Gli articoli premium de Il Foglio si potevano leggere senza pagare

Questo argomento ormai sta diventando una vera e propria saga. 😀 Dopo aver parlato di Repubblica e La Stampa, ecco l’ennesimo quotidiano il cui paywall (ovvero il blocco alle sezioni per abbonati) permetteva a chiunque di leggere gli articoli a pagamento, senza nemmeno effettuare un login.

Nel mio precedente articolo ho scritto:

una mancanza del genere solitamente è l’eccezione, non la regola.

Be’, temo che stia diventando la regola, anche se stavolta il finale è diverso. In questo caso ho scoperto il problema dopo che un amico aveva linkato una notizia premium de Il Foglio su Facebook. Avendo cliccato, ho riscontrato il paywall e, dati i precedenti, mi è venuto spontaneo chiedermi se fosse un paywall vero o l’ennesimo messaggio di facciata.

Ho guardato il codice sorgente della pagina, in altre parole il contenuto (testi, immagini, script) che poi il browser rappresenta in modo grafico per farci vedere l’articolo con tutta la sua grafica. Riscontrando questo pezzo di codice Javascript, ho visto qualcosa di estremamente interessante:

function read_paywall(){
    var replace=[];
    replace['paywall_canRead']='true';
    location.href = setUrlParameter(replace);
}
$.ajax({
    url: 'https://www.ilfoglio.it/webservices/canRead.jsp',
    [...]
    success: function(response){
        if(response.canRead){
            if(response.canRead)  {
                // può leggere
                // reload con parametri
                read_paywall();
                return;

Ricapitoliamo:

  • La pagina inizialmente contiene un pezzettino di articolo
  • Al caricamento, il sito invia una richiesta al server e verifica se l’utente è autorizzato a leggere le notizie integralmente
  • In caso positivo, richiama la funziona read_paywall la quale aggiunge ?paywall_canRead=true alla fine dell’URL e ricarica la pagina

Questo è un caso di controllo di sicurezza lato client, che in tale contesto non ha assolutamente senso. Ma in altri casi potrebbe pure averlo (per questioni di usabilità), a patto che poi tale verifica venga riconfermata nuovamente lato server, quando una persona cerca di caricare una pagina con il parametro ?paywall_canRead=true.

Ciò non veniva fatto da Il Foglio, perciò gli articoli erano leggibili assolutamente da chiunque.

Tutto questo veniva rilevato pochi giorni fa, come dimostra lo screenshot di una pagina caricata collegandosi all’URL https://www.ilfoglio.it/societa/2018/08/27/news/asia-argento-molestie-metoo-garantista-211179/?paywall_canRead=true. L’articolo è del 27 agosto 2018 ma è difficile stabilire per quanto tempo il sito de Il Foglio abbia avuto questo problema.

Apertura di un articolo premium in formato integrale, senza aver effettuato l’accesso

Non vi ho ancora raccontato la parte migliore. Dopo una prima visita a una notizia qualsiasi col parametro “aggiuntivo”, tutte le altre pagine venivano sbloccate in automatico perché l’autorizzazione veniva salvata nel cookie di sessione dell’utente. Insomma, era anche piuttosto pratico. 😉 La prima operazione poteva anche essere automatizzata con un semplicissimo script, esattamente una riga di codice:

if(window.hasOwnProperty("read_paywall")) window.read_paywall();

Avendo in programma di pubblicare prima il post relativo a La Stampa, ho rimandato la trattazione di questo sito a dopo il termine di ESC 2018. In questi giorni evidentemente qualcuno ha rilevato il problema e vi ha posto rimedio, al contrario delle altre testate precedentemente menzionate le quali hanno ancora dei paywall “scolapasta”.

A mio parere questa vicenda è una dimostrazione di quanto sia importante effettuare dei monitoraggi costanti su chi accede alle risorse riservate, nonché compiere delle periodiche verifiche di sicurezza per riscontrare eventuali bug. In altre parole è la buona cultura della sicurezza che cerco di diffondere a tutte le aziende con cui lavoro.

Annunci

2 pensieri su “Gli articoli premium de Il Foglio si potevano leggere senza pagare

  1. Concordo, se ci pensi queste sono piattaforme che vengono vendute a migliaia di euro agli editori… si presume che funzionino bene. Chi commette errori del genere rischia pure una causa per aver fornito del software inadeguato.

Che cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.