Guardare i film di MyMovies Live con Linux

Aggiornamento (dicembre 2016): Lawrence nei commenti ha suggerito una soluzione alternativa che non richiede Wine. Casomai provatela per prima.

Durante il periodo natalizio ho ricevuto questa domanda da parte di un lettore:

Come vedere i filmati da MyMovies Live su Ubuntu? Si può fare?

Dopo una breve verifica, ho scoperto che questo servizio mostra i filmati usando la tecnologia Flash. Quindi in teoria dovrebbe funzionare senza problemi su tutti i sistemi operativi. In realtà, i requisiti tecnici riportati sono:

Requisiti: Win/Mac + Flash Player – Consigliato: Firefox o Google Chrome
Test: esegui qui il test di connessione.

Flash Player è sostanzialmente identico su tutte le piattaforme, quindi non ci sono scuse. Senza giri di parole, MyMovies non ha cura di chi sceglie soluzioni di qualità come Linux. Siti web come Rai Replay, Video Mediaset, La7, Hulu e BBC iPlayer funzionano con Linux senza troppi problemi.

Se si tenta di visualizzare un film (ad esempio questo documentario), si ottiene il seguente errore:

errore_mymovies_linux
Errore di riproduzione su MyMovies Live

La soluzione è quella di installare una copia di Firefox e Flash Player per Windows, però sempre all’interno del vostro sistema Linux. 😀

Wine e PlayOnLinux

Wine è un progetto imponente che da anni consente di utilizzare moltissimi software per Windows su piattaforma Linux. La compatibilità è ottima per numerosi programmi, tra cui Firefox e Flash (che interessano a noi).

PlayOnLinux è un’applicazione che fornisce una comoda interfaccia a Wine, permettendo di gestire diversi programmi installati in più “unità virtuali”, cioè finti hard disk con finte installazioni di Windows. Il bello è che contiene già una lista di programmi “preconfigurati”, cioè con degli script che automatizzano l’installazione e la configurazione senza farla manualmente.

Perciò, vi consiglio di installare PlayOnLinux dal vostro gestore software (per esempio Ubuntu Software Center) e usarlo come interfaccia “facile” a Wine, in modo da ottenere il massimo risultato con il minimo sforzo. 😉

Fatto ciò, passiamo all’installazione vera e propria di Firefox.

Installare Firefox per Windows

Aprite PlayOnLinux e cliccate sul bottone + Installa. Apparirà una lista di applicazioni, voi scegliete la sezione Internet e quindi Mozilla Firefox, infine Installa. La procedura di installazione guidata somiglia all’installazione dei programmi per Windows, quindi dovrete premere Avanti alcune volte. 😉

La cosa importante è fare attenzione alle domande:

  • Metodo di installazione: scegliete Scaricando il programma
  • Lingua: presumibilmente vorrete l’italiano
  • Componenti addizionali: spuntate la casella Flash Player

Dovete quindi armarvi di un po’ di pazienza mentre il programma scarica automaticamente i componenti necessari e avvia l’installazione di Firefox.

firefox_playonlinux
Installazione di Firefox tramite PlayOnLinux

Finita questa prima fase, il browser si avvierà. Ora attendete senza fare nulla! PlayOnLinux infatti scaricherà il programma di installazione di Flash Player in pochi secondi e lo farà partire.

flash_playonlinux
Installazione di Flash Player tramite PlayOnLinux

Dopo aver installato Flash Player, non sarà necessario neppure chiudere il browser. Aprite un video di MyMovies Live (per esempio il documentario che ho linkato prima) e potrete guardare il film senza fastidi. 😀

mymovies_linux
Visione di un film su MyMovies Live

Dall’immagine che ho messo non si può vedere, ma sia l’audio che la funzione schermo intero funzionano correttamente.

Come ultima cosa, preciso che usare PlayOnLinux con lo script per Firefox installerà anche un’altra copia di Wine. È infatti possibile averne più di una. Se questo vi da fastidio, PlayOnLinux contiene un gestore di versioni di Wine per rimuovere quelle aggiuntive.

Inoltre, potreste voler pulire i file temporanei creati in queste due cartelle nascoste nella vostra home:

.PlayOnLinux/ressources    # sì, con 2 "esse"
.PlayOnLinux/tmp

Quest’ultimo passo non è obbligatorio, l’ho messo solo per completezza d’informazione. 😉 Potete anche cancellare l’icona di Firefox che viene creata sul vostro desktop, e avviarlo direttamente dal menu di PlayOnLinux quando vi serve.

MyMovies Live è il primo sito web con Flash che si lamenta opponendosi agli utenti Linux. Tuttavia, non escludo esistano anche altri siti “problematici” e discriminatori che probabilmente si riescono ad usare con lo stesso metodo. Se ne siete a conoscenza, fatemelo sapere. 😀

Buona visione!

