Abel, il sistema di build della nuova CAINE — Video e slide

Il team di ESC ha fatto come sempre uno straordinario lavoro con i video dei talk, che trovate nel canale YouTube ufficiale (alcuni sono ancora in fase di montaggio).

Il mio intervento verteva sul lavoro svolto per una delle principali distribuzioni Linux in ambito di informatica forense:

Abel, il sistema di build della nuova CAINE

CAINE è una delle distribuzioni Linux per l’informatica forense più usate al mondo. Analogamente ad altri progetti simili, l’attuale metodo di sviluppo comporta numerosi step non automatizzati. Molte delle personalizzazioni presenti nella distribuzione sono realizzate a mano, rendendo difficile tenerne traccia e valutare eventuali correzioni di bug o miglioramenti nella procedura. Abel (Automated Build Environment Lab) è un progetto che mira a produrre le nuove versioni di CAINE in modo totalmente automatizzato, tracciabile e peer-reviewed, con un ambiente di build omogeneo basato su Vagrant e numerosi script che applicano tutte le modifiche necessarie.

Lo sviluppo di Abel non è totalmente terminato, in quanto non siamo riusciti a convertire proprio tutti i passaggi di installazione in tempo per la versione 10 di CAINE. Tuttavia la struttura base è completa e infatti al talk ho parlato principalmente di quella. 🙂 Qui potete vedere la slide che descrive com’è fatto Abel:

Struttura di Abel

Questo è il video su YouTube, con un audio di ottima qualità… peccato soltanto per alcuni riferimenti che non sono stati colti da una parte dell’audience. Forse non c’erano abbastanza marshmallow in sala. 😉

Le slide sono disponibili su SlideShare (cliccate qui per il PDF):

Ad aprile riparte il ciclo culturale “Dieci volti dell’informatica” a Nove (VI)

L’anno scorso avevo organizzato un ciclo di serate assieme a GrappaLUG. Vi avevo scritto qui sul blog il motivo principale per cui erano stata programmati dieci incontri su questa disciplina:

Il problema più grosso, però, è che pochi parlano di informatica (intendo la scienza, quella vera) in modo divulgativo e dedicato ad un pubblico non esperto. Ci sono meravigliose trasmissioni televisive che parlano di fisica, chimica, biologia, geologia… ma manca sempre l’informatica.

Questo è il motivo che mi ha portato a organizzare, con l’associazione GrappaLUG, un itinerario culturale di dieci serate divulgative sull’informatica. Il mio obiettivo è quello di portare degli spunti, far conoscere al pubblico che cos’è questa scienza e magari scatenare la curiosità di qualcuno che potrebbe trovarla interessante.

Purtroppo avevamo dovuto temporaneamente sospendere le serate dopo i primi cinque incontri, ma ora siamo pronti a ripartire! Grazie alla collaborazione con il Centro Comunicazioni 9Radio abbiamo la possibilità di terminare i cinque incontri rimanenti, ma non solo: verranno riproposti in replica anche le prime cinque lezioni!

Il titolo del percorso rimane invariato:

Dieci volti dell’Informatica
Itinerario culturale di introduzione alla scienza dell’informazione

Le prime tre serate saranno a cadenza settimanale, a partire da giovedì 5 aprile, a Nove (VI). Dopodiché le restanti proseguiranno ogni due settimane nei mesi di maggio e giugno. Trovate il programma completo sul sito del GrappaLUG, dove c’è anche il link per iscriversi.

Il percorso è gratuito ma è necessaria l’iscrizione. Abbiamo la fortuna di avere un’aula molto capiente, per cui oltre alle circa 20 persone già in lista è rimasto disponibile qualche altro posto. Affrettatevi! 😉

Video delle serate

Stiamo sperimentando la possibilità di trasmettere in diretta streaming su YouTube l’audio e le slide degli incontri. Seguite il canale ufficiale di GrappaLUG per guardare i video precedenti e seguire le dirette:

https://www.youtube.com/user/LinuxGrappaLUG/featured

Migliaia di italiani hanno ricevuto un SMS truffa a tema Bitcoin

Oggi 9 ottobre 2017, alle 13:30 ora italiana (11:30 UTC), migliaia di numeri cellulari in Italia hanno ricevuto un SMS molto sospetto da un mittente mascherato dalla stringa “BitcoinCode”.

