Aggiornato Slideshare Downloader

Dopo un bel po’ di tempo ho ripreso in mano Slideshare Downloader e l’ho aggiornato. Ora potete riprendere ad utilizzarlo e non ha pi√Ļ bisogno di swfdec! ūüėČ

Scaricare il file originale probabilmente √® impossibile, ma il mio script usa un approccio diverso‚Ķ Se non posso scaricare la presentazione, la posso almeno ‚Äúfotocopiare‚ÄĚ. Di fatto scarica ogni singola slide in formato JPG, cio√® una semplice immagine. √ą questo il tipo di dato che viene presentato a chi naviga con un dispositivo mobile.

via Slideshare Downloader: script per scaricare facilmente le presentazioni da Slideshare.

Preconfigurare il Trinity Rescue Kit per contenere i motori antivirus e le definizioni aggiornate

Facendo attivit√† come “consigliere pro pinguino” alle persone che conosco e come membro di un LUG, mi capita spesso di avere a che fare con alcune situazioni ricorrenti sia in ambito associazionistico che personale, tra cui posso elencare:

  • fare un riassunto delle specifiche hardware di una serie di PC
  • riparare il bootloader GRUB su un sistema Linux installato
  • ripartizionare un disco per creare un dual boot
  • resettare password di sistemi Linux o Windows
  • clonare partizioni in locale o via rete
  • ripulire un sistema Windows dalla “sporcizia” e dai virus pi√Ļ disparati

Specialmente per gli ultimi punti ho deciso di aggiungere alla piccola raccolta di dischi che mi porto dietro anche Trinity Rescue Kit, che può tornare utile pure per riparare sistemi Linux. Dalla pagina ufficiale si legge:

Trinity Rescue Kit or TRK is a free live Linux distribution that aims specifically at recovery and repair operations on Windows machines, but is equally usable for Linux recovery issues. Since version 3.4 it has an easy to use scrollable text menu that allows anyone who masters a keyboard and some English to perform maintenance and repair on a computer, ranging from password resetting over disk cleanup to virus scanning.

Molti ne parlano assai bene, e comunque √® sempre bello provare nuovi dischi live. Ho deciso tra l’altro di includerlo in un DVD assieme ad altri dischi di ripristino costruendo un DVD “multi avvio”, ma di questo vi parler√≤ in un altro articolo. Di seguito voglio invece spiegarvi come modificare il disco per renderlo davvero pronto all’uso per ogni evenienza.

Modifiche da fare

Trinity Rescue Kit contiene al suo interno la possibilit√† di usare 5 motori di antivirus per fare la scansione di tutte le partizioni attive (anche se risulta particolarmente utile per quelle di Windows). √ą gi√† installato ClamAV, il famoso antivirus open source, e poi consente di scaricare e avviare F-prot, Bitdefender, Vexira e Avast, i quali sono quattro software proprietari ma la cui licenza ne consente un uso gratuito per scopi non commerciali.

Questi motori di scansione non sono inclusi nel disco perch√© in questo modo la distribuzione si pu√≤ usare anche per scopi commerciali (e alcuni antivirus non consentono di essere ridistribuiti), ma per chi non ha in mente di farne un uso commerciale c’√® la possibilit√† di aggiungerli.

Lo scopo di questa guida è proprio questo: modificare il disco live di Trinity Rescue Kit per contenere i motori con le definizioni virus aggiornate al momento in cui farete il procedimento, così da non dover ripartire da zero ogni volta.

A questo si aggiungono altre due modifiche piccole ma importanti: impostare la tastiera italiana e far sì che sia possibile collegarsi in rete automaticamente. Trinity infatti di default non contiene impostazioni sui DNS, i quali sono necessari ad esempio per connettersi ai server degli antivirus (sia ClamAV che quelli proprietari) e scaricare al volo le definizioni aggiornate.

Prima di cominciare, se volete seguire la stessa mia strada e abilitare tutti i motori antivirus, assicuratevi di richiedere un codice di licenza non commerciale gratuito di Bitdefender e Avast: entrambe le licenze durano “solo” un anno ma comunque pu√≤ sempre tornare utile averle. Invece per gli altri motori non √® necessario un codice (e ricordatevi di rispettare la licenza non commerciale!).