OCR dei PDF con Linux [Wine]

L’Optical Character Recognition è il famoso processo per cui un software analizza una immagine di un testo (solitamente stampato) e tenta di effettuarne la conversione in un documento modificabile. Questo può essere sia un semplice file di testo che una pagina formattata, dipende dal software. Sotto piattaforma Linux esistono diversi strumenti molto validi per questo “lavoro”, a cui si aggiungono alcuni siti web che svolgono questo compito. Tuttavia, io desideravo in particolare effettuare una operazione che sta diventando sempre più popolare, ovvero il cosiddetto PDF sandwich. Ci possono essere due situazioni in cui potete trovarvi ad avere questa necessità:

  1. Possedete un PDF di pagine scansionate, magari a partire da immagini belle pulite e ottimizzate con ScanTailor.
  2. Avete un PDF di un articolo scientifico compilato con \LaTeX, quindi sembra che ci sia il “testo vero” ma in realtà se provate a fare copia incolla (o una ricerca) tutto quello che viene fuori sono caratteri apparentemente privi di senso. Un esempio è questo paper, tra quelli che devo leggere per la mia tesi.

In entrambi i casi, il vostro scopo è ottenere un documento il cui aspetto esteriore sia lo stesso (quindi mantenendo le immagini) ma che sia ricercabile. Ciò viene realizzato da software appositi che creano un livello trasparente con del “vero testo” usando le tecniche OCR. Il risultato non sempre è perfetto, ma sicuramente è molto meglio di avere documenti totalmente non ricercabili. Ci sono alcune guide e script in merito, nonché un live CD nato per fare solo questo.

Tuttavia sono tutte tecniche basate sullo stesso principio: usano Tesseract oppure Cuneiform per creare un file hocr e poi hocr2pdf per creare il risultato finale. Io ho provato personalmente numerosi tutorial e programmi ma il problema è sempre lo stesso: il testo sovraimposto è spesso di dimensioni sbagliate, un po’ a casaccio, e a volte è completamente spostato rispetto alle parole visualizzate. Insomma, il risultato è indegno.

La soluzione funzionante

Alla fine mi sono arreso e ho optato per un software per Windows tramite Wine, in particolare PDF-Xchange Viewer. È un programma che nella versione a pagamento fa un sacco di cose che a me non servono, ma la versione gratuita ha un motore OCR niente male che allinea il testo precisamente e riconosce le colonne abbastanza bene.

Finestra OCR del programma
Finestra OCR del programma

La finestra di riconoscimento è molto semplice da usare e consente di scegliere la lingua e il tipo di PDF. Se il vostro PDF contiene già immagini scegliete la prima voce, ovvero Preserva contenuto originale & aggiungi livello testo. Se invece è un PDF con “falso testo” l’altra opzione vi consente di convertirlo in immagini e poi effettuare il riconoscimento. Se lo fate, vi consiglio una risoluzione di 200, che va bene anche per la stampa. A mio avviso 300 è esagerato, e crea file molto grandi. Alla fine vi basta salvare il documento PDF.

Note di installazione

Il programma si installa molto facilmente con Wine e nelle preferenze è possibile impostarlo in italiano e disattivare le voci PRO dal menu. Per effettuare l’OCR in italiano vi servirà il pacchetto di lingua addizionale, che trovate in questa pagina. L’unico problema è che a volte, con alcune versioni di Wine e (pare) di più nei sistemi a 64bit, il programma crasha quando si salva (seppure di solito il file viene salvato lo stesso). Per questo io vi consiglio di provare a installarlo con PlayOnLinux, nel quale potete testare diverse versioni di Wine e trovare un setup che per voi sia perfetto, anche se comunque non è obbligatorio farlo.

Se il vostro sistema operativo è a 64bit, potete anche risparmiare tempo e scaricare questo file .polApp [62 MB] che ho creato esportandolo da PlayOnLinux. Potete importarlo dal menu del programma, alla voce Plugins » PlayOnLinux Vault » Avanti » Restore an application. Contiene il programma impostato in italiano, i dizionari europei per l’OCR e il tema wooden per un aspetto migliore. A me funziona senza crashare, avendo impostato una versione vecchia di Wine (1.5.28).

Se invece usate Linux a 32bit e sperimentate i crash, provate anche la versione portable, alcuni asseriscono che funzioni meglio. Fatemi sapere se vi funziona e che ne pensate del programma!

Come avere i font con antialiasing in Wine e integrarne meglio l’aspetto grafico

A dire il vero non mi capita spesso di utilizzare Wine, per il semplice fatto che in genere trovo per Linux tutto ciò di cui ho bisogno. Tuttavia in questo periodo sto facendo un lavoro di gruppo per un esame e ho deciso di installare il client Windows di Evernote per sfruttare le funzioni che l’interfaccia web non offre. Avevo provato Nevernote/Nixnote ma a volte scombina il layout di alcune note, e comunque si tratta solo di una situazione temporanea.

Se c’è una cosa che non apprezzo particolarmente di Wine, comunque, è la perseveranza con cui rimane non integrato con tutto il resto del sistema. Ovviamente non si può pretendere di avere un look perfettamente analogo a GNOME o KDE, però non capisco proprio come la loro implementazione del font Tahoma (basata in realtà sul Bitstream Vera Sans) sia stata realizzata di proposito con i caratteri senza antialiasing a determinate dimensioni, per imitare il comportamento discutibile di alcune versioni di Windows.

