Configurazione dell’usb in Virtualbox PUEL: la via rapida e system-wide

Mi ritrovo ad essere quasi scandalizzato a scrivere questo post. Se ne trovano talmente tanti in giro per la rete al punto che uno potrebbe anche stufarsi. In effetti non mi sarei mai sognato di farlo anche io se non fosse che le indicazioni di tutti i post sono sbagliate, incomplete o semplicemente non aggiornate.

Ancora adesso mi domando e chiedo perché non si decidano a fare in modo che l’usb funzioni senza tanti problemi, ma forse è un mistero che rimarrà irrisolto ancora a lungo.

Nella ricerca di una soluzione, ho scoperto che alla fine devono essere unite due guide per arrivare ad un buon risultato: le faq ufficiali di Virtualbox, e la guida alla risoluzione dei problemi di Ubuntu. Per prima cosa bisogna “ripristinare” un file di sistema, a cui di recente hanno pensato bene di togliere la parte fondamentale per far funzionare l’usb in Virtualbox. Nel terminale fate:

sudo gedit /etc/init.d/mountdevsubfs.sh

E identificate la funzione do_start. Appena prima della sua fine (quindi prima della parentesi graffa chiusa) dovete aggiungere questo pezzo di codice:

mkdir -p /dev/bus/usb/.usbfs
domount usbfs "" /dev/bus/usb/.usbfs usbfs -obusmode=0700,devmode=0600,listmode=0644
ln -s .usbfs/devices /dev/bus/usb/devices
mount --rbind /dev/bus/usb /proc/bus/usb

Possibilmente cercate di rispettare la spaziatura a sinistra aggiungendo delle tabulazioni, ma non dovrebbe creare problemi.

A questo punto, saltiamo a piè pari all’altra guida! Controllate per prima cosa che il vostro utente appartenga al gruppo vboxusers. Sempre nel terminale eseguite questo comando che imposterà automaticamente i permessi per il gruppo:

echo "none /proc/bus/usb usbfs devgid=`grep vbox /etc/group | sed -s "s/[a-z]*:.://g" | sed -s "s/:.*//g"`,devmode=664 0 0" | sudo tee -a /etc/fstab

Adesso potete provare a far partire il tutto con:

sudo mount -a

Nel caso non funzionasse, dovrete riavviare il computer.

Questo metodo ha il vantaggio che non dipende dal vostro utente ma si applica a tutti coloro che hanno il permesso di utilizzare Virtualbox, e non mi sembra poco.😉

Fatemi sapere nel caso riscontriate dei problemi.

Aggiornamento: un ringraziamento va anche a Matteo Moro ed alla sua guida che mi hanno permesso di correggere una grave svista!

Aggiornamento 15/03/2009: come suggeritomi, ho precisato che bisogna essere membri del gruppo di Virtualbox.

44 pensieri su “Configurazione dell’usb in Virtualbox PUEL: la via rapida e system-wide

  1. Secondo me quel “devgid=1000” fa in modo che l’USB funzioni solo agli utenti che appartengono a quel gruppo (solitamente uno solo, visto come si comporta di default Ubuntu). Meglio mettere l’ID del gruppo “vboxusers”, a cui aggiungere poi gli utenti abilitati all’uso di VirtualBox: http://tinyurl.com/7w4ty7

    (si, la mia guida è probabilmente fra quelle incomplete. Dovrò decidermi ad aggiornarla)😀

  2. Cavolaccio, adesso che ci penso pure quelli di Ubuntu mi hanno un po’ “fregato”. Hai ragione, aggiorno ora la guida mettendo però sempre un metodo automatico.

  3. e qui casca l’asino (cit.)
    gli serviva la usb e cosa usa ? la PUEL. Con la OSE non puoi farlo.
    Vedi vedi Andrea che ho ragione😉 a volte la necessità ti costringe.

    Ti auguro una buona ultima parte di feste.