Ambiente di lavoro

Per modificare il livecd dovrete innanzitutto avviarlo e poi avere a disposizione una partizione su cui salvare la ISO risultante. Questo rende le cose un po’ “complicate”, in sostanza avete due opzioni:

  • usare una macchina virtuale: vi servir√† una macchina virtuale (VirtualBox o altri software vanno bene indifferentemente) con un sistema operativo gi√† installato e quindi con delle partizioni gi√† fatte sul disco virtuale. Potete quindi avviare il disco live in ambiente virtuale e seguire le istruzioni del mio post passo passo. Alla fine vi ritroverete la ISO modificata in una partizione del disco virtuale, dovrete quindi utilizzare le cartelle condivise (ad esempio quelle di VirtualBox) o qualche altro metodo per riportarla nel vostro disco fisso “reale”.
  • usare il vostro computer: per fare questo dovrete spegnere il PC e avviare il disco live. Quindi dovrete prima di tutto masterizzarlo (vi consiglio caldamente un CD-RW o una chiavetta USB) e seguire il mio post da un altro dispositivo oppure stampando le istruzioni e annotando i codici degli antivirus (siate parsimoniosi con la carta). Avete per√≤ il vantaggio che alla fine vi ritroverete con la ISO direttamente nel vostro hard disk. Tenete conto che vi servir√† una connessione via cavo ethernet.

Decidete voi qual √® il metodo che preferite, io ho optato per la macchina virtuale. Ovviamente vi servir√† anche l’ultima versione di Trinity Rescue Kit: nel mio caso ho usato la 3.4 build 372 ma il procedimento dovrebbe essere analogo anche per versioni successive. Nell’ultima parte del post sar√† necessario anche l’uso di ISO Master, che potete scaricare dai repository di Ubuntu e probabilmente anche di altre distribuzioni.

Procedura dettagliata

Innanzitutto avviate il disco live di Trinity Rescue Kit e selezionate la prima opzione per l’avvio predefinito. Una volta caricato il sistema vi troverete di fronte al menu, il quale si pu√≤ navigare semplicemente con i tasti freccia e il tasto Invio.

Il semplice menu testuale di Trinity Rescue Kit

Prima di tutto andate alla voce Keyboard layout selection e scegliete la tastiera italiana. Per raggiungere il tasto Ok premete il tasto Tab e poi Invio. A questo punto selezionate Go to a shell per avviare il terminale e impostare la rete.

Come vi dicevo, di default non ci sono DNS impostati, quindi anche se il sistema si connette automaticamente alla rete (a patto che il cavo sia inserito in fase di accensione), non è possibile risolvere i nomi di dominio, come clamav.net, per capirsi. Procedete quindi a aggiungere due righe che fanno riferimento ai DNS di Google (se avete esigenze specifiche potete anche impostarne di diversi):


echo "nameserver 8.8.8.8" >> /etc/resolv.conf
echo "nameserver 8.8.4.4" >> /etc/resolv.conf

Ovviamente dato che non potete fare copia e incolla fate attenzione ad ogni singolo carattere. A questo punto se provate a fare un ping al mio blog, dovreste ricevere dei valori in millisecondi che indicano il tempo di risposta, e quindi che il sito è stato raggiunto:


ping -c 4 andrealazzarotto.com

Ora potete premere Ctrl+D per ritornare al menu. Selezionate la voce Virus Scanning per vedere la lista dei motori utilizzabili. Dato che Bitdefender di default viene installato con una chiave di prova valida solo 30 giorni, vi faccio sistemare prima questo software così poi è un problema in meno.

Avviate quindi la voce Scan with BitDefender e lasciate che l’antivirus venga scaricato e poi premete Invio per visualizzare la licenza. Premetelo ancora ripetutamente fino alla fine, quando dovrete scrivere accept e poi ripremere Invio. Attendete che vengano aggiornate tutte le definizioni, e quando vi dice che inizia la scansione premete Ctrl+C tre o quattro volte per interromperla.