Ho effettuato una rapida analisi del messaggio e del relativo link, potendo stimare il numero minimo di utenti colpiti e verificare che il sito linkato è piuttosto infido e decisamente inaffidabile (come era prevedibile). Lo scopo di questo post è duplice: da una parte vorrei descrivere la metodologia di analisi utilizzata e dall’altra mettere in guardia chiunque si imbatta nel metodo “Bitcoin Code”.

Lo strano SMS

Il contenuto dell’SMS è già piuttosto sospetto (il link non è cliccabile, volutamente):

Hai (1) Bitcoin nel tuo account. Conferma l’account qui: http://bit.ly/2y9WNXB Valore di mercato corrente 3895.83 Euro

Ma guarda… a pranzo stavo giusto pensando “buono questo panino, è da un po’ che qualcuno non mi regala 4000 euro”. Come no! 😀

Ora, dirò una cosa (spero) ovvia, però… chiaramente non ho aperto il link. In questi casi non si deve mai cliccare collegamenti ignoti che potrebbero potenzialmente portare a pagine contenenti malware, o anche semplicemente tracciare il fatto che il proprio numero telefonico ha ricevuto e letto l’SMS.

Analisi dell’URL

Bit.ly è un famosissimo servizio per accorciare (e in un certo senso mascherare) degli URL. Non c’entra nulla con questi messaggi promozionali, serve solo a rendere un URL più corto, una cosa utile per inviarlo via SMS. La cosa interessante è che ha anche delle funzionalità statistiche: chiunque conosca un URL generato da questo sito può semplicemente aggiungere un + alla fine e ottenere maggiori informazioni.

Andando a visitare http://bit.ly/2y9WNXB+ ho potuto capire che l’URL non avrebbe tracciato il mio numero di cellulare, perché è stato aperto oltre 3200 volte:

statistiche_link_bitcoin_code
Le visite che ha ricevuto il link contenuto nell’SMS

È interessante vedere come il link sia stato condiviso anche su Facebook e in misura molto ridotta anche in altre nazioni. Il picco di visite nella fascia 11:00-11:59 UTC (cioè 13:00-13:59 in Italia) coincide con l’orario in cui ho ricevuto l’SMS.

Escluso il tracciamento, restava comunque il rischio di malware. Prima di puntare un browser a quell’indirizzo, è stato opportuno provare a vedere dove andasse a finire quell’URL. Ho usato HTTPie che è molto comodo:

http --follow --all get 'http://creativesellar.com/tracking/596dae565fa39a39a9c3f869?src=59ca723d377e015f43de7a16&s1=&s2=&s3=&s4=&s5=&k=598c46292cd1ca261ba4867d'

La pagina delle statistiche di Bit.ly consente di vedere la versione originale dell’URL, di conseguenza si può visitare senza incrementare le statistiche. In altri termini, nessuno di quei 3200 click è mio. 🙂

L’output di HTTPie è decisamente prolisso perché mostra tutti gli header HTTP (piuttosto utili per fare debugging e analizzare pagine sospette) ma mi limito a dire che i redirect sono stati i seguenti:

http://a.trafficrouter.bid/aff_c?offer_id=1628&aff_id=2074&aff_sub=59ca723d377e015f43de7a16&aff_sub2=59dbce2dee485e5e82e82aef&entity=jav

http://mediaroi.go2cloud.org/aff_r?offer_id=1666&aff_id=2074&url=http%3A%2F%2Fbitcoinmillions.co%2Fse%2F%3Foffer_id%3D1666%26aff_id%3D2074%26transaction_id%3D102685e5380c3fe094b3ed05a891bc%26aff_sub%3D59ca723d377e015f43de7a16%26aff_sub2%3D59dbce2dee485e5e82e82aef%26aff_sub3%3D%26aff_sub4%3D%26goal_id%3D2510%26xparam%3Dbitcoinmillions.co%2Fse%26entity%3Djav%26urfname%3D%7Burfname%7D%26urlname%3D%7Burlname%7D%26urphone%3D%7Burphone%7D%26uremail%3D%7Buremail%7D%26urcountry%3D%7Burcountry%7D&urlauth=646211568076217752932436557944

http://bitcoinmillions.co/se/?offer_id=1666&aff_id=2074&transaction_id=102685e5380c3fe094b3ed05a891bc&aff_sub=59ca723d377e015f43de7a16&aff_sub2=59dbce2dee485e5e82e82aef&aff_sub3=&aff_sub4=&goal_id=2510&xparam=bitcoinmillions.co/se&entity=jav&urfname={urfname}&urlname={urlname}&urphone={urphone}&uremail={uremail}&urcountry={urcountry}

