Estrarre la rubrica da un BlackBerry con software danneggiato

Un’amica mi ha sottoposto un dispositivo BlackBerry 9780 per un’analisi. Lo scopo era quello di recuperare il contenuto integrale della rubrica contatti, in quanto il software di sistema era pesantemente danneggiato e il dispositivo faticava ad accendersi. Dopo alcuni minuti di inattività, crashava improvvisamente con un messaggio di tipo App Error.

La prima cosa da fare, in questo caso, è rimuovere la batteria e reinserirla, per effettuare un reset. Dopo diversi tentativi in cui il dispositivo sembrava bloccato all’avvio, ho verificato che effettivamente il sistema si avviava, mettendoci però 11 minuti. Alla fine del caricamento, comparivano numerosi messaggi di errore relativi al software basato su Java.

Schermata di caricamento ed errori del software
Schermata di caricamento ed errori del software

In questi casi è possibile premere ripetutamente OK per raggiungere il menu del telefono. Dopo aver effettuato questa operazione, sono iniziate le difficoltà reali:

  • la rubrica mostrava la lista dei contatti (nomi) ma non era possibile aprirli per visualizzare i numeri
  • le impostazioni di sistema non erano accessibili e facevano crashare il dispositivo
  • non si riusciva ad effettuare un accoppiamento via bluetooth
  • il programma BlackBerry Desktop Manager, oltre a essere solo per Windows o Mac, non riusciva a connettersi al dispositivo

Il fatto di non poter aprire le impostazioni di sistema significava non potersi collegare al Wi-Fi per tentare di esportare i contatti tramite qualche app. I problemi col bluetooth lasciavano il collegamento USB come unica speranza.

Il mio piano infatti era quello di effettuare un backup con il software ufficiale di BlackBerry e poi esportare la rubrica. Dopotutto è possibile usare Windows in macchina virtuale (come quelle fornite da Microsoft sul sito Modern.ie) oppure creare una USB avviabile tramite le varie Release Candidate per sviluppatori. Peccato solo per l’errore nefasto restituito da BlackBerry Desktop Manager per Windows:

BlackBerry® Desktop Manager non è in grado di comunicare con il dispositivo BlackBerry connesso. Se il dispositivo si sta riavviando oppure la batteria è completamente scarica, fare clic su Riprova per tentare di ristabilire la connessione una volta completato il riavvio. In caso contrario, per risolvere il problema potrebbe essere necessario aggiornare BlackBerry® Device Software.

Come spesso accade, mi sono reso poi conto che Linux poteva venire in aiuto e salvare la situazione. Per evitare di installare troppo software sul mio portatile, ho creato una chiavetta USB avviabile con Xubuntu 14.10, assicurandomi di attivare la persistenza per poter salvare i dati recuperati. Ad ogni modo, qualsiasi distribuzione dovrebbe andare bene.

Per evitare problemi, ho effettuato nuovamente il reset del BlackBerry. Nel frattempo ho fatto partire Xubuntu. Una volta avviato il sistema, ho installato Barry, un software open source per gestire i dispositivi BlackBerry:

sudo apt-get install barrydesktop

Ho collegato il BlackBerry col cavo USB e ho avviato il programma con i permessi di amministratore, per evitare errori di accesso negato:

sudo barrydesktop

Barry ha individuato il dispositivo senza batter ciglio e mi ha chiesto di dargli un nome. Ho cliccato su Config… e poi sul primo tasto Configure… (quello relativo al backup) per selezionare tutti i campi disponibili. In realtà era di fondamentale importanza recuperare soltanto la rubrica, ma ero curioso di vedere quanto si potesse effettivamente estrarre.

Selezione degli elementi da estrarre
Selezione degli elementi da estrarre

Dopo aver salvato le mie scelte, ho dovuto solo premere il tasto Backup nella finestra principale:

Barry durante l'operazione di backup
Barry durante l’operazione di backup

Il processo si è interrotto “brutalmente” al 42%, probabilmente a causa degli errori software. Barry ha mostrato un messaggio di errore indicando quali campi non erano stati estratti. Ha quindi provveduto a salvare quello che era stato recuperato, incluso il contenuto integrale della rubrica. Il BlackBerry è poi crashato nuovamente.