Ora è il momento di aggiornare la chiave di licenza inserendo quella che vi è stata mandata per email. Se dopo aver interrotto Bitdefender vi rimane la shell tenetela aperta, altrimenti tornate al menu principale e avviatela. Inserite quindi questi comandi per aggiornare il file di configurazione:


cd /opt/BitDefender-scanner/etc
sed -si "s/^Key\ =\ .*/Key = XXXXXXXXXXXXXXXXXXXX/g" bdscan.conf

Al posto delle X inserite il vostro codice di licenza. A questo punto Bitdefender √® configurato e per questo motore di antivirus non bisogna fare altro. La release sulla quale ho provato io aveva un piccolo problema con il motore di Vexira, che configureremo tra poco: lo script virusscan che si occupa di dare una interfaccia comune ai vari motori ha un errore nel comando che richiama l’aggiornamento delle definizioni di Vexira, che quindi non funziona. Per risolverlo, date questi comandi:


cd /bin
sed -si "s/vdbupdate\.sh\ -p/vdbupdate.sh/g" virusscan

Ora potete premere Ctrl+D e tornare al menu degli antivirus, ripetendo per tutti quanti (tranne che per Bitdefender) la procedura:

  • avvio
  • attesa degli aggiornamenti
  • interruzione della scansione
  • ritorno al menu

Durante l’installazione di Avast vi verr√† richiesta la chiave di licenza, che quindi viene subito attivata.

Salvare le modifiche

Ora che avete configurato tutto dovete produrre una nuova immagine ISO per mantenere le modifiche effettuate. Purtroppo non verranno salvati i valori dei DNS, ma vi dirò tra poco come sistemare anche questo dettaglio. Prima di tutto, tornate alla shell e leggete la lista delle partizioni presenti sul disco:


fdisk -l
df -h

Ve ne serve una per salvare l’immagine del disco e dovete avere almeno 1,1 GB di spazio libero perch√© vengono creati dei file temporanei. Una volta individuata la partizione, ricordatevi il suo identificativo. Nel mio caso ho scelto sda2, ma voi dovete adattare le prossime righe al vostro caso specifico. Date i seguenti comandi:


mkdir /sda2/temp
updatetrk -b /sda2/temp -i /sda2

Il primo crea una cartella temporanea nella partizione scelta, il secondo avvia la procedura di creazione della nuova ISO (alla quale dovrete rispondere y). Ora non vi resta che attendere la fine del processo e spegnere il PC per avere la nuova immagine (quasi) pronta all’uso: baster√† solo sistemare il problema dei DNS mancanti.

Quando avete recuperato la ISO dalla partizione dove l’avevate salvata, apritela con ISO Master. Dovete estrarre in una cartella a vostra scelta il file initrd.trk e successivamente rinominarlo in initrd.gz.

Il file da estrarre con ISO Master

A questo punto dovete decomprimere il file initrd.gz e estrarre il file initrd. Quindi dovete montarlo come un filesystem:


cd /directory/dove/si/trova/il/file/
mkdir montaggio
sudo mount -o loop initrd montaggio
gksu gedit montaggio/etc/resolv.conf

Vi si aprir√† una finestra dell’editor di testo (se non usate gedit dovrete adattare l’ultima riga). Inserite le seguenti righe relative ai nameserver:

nameserver 8.8.8.8
nameserver 8.8.4.4

Salvate e proseguite con i seguenti comandi per applicare le modifiche al filesystem contenuto nel file initrd:


sync
sudo umount initrd
rm -rf montaggio

Ora cancellate il vecchio file initrd.gz e comprimete initrd in un nuovo archivio initrd.gz. Quindi rinominate di nuovo il file in initrd.trk e usate ISO Master per sostituire il file vecchio nella ISO con quello nuovo. Fate quindi File > Salva come e scegliete il nome per la nuova ISO. Ora potete eliminare quella vecchia e il vostro Trinity Rescue Kit è pronto!

Conclusioni

Trinity Rescue Kit √® un ottimo strumento per fare recovery di sistemi Windows e Linux, con diversi strumenti di scansione, pulizia e clonazione. Questo tutorial vi permette di personalizzare e ottimizzare il disco in modo da averlo pronto all’uso qualora se ne presentasse la necessit√†, anche se pu√≤ sembrare un procedimento lungo in realt√† ci si mette di pi√Ļ a spiegarlo che a farlo e fa comunque risparmiare tempo a medio o lungo termine.

Vi ricordo infine che per fare un po’ di pulizia potete eliminare i file di log delle scansioni dalle varie partizioni dei dischi sui quali usate questo sistema, compresa la cartella di quarantena chiamata TRK-INFECTED e la cartella temp usata per creare la ISO. Voi come pensate di usare Trinity Rescue Kit? Se avete commenti o suggerimenti fatemi sapere!