La mia reazione è stata più o meno questa:

Alla fine sono capitato su bitcoinmillions.co, in particolare nella versione svedese per via dell’IP della VPN che sto usando oggi. Ho aperto l’URL in una macchina virtuale da analisi e poi ho verificato che il sito è disponibile anche in italiano, tedesco, inglese e qualche altro idioma (basta cambiare il codice della lingua nell’URL).

Stranezze e assurdità

La pagina ha lo scopo di presentare all’ignaro utente il metodo “Bitcoin Code” che consentirebbe, tramite investimenti sulle opzioni binarie, di guadagnare… udite udite… 13000 euro al giorno senza fare un bel niente. Di nuovo: come no! 😀

finto_ceo
Il finto inventore di Bitcoin Code

Secondo il sito, il “genio” dietro a questo metodo (talmente geniale da rivelarlo a tutti gratis) sarebbe Stefano Savarese. Mi correggo: secondo la versione italiana del sito. Infatti per la versione inglese sarebbe Steve McKay, per quella tedesca Sven Hegel e per quella svedese Stefan Holmquist.

La foto del presunto inventore è uguale, ma i nomi sono diversi. Ah, se l’immagine vi piace è possibile acquistarla su questo sito di immagini stock, ma penso che l’aveste già immaginato. Questo fatto è stato scoperto facilmente con TinEye, un motore di ricerca per immagini.

Un altro elemento che non dà alcuna fiducia è il modulo di registrazione senza HTTPS, ma quello purtroppo si trova anche su siti meno “sospetti”. L’ennesimo campanello d’allarme dovrebbe suonare notando che questo metodo “gratuito” richiede un versamento minimo di 250€ che presumibilmente non rivedrete mai più e di certo non diventeranno 13000.

Chi c’è dietro a tutto questo?

Metto subito le mani avanti: l’attribuzione di siti, messaggi e “operazioni di business” varie è una cosa molto complicata e non bisogna fidarsi troppo delle informazioni trovate. D’altro canto però non fidarsi è un atteggiamento buono e prudente.

Detto ciò, la cosa più naturale è controllare il Whois dei vari domini coinvolti, sperando di trovare qualcosa. Così ho fatto:

whois creativesellar.com

… e via dicendo per gli altri. Come temevo, tutti quanti i domini sono protetti da qualche servizio di whois privacy o comunque riportano dati inaccurati. Questo non indica per forza un problema, ma quando si parla di investimenti sarebbe consigliabile sapere con chi si ha veramente a che fare.

Volendo arrivare al dunque, mi sono registrato con un indirizzo di Mailinator e ho cercato di trovare la pagina in cui Bitcoin Code mi avrebbe chiesto dei soldi. Avendo usato la versione inglese del sito, ho ricevuto un’email di conferma inviata da un tale Alfie Hughes usando SendLane, un servizio per l’invio di email.

SendLane aggiunge il nome e l’indirizzo del mittente in fondo al messaggio, o meglio i dati che costui ha usato per crearsi un account. Nell’email che ho ricevuto era riportato:

BTC ltd
7 More London Riverside
London
United Kingdom, SE1 2RT

Peccato che questo sia l’indirizzo della sede londinese di PwC, una rispettabile multinazionale che non ha nulla a che vedere con questa truffa. Ecco l’ennesimo segno dell’inaffidabilità di Bitcoin Code (come se ce ne fosse bisogno).

Per usare l’account e depositare i soldi sono stato rimandato verso un sito esterno, cioè https://www.toroption.com. Dai, almeno questo ha l’HTTPS così ti puoi far spillare del denaro ma in sicurezza. 😉

Anche il Whois di questo dominio è occultato.