Dato che il processo era stato avviato come amministratore, è stato necessario copiare i file dalla cartella dei backup alla home dell’utente che stavo utilizzando:

sudo cp /root/.barry/backup ~
sudo chmod a+r ~/backup

L’obiettivo finale era esportare i contatti in un formato “universale” che si potesse agevolmente aprire e magari importare su Gmail. Dato che Barry effettua il backup in un formato proprietario, ho utilizzato un comodo script chiamato BlackBerry-Address-Book-to-CSV.

È sufficiente scaricare il file ZIP, estrarlo ed eseguirlo sul file di backup. Si tratta solo di dare pochi comandi:

wget https://github.com/mintern/BlackBerry-Address-Book-to-CSV/archive/master.zip
unzip master.zip
cd BlackBerry-Address-Book-to-CSV-master
./bbab2csv ~/backup/[PIN]/[NOME].tar.gz

Al posto di [PIN] e [NOME] vanno inseriti il PIN del dispositivo e il nome dell’archivio creato da Barry, che varia di volta in volta. L’output in formato CSV viene mostrato nel terminale, se volete salvarlo su un file potete ripetere l’ultimo comando ridirezionando l’output:

./bbab2csv ~/backup/[PIN]/[NOME].tar.gz > ~/contatti_BB.csv

Il file risultante si trova nella home e si può aprire tranquillamente con LibreOffice oppure importare in un account Gmail, per sincronizzarlo con un dispositivo Android. Ovviamente va salvato in un posto sicuro, specialmente se si sta usando Linux su una live USB.

Il procedimento di recupero con Linux, alla fine, è stato molto veloce. La maggior parte del tempo è stata persa nei vari riavvii del dispositivo e tentando di far funzionare il software ufficiale di BlackBerry, che non è stato di alcun aiuto per estrarre i dati.

Tuttavia, BlackBerry Desktop Manager si è rivelato utile perlomeno per far tornare funzionante il telefono. Una volta collegato il cavo USB e ricevuto il messaggio di errore, ho cliccato su Aggiorna. Alla proposta di fare un backup ho risposto di no (altrimenti si sarebbe bloccato di nuovo) e ho confermato di voler formattare il dispositivo.

Alla fine del processo, il BlackBerry era perfettamente funzionante e tristemente vuoto. Avviando di nuovo Linux, con Barry ho potuto ripristinare la rubrica di cui era stato fatto il backup in precedenza.

La morale che si può trarre da questa esperienza è che da un BlackBerry con software danneggiato a volte si possono recuperare dei dati. Inoltre, non sempre l’applicazione ufficiale è la scelta migliore. Anzi, Barry consente di accedere almeno a una parte delle informazioni in casi in cui BlackBerry Desktop Manager non è in grado di collegarsi al dispositivo, con l’ulteriore vantaggio di non essere costretti a usare Windows.

Usare Jquery per gestire tabelle e altri elementi con overflow su dispositivi mobili

Qualche tempo fa mi stavo occupando di rendere un sito web mobile-friendly e mi sono trovato di fronte alla necessità di gestire delle tabelle molto larghe. Purtroppo non era possibile pretendere che le tabelle fossero tutte quante di larghezza ridotta o con poche colonne, perciò era necessario usare l’overflow orizzontale con il CSS.

Oltre alle tabelle, ci sarebbero state anche delle formule visualizzate con Mathjax che — se molto lunghe — avrebbero “sfondato” la pagina. Ho avuto modo di accorgermi ben presto che la soluzione è leggermente meno semplice di quanto si possa pensare.

Nonostante le ultime versioni di Android e di iOS per iPhone/iPad supportino lo scorrimento di parti di pagina affette da overflow, le versioni vecchie di Android non permettono di scorrere correttamente con il dito, mentre quelle di iOS richiedono due dita e ciò è poco intuitivo.

