

Tutto questo anche dopo alcuni commenti di chiarimento in merito. Ciò dimostra che non solo diverse persone non hanno letto il post che è lì da 3 mesi, ma hanno trovato più facile reperire il mio indirizzo email piuttosto che guardare gli ultimi 4-5 commenti del post.

Mi spiace aver dovuto spiegare tutto, ma purtroppo ho notato che alcune persone non leggono o non vogliono capire le motivazioni di un aggiornamento, ben calcolato e intenzionale, che ha permesso di continuare a scaricare fin da subito nonostante i blocchi della Rai; preferendo invece dare “la colpa” a me o a difetti nello script.

Oltretutto, è bene precisare una cosa: molti di coloro che si sono lamentati o hanno avuto problemi usano Windows. Sembrerà rude, ma questo è un blog su Linux, scritto da un utente Linux per aiutare gli utenti Linux. Non vi obbligo io (né nessuno, penso) a usare Windows, ed è ovvio che con quel S.O. alcune cose sono meno “comode” (tipo usare i tool a linea di comando).

Dev’essere anche chiaro che io, non usando Windows, posso tentare di aiutarvi fino a un certo punto, e di sicuro non è tra le priorità del blog aiutare voi. Per il resto, non sono materialmente in grado di farlo, perché non lo uso e perciò dovete accettare questa piccola “conseguenza” della vostra scelta.

La versione 7.0

Tornando allo script, caricherò tra due minuti la versione 7.0 del medesimo. Dovrebbe aggiornarsi automaticamente ma se siete impazienti vi basta reinstallarlo. 😉

La cosa divertente è che i blocchi della Rai sugli MP4 sono stati aggirati quasi subito (e nel frattempo avete sempre potuto scaricare i video tramite stream M3U8). 😀 La soluzione mi è arrivata tramite le email molto utili di Alessandro Strazzanti, un mio lettore che mi ha fatto notare delle “debolezze” sul blocco, diverse da quelle che avevo notato già io in precedenza e più semplici da sfruttare.

In pratica, dal messaggio di “accesso negato” si riesce a capire l’URL del video e quindi lo script lo trova comunque. Un’altra news importante viene da Paolo Pancaldi, l’autore della pagina web dove potete trovare il link ai file copiando e incollando l’URL della pagina.

Paolo, oltre ad aver aggiunto da un paio di giorni il supporto a Rai Replay basandosi sul mio script (sono felice che sia stato utile) è anche riuscito a trovare un metodo alternativo di aggirare il blocco, che consiste nell’attaccare la stringa &output=25 al relinker della Rai, che quindi restituisce un XML.

Tecnicismi a parte, entrambe le soluzioni sono perfettamente valide. Io ho deciso di tenere la soluzione di Alessandro S., a cui dedico la versione 7.0, che quindi reintroduce il pulsante MP4 aggirando gli ultimi blocchi della Rai.

Concludo con un’immagine che raffigura ciò che tutti quanti dovrebbero pensare di colui che mi ha inviato i preziosi suggerimenti. 😉

Caro amico, te la meriti!
Caro amico, te la meriti!

Aggiornamento 30/01/2014: la tecnica “taglia e cuci” per ricostruire gli URL, suggerita da Alessandro S., funziona anche per i video di Rai Yoyo che quindi ora si riescono a salvare direttamente in MP4. Aggiornate lo script alla 7.4! 😉