Far vivere un LUG

Il 14 maggio 2011 c’è stata l’assemblea dei soci del Gruppo Utenti Gnu/Linux di Vicenza. Questo gruppo, del quale io ed altri del GrappaLUG siamo stati membri per un paio d’anni, sta attraversando un momento difficile: durante l’assemblea hanno dato le dimissioni il presidente, i membri del consiglio direttivo ed il collegio dei revisori (il verbale completo si può leggere online). Ci sono state anche delle polemiche con ottime motivazioni.

Non voglio, non mi piace e trovo stupido nonché fuori luogo disquisire su eventuali responsabilità e colpe. Mi vorrei limitare a dire che mi spiace per questa situazione dell’ultimo periodo e spero che con le nuove elezioni fatte ora il gruppo possa ritornare a prosperare: a giudicare dai nomi che ho letto direi di sì. Invece mi va di fare i complimenti in particolare a Claudio Sinigallia (il consigliere più votato). Allegato al verbale c’è un documento con la relazione sulla sua candidatura.

Mi ha impressionato positivamente e vi consiglio di leggere tutto perché riassume in due facciate come si dovrebbe gestire bene un LUG, è davvero una vision chiara e concisa. In particolare, ci sono tre passaggi che mi sono piaciuti più di tutti:

…per un buon funzionamento dell’associazione, i ruoli non devono essere messi in discussione, chi ha un incarico si deve occupare esclusivamente del suo incarico, e lasciare perdere eventuali contestazioni fatte da altri soci se non fatte nella dovuta sede…

…secondo me nessun socio deve avere materiale suo o gestire servizi su attrezzature sue per conto del lug, il lug deve essere totalmente indipendente da qualsiasi socio, questo per evitare possibili problemi con soci che ritengono di essere proprietari di parte del lug.

Ritengo che solo se riusciremo a seguire queste regole l’associazione avrà un futuro, in caso contrario a mio avviso sarà destinata allo scioglimento.

Conosco Claudio e so bene che è una di quelle persone che oltre a riflettere e parlare bene, si danno da fare e agiscono in prima persona. Spero che la previsione funesta del terzo stralcio non si avveri, anzi auguro al LUG di Vicenza di fare ancora attività utili come già si è visto in passato. Ancora complimenti a Claudio!

3 pensieri su “Far vivere un LUG

  1. Oddio l’articolo è colmo di refusi, ma vabbeh😛
    Me lo leggo e prendo spunto, dato che sto provando a resuscitare il LUG di Tor Vergata.

  2. Bl@ster, ho riletto il mio post, ma non ho capito a quali errori ti riferisci (porta pazienza, è mattina). Me li potresti dire così li correggo?🙂
    PS: se ti riferisci alle citazioni di solito le metto integralmente senza modificarle, a parte se si tratta di errori di battitura (tipo un punto senza uno spazio di seguito).
    PS2: in effetti nella fretta di fare copia-incolla non ho notato che nella terza frase i due errori erano di battitura, quindi li ho sistemati. Grazie per avermelo fatto notare.😉

Che cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...