Fortunatamente, ho trovato una soluzione interessante in Javascript sul blog di Chris Barr. Leggendo i commenti, ho anche scoperto con piacere che un lettore (Jeff) ne aveva fornito una versione Jquery, mentre un altro (Cormac) suggeriva l’utilizzo del metodo .live() per consentirne un corretto utilizzo anche su elementi caricati nel DOM in un momento successivo.

Ho deciso di unire i due approcci ed è venuto fuori il seguente risultato, che potete includere all’interno della pagina:


function isTouchDevice(){
	try {
		document.createEvent("TouchEvent");
			return true;
	}
	catch(e) {
		return false;
	}
}

function touchScroll(selector) {
    if (isTouchDevice()) {
        var scrollStartPosY=0;
        var scrollStartPosX=0;
        $("body").delegate(selector, 'touchstart', function(e) {
            scrollStartPosY=this.scrollTop+e.originalEvent.touches[0].pageY;
            scrollStartPosX=this.scrollLeft+e.originalEvent.touches[0].pageX;
        });
        $("body").delegate(selector, 'touchmove', function(e) {
            if ((this.scrollTop < this.scrollHeight-this.offsetHeight &&
                this.scrollTop+e.originalEvent.touches[0].pageY < scrollStartPosY-5) ||                  (this.scrollTop != 0 && this.scrollTop+e.originalEvent.touches[0].pageY > scrollStartPosY+5))
                    e.preventDefault();
            if ((this.scrollLeft < this.scrollWidth-this.offsetWidth &&
                this.scrollLeft+e.originalEvent.touches[0].pageX < scrollStartPosX-5) ||                  (this.scrollLeft != 0 && this.scrollLeft+e.originalEvent.touches[0].pageX > scrollStartPosX+5))
                    e.preventDefault();
            this.scrollTop=scrollStartPosY-e.originalEvent.touches[0].pageY;
            this.scrollLeft=scrollStartPosX-e.originalEvent.touches[0].pageX;
        });
    }
}

La cosa interessante della soluzione proposta da Jeff (e che ho riutilizzato) è quella di permettere il corretto funzionamento dei link contenuti nell’elemento che scorre.

Come potete intuire dal codice, la prima funzione controlla se il dispositivo è dotato di touchscreen oppure no, mentre la seconda accetta un selettore Jquery e associa un evento che viene azionato quando l’utente scorre con il dito sopra gli elementi corrispondenti.

Per applicare lo scorrimento alle tabelle, è necessario racchiuderle con un contenitore (in questo caso un <div>) in modo da applicare l’overflow, che con le tabelle non funziona in modo convenzionale.

La funzione deve essere richiamata dentro a $(document).ready(), e può essere utilizzata così, tenendo presente il trucco per le tabelle:


$(document).ready(function() {
    touchScroll(".MathJax_Display");
    $("table").wrap('<div class="table-scroll"></div>');
    $(".table-scroll").css('overflow', 'auto');
    touchScroll(".table-scroll");
});

La prima chiamata a touchScroll() si occupa delle formule prodotte da MathJax, i cui elementi compaiono nel DOM in un momento successivo ma sono catturati ugualmente grazie all’uso di .delegate(). Le seguenti righe si occupano invece di racchiudere le tabelle con un contenitore di classe table-scroll e applicano la funzionalità di scorrimento usando il selettore adeguato.

Questo è quanto! Come avete visto, una volta predisposta la funzione di Chris Barr modificata da Jeff, Cormac e me è sufficiente usare una chiamata per applicare l’overflow agli elementi desiderati. Nel caso delle tabelle, è necessario inserire un contenitore addizionale, ma questo si può fare con Jquery, in modo da evitare di introdurre modifiche al markup della pagina.

L’origine di Nokia Morph

Ne ero venuto a conoscenza qualche tempo fa da Simone, e per diversi giorni gli utenti non hanno fatto altro che floodare Youtube e gli altri siti di condivisione video con lo stesso filmato riproposto decine di volte.

Finalmente Reuters smuove la stagnazione con un nuovo interessante video. Buona visione. 🙂