La pagina di contatto del sito racchiude un altro aspetto bizzarro: cambia le informazioni e i numeri di telefono a seconda della lingua scelta. Inoltre i dati non sono rappresentati come testo (anche se sembra che sia così) ma sono un’immagine!

La versione inglese è l’unica che riporta due indirizzi:

Main Office
Royal Capital Ltd.,
Off. 13, 97 Andranik
Zoravar St. Yerevan

Smart Choice Zone LP,
272 Bath Street Glasgow.
G2 4JR. Scotland

+44-2035192667
+37-460462823

Scopriamo quindi che l’ufficio principale sarebbe a Yerevan, in Armenia, cosa che sembra plausibile. Il secondo indirizzo è di un servizio che noleggia uffici virtuali a Glasgow, in Scozia. Anche attività rispettabili usano questi servizi, a volte.

Dei due numeri di telefono riportati, il secondo mostra come prefisso +37 (che era in uso alla Germania dell’Est un po’ di anni fa) ma in realtà è +374, che corrisponde all’Armenia.

Il primo è del Regno Unito (coerente col secondo indirizzo) e cercandolo sul web viene fuori un fermo avvertimento da parte dell’Autorità per i Servizi Finanziari e i Mercati (FSMA) del Belgio:

The Financial Services and Markets Authority (FSMA) warns the public against the activities of TorOption, a company that offers binary options without complying with Belgian financial legislation.

TorOption is not allowed to provide banking and/or investment services in or from Belgium.

Furthermore, the FSMA reminds the public that since 18 August 2016, no investment firm (authorized or not) is permitted actively to distribute, within the territory of Belgium, binary options or any other derivative instruments whose maturity is less than one hour and/or that directly or indirectly use leverage (including forex derivatives and CFDs).

The FSMA thus strongly advises against responding to any offer of financial service made by TorOption and against transferring money to any account number it might mention.

L’avvertimento completo, che vi consiglio di leggere, segnala anche un comunicato analogo della Commissione Nazionale del Mercato dei Valori (CNMV) spagnola.

In conclusione

Abbiamo visto come in data odierna migliaia di italiani abbiano ricevuto un messaggio truffaldino, che tentava di convincere le persone ad investire dei soldi con la promessa di guadagni allettanti e assolutamente irreali.

L’analisi delle informazioni disponibili con tecniche OSINT (ma soprattutto la valutazione di cosa non è disponibile) ha confermato ciò che l’intuito faceva presagire: pur non trattandosi di malware, è comunque meglio stare alla larga da Bitcoin Code, TorOption e qualsiasi altra operazione legata a tali entità.

Io non sono un esperto di investimenti, quindi di certo non vi dirò che uso fare dei vostri soldi, né voglio pubblicizzare altre alternative “più affidabili” (come invece ho visto fare ad altri siti che hanno accennato a Bitcoin Code). 🙂

Però una cosa ve la voglio dire: se volete fare investimenti, valutate attentamente l’affidabilità dei soggetti coinvolti. Non lasciatevi allettare dal miraggio di guadagni talmente facili da essere impossibili!

Presentazione del ciclo «Dieci volti dell’Informatica» a Bassano del Grappa (VI)

L’informatica è una scienza che troppo spesso viene fraintesa o male interpretata. Ci sono persone che usano e abusano il termine “informatica” o “informatico” per descrivere attività e professioni che poco hanno a che fare con questa disciplina. Il fatto che le cronache si riempiano di personaggi vari, presunti “esperti” di materie che non padroneggiano in modo approfondito, contribuisce a perpetrare questa scarsa consapevolezza di cosa sia davvero l’informatica.

Il problema più grosso, però, è che pochi parlano di informatica (intendo la scienza, quella vera) in modo divulgativo e dedicato ad un pubblico non esperto. Ci sono meravigliose trasmissioni televisive che parlano di fisica, chimica, biologia, geologia… ma manca sempre l’informatica.