Se Ubuntu non legge i file AMR

L’ultima versione di Ubuntu, cio√® la 10.04, dovrebbe leggere di default i file AMR senza pi√Ļ richiedere nemmeno la presenza delle librerie proprietarie, grazie a opencore-amr che √® derivato dal progetto Android (evviva lui!). Ho scoperto la cosa di recente e ho subito disinstallato le librerie non libere. Ho visto fin da subito che VLC mi leggeva senza problemi le registrazioni fatte col nuovo telefono (ve ne parler√≤) per√≤ Totem (il riproduttore video di Ubuntu) continuava a non trovare i codec.

Ho risolto seguendo le istruzioni trovate sul forum di Fedora. Innanzitutto premetto che Totem usa Gstreamer (a meno che non abbiate manualmente installato la versione con Xine) e Gstreamer legge molti formati multimediali grazie a un collegamento con FFmpeg, chiamato gst-ffmpeg. Questo pacchetto dovrebbe essere gi√† installato, comunque per sicurezza vi riporto i comandi seguenti, che comprendono anche l’installazione del pacchetto.

sudo aptitude install gstreamer0.10-ffmpeg
rm -rf .gstreamer-0.10/
gst-inspect-0.10

Il secondo comando rimuove le impostazioni di Gstreamer, e il terzo scansiona nuovamente alla ricerca dei plugin. Fatto ci√≤ dovrebbe essere tutto funzionante, compresa l’anteprima audio passando il mouse sopra l’icona del file.

Visualizzare file real online su Linux, senza usare Real Player

Recentemente mi √® capitato di avere a che fare con dei file in formato real da visualizzare sul web. Inutile dire che mi √® sempre stato antipatico questo formato di file. In realt√† esiste anche una versione di Real Player per Linux, tuttavia √® un software proprietario e oltretutto non mi piace neppure tanto. √ą pur vero che esiste una sorta di versione open source, chiamata Helix Player, ma in realt√† la licenza di questo software √® alquanto contorta (ne devo aver letto un pezzo tempo fa, alla fine non era per nulla chiara). Inoltre √® un player altrettanto bruttino. ūüôā

Il metodo che usavo per aprire questi file era in genere quello di ricavarmi l’url dello stream con diversi passaggi, ma ovviamente si tratta di un sistema scomodo. Cos√¨ alla fine ho deciso di riprovare ad usare un’estensione per Firefox che mi pareva di ricordare di aver sentito qualche tempo prima. L’addon si chiama MediaPlayerConnectivity e serve da “ponte” tra Firefox e i vari riproduttori multimediali che abbiamo installato sul pc.

Infatti dovete sapere che le ultime versioni di Vlc supportano i file in formato real! Bello, cos√¨ posso fare sicuramente a meno di un player proprietario sul mio pc. Una volta riavviato Firefox √® partito il configuratore automatico. Io ho tolto tutte le possibilit√† che mi dava l’estensione tranne quella dei file real, che ho assegnato a Vlc. Gli altri fine infatti sono meglio gestiti dal classico plugin video di Totem. In realt√† ho tenuto anche le playlist in formato pls e m3u, ma non mi capita in genere di trovarne su internet sinceramente. Poi ho impostato in modo che il plugin agisse in modo automatico ed intelligente.

Non ricordo esattamente i valori che ho messo nella configurazione guidata, ma alla fine nelle preferenze dell’estensione ho questo:

impostazioni-mediaplayerconnectivity

Se volete impostazioni diverse, sentitevi liberi di adattare il tutto

Ora non vi resta che recarvi su un sito che fornisce stream multimediali in formato real. Per esempio potreste provare ad aprire Radio 2. Ecco cosa succede a me:

radio2

Basta premere il pulsante play ed il gioco è fatto

Ora sono contento. Mi capita poche volte di dover riprodurre questi file, ma se devo farlo almeno √® un metodo comodo e immediato. L’unica cosa che non mi √® del tutto chiara √® come mai il plugin di Vlc per Firefox non fornisca il supporto per i file real… comunque sia non ha questa grande importanza. ūüėČ

√ą arrivato il 2007

Eccoci qui, un altro anno è passato, un anno di pensieri, emozioni, paure, riflessioni, momenti per ognuno di noi è volto al termine e ci dobbiamo preparare ad affrontarne uno nuovo.

Per il blog quest’anno si √® concluso benissimo, visto che fino al 31 dicembre ha contato 2510 click; un bel numero se si considera che √® online da poco.

Per me… be’, √® stato un anno complicato ma comunque mi ha dato delle soddisfazioni.

Crediti foto