Scaricare i contenuti audio e video presenti nelle pagine web — Guida completa

Premessa: ho impiegato mesi per lavorare a questo articolo, rivedendo in continuazione le idee di cui parlare e valutando come dare i consigli nel modo migliore possibile. Questo post racchiude quindi numerose informazioni e potrebbe richiedere più di una lettura per assimilarle tutte.

Ormai 6 anni fa avevo scritto un articolo che continua ad essere tra i più visitati del blog, dedicato a salvare i video incorporati nei siti web in cui ci imbattiamo navigando in rete. Non era una guida dedicata ad atti deplorevoli di pirateria cinematografica (non insegna a scaricare film da reti P2P) bensì era rivolta proprio ai video che sono “dentro” le pagine. Un esempio banale di sito con video può essere Youtube, ma in realtà ce ne sono moltissimi che per un motivo o per l’altro offrono dei filmati (ad esempio siti di news, recensioni di hardware, eccetera) ed essi sono inseriti nei formati e nei modi più disparati.

Al tempo avevo dedicato quasi tutta la guida all’uso di Unplug, un’estensione per Firefox che era tra le migliori per questo tipo di compito. In seguito è stata sorpassata da altri strumenti, per poi migliorare di nuovo nell’ultimo periodo. Lo scopo di questo mio nuovo articolo vuole essere più ad ampio raggio: vorrei cercare di spiegare quale approccio usare quando ci si trova di fronte a un sito con video: a partire da come riconoscere la tecnologia utilizzata, fino al salvataggio vero e proprio del contenuto multimediale. Accennerò anche qualcosa riguardo alla conversione.

Devo precisare subito che per quanto cercherò di essere chiaro e spiegare le cose in modo semplice, inevitabilmente alcuni dei concetti qui spiegati potrebbero non essere banali. In alcune circostanze sarà necessario “esplorare” del codice HTML, XML o Javascript (non è comunque necessario conoscere questi linguaggi). Inoltre dovrebbe essere chiara la differenza tra un file e uno stream. Oltre a questo va aggiunto che nell’articolo mi concentrerò sui video, ma i concetti sono tali e quali anche per delle eventuali tracce audio ascoltabili online.

Continua a leggere…

Risolto il problema di crackling di Pulseaudio col controllo PCM

Come ricorderete al tempo in cui avevo scritto la guida per l’installazione di Ubuntu sul mio Dell XPS M1530, ero stato molto preciso nel consigliare le impostazioni per il volume. Riporto qui quanto avevo scritto:

Le impostazioni dell’audio non sono ottimali. È il caso di cliccare col destro sull’applet del volume e selezionare “Apri regolazione volume”. Impostare il canale principale al massimo ed il PCM a circa 4/5. A questo punto un altro clic destro sull’applet e si vanno ad aprire le preferenze. Selezionate come canale di default il PCM. Andate su Sistema > Preferenze > Audio e su “Tracce predefinite del mixer” selezionate sempre il PCM.

Questo aveva permesso (e permette tuttora) di avere una regolazione del volume accurata e lineare. Infatti, regolandolo tenendo sempre al massimo il PCM e muovendo lo slider Principale, avremo un suono pressoché silenzioso fino a che non vengono superati i 3/4 della barra. Avere una barra per il 75% inutilizzata a me non piace, e non lo trovo sensato.

Purtroppo, la finezza dell’uso del PCM ha un risvolto grave.

Colpevole od innocente?
Colpevole od innocente?

Se devo essere sincero non ho la certezza che ciò sia legato a PulseAudio, ma a quanto pare non sono il solo a pensarlo. 🙂 Il fatto è che quando si mette muto il controllo e il sistema tenta di riprodurre un suono, tutto ciò che si ottiene è un fastidiosissimo sfregolio sulle casse. Un cosiddetto crackling che è veramente fastidioso ed inopportuno. Il colpevole è sicuramente il controllo PCM. Infatti, tornando alla configurazione originaria, ciò non accade. Mi sono chiesto quindi se ci fosse un altro modo di avere una regolazione del volume lineare, ma che non risentisse di questo problema.

Alla fine sono riuscito a trovarla. Ora vado a regolare direttamente il Master del dispositivo PulseAudio, così sono a posto. Ho aggiornato il mio precedente post, vi riporto qui quanto ho scritto:

Le impostazioni dell’audio non sono ottimali. È il caso di cliccare col destro sull’applet del volume e selezionare “Apri regolazione volume”. Impostare il canale principale al massimo, così come il PCM. Ora bisogna scegliere come dispositivo “Playback: HDA Intel – STAC92xx Analog (PulseAudio Mixer)”. Il master va messo al 50% per ora. A questo punto un altro clic destro sull’applet e si vanno ad aprire le preferenze. Selezionate come canale di default il Master del dispositivo precedentemente detto. Andate su Sistema > Preferenze > Audio e su “Tracce predefinite del mixer” selezionate sempre tale Master.

Fatemi sapere come vi trovate. 😉