Questo è il motivo che mi ha portato a organizzare, con l’associazione GrappaLUG, un itinerario culturale di dieci serate divulgative sull’informatica. Il mio obiettivo è quello di portare degli spunti, far conoscere al pubblico che cos’è questa scienza e magari scatenare la curiosità di qualcuno che potrebbe trovarla interessante. 🙂

Il percorso si intitola:

Dieci volti dell’Informatica
Itinerario culturale di introduzione alla scienza dell’informazione

Questo giovedì (9 marzo) alle 21.15 ci sarà un incontro introduttivo in cui presenterò il programma dettagliato degli incontri. Cito dal sito dell’associazione:

In tale occasione si parlerà dello scopo per cui è stato ideato questo itinerario culturale, gli argomenti che verranno trattati, nonché date e orari delle dieci serate. La sera stessa apriranno le iscrizioni e i presenti potranno prenotare in anteprima il proprio posto.

Questa serie di incontri è dedicata ad un pubblico non esperto e non richiede specifiche conoscenze pregresse.

Se volete iscrivervi gratuitamente in anteprima non mancate, perché sul sito si potrà fare solo in seguito! 😀

Fonte: Presentazione del ciclo «Dieci volti dell’Informatica» – GrappaLUG

ShareLaTeX è diventato open source

LaTeX è una tecnologia libera e open source che consente di creare pubblicazioni di qualità professionale a qualsiasi livello, dai CV ai libri, passando per le tesi di laurea e le pubblicazioni scientifiche. In particolare, la stragrande maggioranza — probabilmente più del 90% — dei libri universitari di matematica e informatica vengono scritti usando questa tecnologia, che non ha eguali nel software commerciale, e permette di inserire formule matematiche in modo facile.

Trattandosi di un vero e proprio linguaggio di markup, che viene poi “compilato” per generare un documento finito (ad esempio un PDF), può risultare difficile ai principianti. Per questo esistono ottimi progetti come LyX, che permettono di usare un editor WYSIWYM (What you see is what you mean — quello che vedi è quello che intendi). Io personalmente ho usato quest’ultimo per la mia tesi di laurea, e il risultato è stato molto soddisfacente.

Per chi lavora in gruppo, è fondamentale riuscire a collaborare sullo stesso documento, anche contemporaneamente. Questo è il motivo per cui sono nati progetti come ShareLaTeX, che permettono di lavorare con lo stile a cui ci hanno abituato suite quali Google Documenti e simili: più persone scrivono insieme e l’anteprima del documento viene mostrata istantaneamente, tutto quanto dentro al browser.

Interfaccia di ShareLaTeX
Interfaccia di ShareLaTeX

Nella figura potete vedere un esempio di relazione di gruppo a cui ho lavorato quando studiavo al DTU. È notizia di circa un mese fa che tutta la parte principale dell’applicazione web è diventata open source, con un annuncio inviato via email a tutti gli iscritti:

We’re starting by open-sourcing the core parts of ShareLaTeX, including the editor, the project and document storage systems, and the backend LaTeX compiler that we use. This is only the beginning of our open-source journey though, and we will be open sourcing much more soon.

Ciò implica la possibilità per tutti quanti di poter leggere e scaricare il codice per conoscere, imparare, e perché no anche installarlo sul proprio server personale. 🙂 Molto interessanti sono anche le motivazioni:

As a small team, we’re constantly receiving feature requests that we’d love to implement but don’t have the time. We’ve also had a lot of offers from willing volunteers who we’ve had to turn away because we didn’t have a framework for people to contribute. We hope that by open-sourcing ShareLaTeX we can empower our brilliant community to help improve ShareLaTeX in the ways that you want, without having to wait for the two of us to work down our todo list.

A lot of people have asked to host ShareLaTeX internally due to company guidelines or data privacy concerns. We don’t have the resources to support licensed installs at the moment, but we also hate having to say no. With an open-source version of ShareLaTeX, now anyone who wants to run it locally can.

Il codice è disponibile su GitHub.

Come sempre, abbiamo un ulteriore esempio di come l’apertura del codice permetta possibilità impensabili con software proprietario. Complimenti pertanto al team di ShareLaTeX!

Vi segnalo inoltre un’interessante prodotto simile, sempre disponibile come applicazione web, ovvero writeLaTeX, ho utilizzato con soddisfazione anche questo. Voi come utilizzate gli editor collaborativi online? Che ne pensate della possibilità di lavorare in gruppo con LaTeX? 😉