Ricostruzione forense di NTFS con metadati parzialmente danneggiati — Video e slide

Come vi avevo anticipato circa un mese fa:

Mi è stato proposto di partecipare all’ESC 2016 e di tenere un talk attinente al mio lavoro di tesi sul file system NTFS. ESC è un incontro di persone interessate al Software e Hardware Libero, all’Hacking, al DIY. Si tratta di un evento con contenuti in continua evoluzione, che vengono creati dai suoi partecipanti.

L’organizzazione di ESC ha fatto un ottimo lavoro in termini di video, infatti tutti gli interventi sono già disponibili sul loro canale YouTube. Ci sono moltissimi talk interessanti e naturalmente desidero segnalarvi anche il mio, intitolato Ricostruzione forense di NTFS con metadati parzialmente danneggiati.

Clicca qui per mostrare contenuto da YouTube.
Scopri di più nella privacy policy di YouTube.

Purtroppo c’è stato un piccolo problema tecnico: per motivi logistici non ho potuto presentare con il mio laptop ma ho dovuto usare il portatile che era presente (per di più, ehm… con Windows). Le scritte si sono un po’ sballate.

Il laboratorio non è stato filmato, ma in sostanza ho mostrato RecuperaBit in azione su alcuni casi di esempio che sono discussi anche nel talk.

Di seguito invece trovate le slide pubblicate su SlideShare (cliccate qui per il PDF):

Clicca qui per mostrare contenuto da SlideShare.
Scopri di più nella privacy policy di SlideShare.

Avete domande? Qualche parte non è chiara? Lasciate pure un commento qui sotto.

2 pensieri riguardo “Ricostruzione forense di NTFS con metadati parzialmente danneggiati — Video e slide

  1. mai pensato di dedicarti all’Informatica Forense? in Italia ci sono dei nuclei ed università, in questo settore dell’Informatica, molto molto buone 🙂

  2. Be’ certo, è una materia molto interessante che mi intriga parecchio (altrimenti avrei scelto un altro argomento per la tesi). 🙂 Riguardo a farlo professionalmente in Italia, non è banale: richiede investimenti in attrezzature e la situazione non è tutta rose e fiori.

    Senz’altro l’aver lavorato a RecuperaBit è stato anche un modo utile per “espormi” un po’, conoscendo persone come Rebus (che mi ha invitato a parlare all’ESC) e Nanni (che mi ha dato preziosi suggerimenti per la tesi).

    Tra l’altro, proprio qualche giorno fa ho visto che RecuperaBit è finito nell’elenco di DFIR.training. 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.