Per chi non lo sapesse, l’antialiasing (o più precisamente l’hinting, nel caso dei font) è una sfumatura dei pixel per migliorare la leggibilità. Sapete già che sono abbastanza esigente dal punto di vista dell’integrazione grafica dei software, però in questo caso costituisce anche un problema serio di leggibilità delle finestre.

Ho scoperto recentemente che si può installare il Tahoma semplicemente usando winetricks e questo risolve parzialmente il problema. Tuttavia personalmente ho notato che Evernote continuava a non metterlo in alcune schermate (e presumibilmente anche altri programmi per Windows). Per questo motivo ho deciso di trovare una soluzione alternativa e già che c’ero anche di applicare un tema trovato in rete tempo fa. Il procedimento non è lungo ma il risultato è molto soddisfacente.

Elaborazione grafica delle preferenze di Wine prima e dopo il "trattamento"

Partiamo dal tema: si tratta di uno stile per Windows XP chiamato Wooden e lo potete scaricare da questo sito russo (cliccate dove vedete scritto “wooden.zip [7.74 Mb]“). Una volta scompattato, andate nelle preferenze di Wine alla scheda Integrazione della Scrivania e premete Installa un tema: Vi verrà chiesto di scegliere il file con estensione .msstyles. Tenete presente che in alcune finestre i bottoni rimarranno senza angoli arrotondati, però in genere avrà tutto un’aspetto migliore e i colori somiglieranno al tema di Ubuntu.

Riguardo ai font, la mia idea è stata quella di usare la famiglia Droid Sans (quella dei primi dispositivi Android, per intenderci) e inserire nella cartella di sistema di Wine una copia dei file appositamente rinominati. Per farlo, dovrete assicurarvi tramite il Software Center (o gestore di pacchetti della vostra distribuzione) di avere installati questi font e anche il pacchetto fonttools, necessario per quello che andremo a fare tra poco. Per installarli su Ubuntu si può fare così:

sudo apt-get install ttf-droid fonttools

A questo punto è il momento di copiare i font nell’apposita directory:

cd ~/.wine/drive_c/windows/Fonts/
cp /usr/share/fonts/truetype/ttf-droid/DroidSans.ttf tahoma.ttf
cp /usr/share/fonts/truetype/ttf-droid/DroidSans-Bold.ttf tahomabd.ttf

Come anticipato prima, ai font dev’essere attribuito un nuovo nome. Non è sufficiente rinominare i file perché all’interno contengono salvato il nome originale. Andiamo quindi a convertire i file in formato XML per poi sostituire il nome con Tahoma:

ttx tahoma*.ttf
rm tahoma*.ttf
sed -si "s/Droid\ Sans/Tahoma/g" tahoma*.ttx
sed -si "s/DroidSans/Tahoma/g" tahoma*.ttx
ttx tahoma*.ttx
rm tahoma*.ttx

In sostanza dopo la prima conversione sostituiamo con sed tutte le occorrenze necessarie e poi procediamo alla riconversione, mentre i comandi rm fanno pulizia quando serve. A questo punto il gioco è fatto, basta avviare un programma che gira con Wine per notare la differenza. Ho provato anche con altri font, compreso quello di Ubuntu, ma i risultati erano meno soddisfacenti. Voi che ne dite? 🙂

Pulire veramente i file lasciati da Wine

Se vi è mai successo di provare delle applicazioni con Wine, magari per curiosità, oppure per la soddisfazione di mostrare a qualcuno che Linux esegue anche software di Windows, vi siete sicuramente lasciati alle spalle un po’ di file sparsi nell’hard disk. Probabilmente avrete pensato che è sufficiente rimuovere la directory di Wine per riportare tutto al punto di partenza… Ad essere sinceri lo pensavo anche io inizialmente. Poi però è bastato guardare un po’ in giro per la mia directory home per convincermi del contrario.

Purtroppo l’integrazione col desktop si paga… E quindi, se si è costretti ad usare programmi Windows (un esempio banale: l’utente ha dei file in un formato proprietario che vanno convertiti prima di migrarlo al software open source equivalente) si rischia di lasciare tracce assolutamente fastidiose, non tanto perché le vediamo; ma perché sono lì.

Pertanto, questa è la sequenza di comandi che vi permetterà di eliminare tutto ciò che ha lasciato Wine quando ha installato i programmi. Ciò significa che eliminerà anche i programmi che avete dentro al vostro disco virtuale di Wine. Tutto insomma. 🙂

rm -rf ~/.config/menus/applications-merged/wine-*
rm -rf ~/.local/share/applications/wine*
find ~/.local/share/icons/ -name "*wine*" | xargs rm -rf
find ~/.local/share/icons/ -name "????_*" | xargs rm -rf
rm -rf ~/.local/share/desktop-directories/wine-*
rm -rf ~/.wine*

Se non siete sicuri, controllate il contenuto delle suddette locazioni prima di procedere.