Come funziona Internet e perché il software libero è fondamentale

Il 14 maggio io, Carlo e Claudio di GrappaLUG siamo stati invitati al Liceo G.B. Brocchi di Bassano del Grappa (VI) per tenere un talk a due classi prime. Il titolo del nostro intervento è anche quello di questo post: Come funziona Internet e perché il software libero è fondamentale.

Lo scopo, come si può intuire, era duplice. Innanzitutto volevamo cogliere l’occasione — fornitaci da un docente che ci ha invitato — e introdurre il concetto di software libero (che non vuol dire freeware!) ai ragazzi. L’altro aspetto che abbiamo voluto affrontare era una infarinatura su come funziona la rete Internet e perché senza Linux non potrebbe esistere il web come lo conosciamo oggi.

L’obiettivo dell’associazione è compiere una doverosa sensibilizzazione al software libero, a Linux, alla tutela della propria privacy e anche all’uso consapevole della tecnologia. Parlare di tutto questo in un’ora scarsa sembrava un’impresa ardua, ma le due classi si sono dimostrate molto interessate e ci hanno persino aiutati facendo delle domande davvero molto pertinenti e per nulla banali.

La parte che ho trattato io riguardava come il software libero aiuta a tutelare la propria privacy, favorire il mondo del lavoro e far funzionare il web. Parlare ai ragazzi e alle ragazze è stato interessante e a tratti divertente. Per esempio, ne ho stupito la maggior parte quando ho spiegato che “web” e “Internet” sono due cose diverse, e che il web è nato dopo. Per molti di noi questo è scontato, ma per altri può non esserlo.

La cosa più divertente però è stato quando li ho portati a immaginare un sistema operativo che invii un report settimanale ai propri genitori, o che trasmetta un sacco di dati e statistiche sull’utilizzo del PC al produttore del software.

Quando alla fine ho spiegato che tutto ciò è attivo di default in Windows 10, ci sono rimasti un po’ male.😉

brocchi_privacy-fs8
La slide che ha spaventato maggiormente gli studenti

Quando è stato il momento di parlare di prospettive occupazionali e di cosa significa “costruire” il web, non mi sono lasciato scappare il fatto che una classe era composta totalmente da ragazze e l’altra lo era in maggioranza.

Chi segue la mia pagina Facebook ormai sa che certi pregiudizi tardo-medievali sul fatto che l’informatica sia “un lavoro da uomini” mi fanno innervosire abbastanza. Il fatto è che, purtroppo, sono molto diffusi. Quindi ho pensato di approfittarne per chiarire (implicitamente) un po’ di cose con gli studenti che avevo di fronte.

Per esempio, sapevate che la persona che ha scritto il primo programma della storia era una donna? Be’, neanche loro.🙂 Però adesso lo sanno.

brocchi_lovelace-fs8
Una citazione di Ada Lovelace che sintetizza brillantemente il senso di un buon algoritmo

Ho chiuso la presentazione mostrando un estratto di questa video intervista a Emily Gasca, ingegnere che lavora per Facebook. Se devo dirvi la verità, la cosa più simpatica di quella mattina è stata l’esclamazione scherzosa di un’alunna:

E chi me l’ha fatto fare di scegliere un percorso umanistico?

Impagabile.😀

Ad ogni modo, quelli che ho menzionato sopra sono soltanto un paio dei punti che ho ritenuto più interessanti della mia parte. Potete vedere la presentazione intera, con tutte e tre le sezioni, su SlideShare e nel player qui sotto.

Se desiderate usare questa presentazione in qualche altra scuola e vi serve il file sorgente o lo spezzone del video, potete contattarmi senza problemi.

Che cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...