  4. @ gattino_usb, prego figurati.
    @ LuNa, ma che diav…? “Vedi che ho ragione”, come se io stessi ammettendo qualcosa. Mi ricordi la barzelletta che dici che agli occhi delle forze dell’ordine nessuno dice nulla. Tutti ammettono. Ma finiamola con ‘ste lollate.
    Io non ammetto niente perché non ho mai negato nessun crimine contro l’umanità. Se credi che io mi diverta a usare Virtualbox PUEL o Flash player, evidentemente non sai quante bestemmie ogni giorno (da buon veneto) tiro a Sun o ad Adobe (e spero che mi sentano, siccome sono belle forti)…😀
    In ogni caso auguri anche a te.🙂

  5. Bravo Lazza una bella guida fatta bene senza intoppi o cavolate varie.
    Asus OK!!!!!!!
    Matteo Donazzan

  6. Eh eh, appena possibile farò anche il post su come sistemare l’audio sul tuo laptop… Poi se non sbaglio avevamo anche aggiustato la webcam. Be’, eventualmente ti chiederò l’output di qualche comando via chat.🙂

  7. caro Andrea… baciamo le mani! ho curiosato un po’ per il blog, molto interessante e ben fatto.
    sono nuovo su wordpress, diciamo pure che di pc ne so’ pochissimo, uso ubuntu da un 8-9 mesi e mi trovo benissimo ovviamente, mi dici come fare per mettere i feed “bottonati” belli come i tuoi con tanto di colori. vorrei metterne un paio, commenti twitter e iscriviti se mi gira…
    un saluto a tutti i cosmonauti😉

  8. @Lazza: Ma no, forse hai capito male la cosa: se fosse come dici tu avrei scritto tipo “dai ammettilo su!”
    Era relativo alla questione della tua ferrea (e per certi versi sana) teoria sulle licenze d’uso. Non voleva essere una lollata ma la dimostrazione del fatto che nello specifico caso l’eccezzione conferma la regola, anche per Lazza😉

  9. @ PortaParallela, i pulsanti li ho disegnati con Gimp e poi li ho inseriti in una casella di testo.😉
    @ LuNa, be’, certamente, sì. Purtroppo questo ti fa capire quanto siamo “presi con le bombe” (per usare un altro venetismo).

  10. Gent.issimo Andrea,
    io oltre che scandalizzato sono “incaz…” sono ormai settimane che nei ritagli di tempo perdo il mio tempo appresso Virtualbox 2.1.0 installato su intrepid. Non ci sono state fin’ora guide, consigli e quant’altro che hanno saputo risolvere il problema “USB”. Rimane sempre la lista del menù delle periferiche comprese le porte USB “evanescenti” con la solita dicitura in basso nelle iconcine “Porte USB non attivate”. Hai sicuramente capito che nemmeno con le Tue indicazioni ho risolto il problema! Avrei potuto scrivere in altri blog…ma Tu devo dire che mi hai trasmesso più fiducia e competenza. Scusa lo sfogo iniziale, se pensi a qualche soluzione alternativa o qualche dritta particolare, io Ti ringrazio.

  11. So che sembrano delle banalità, ma…
    1. Sei utente del gruppo vboxusers?
    2. Stai usando la versione PUEL?
    3. Hai verificato di aver eseguito correttamente tutti i passaggi?
    Fammi sapere.😉

  12. Grazie Lazza, la tua guida è la più completa tra quelle che ho trovato. Una sola precisazione: non riuscivo comunque ad accedere ai dispositivi USB perché non facevo parte del gruppo vboxusers; fortunatamente l’hai specificato nei commenti e quindi son riuscito a risolvere, ma potrebbe essere utile ad altri se lo specificassi nella guida stessa. Grazie!🙂

  13. Ciao,
    ho provato ad aprire i due file di cui parli e… non esistono.
    Almeno, non li trova li dove dici.
    Io uso Ubuntu 8.10 ed ho installato VirtualBox 2.2.2 PUEL

  14. Ti ringrazio vivamente per aver riassunto in modo egregio quello che dicevano diverse guide in modo sommario e non proprio corretto.
    Stavo perdendo la testa da due giorni dietro questo problema dell’usb!!
    Grazie ancora,
    saluti😉

  15. La guida e’ eccezionale e funziona perfettamente; dopo giorni passati a risolvere il problema finalmente ho trovato il Tuo blog.
    Solo una cosa:
    – le righe di codice da aggiungere in ubuntu 8.04 sono gia’ presenti precedute dal #, e’ sufficiente toglierlo da ogni riga.
    Ti ringrazio veramente.
    ciao

  16. Intendevi proprio 8.04 o dicevi 9.04? Infatti dipende dalla versione di Ubuntu. La guida l’avevo scritta per la 8.10 e quelle righe non c’erano, mentre forse c’erano fino alla 8.04 ma non ricordo esattamente.😉

  17. Mi hai scritto (la riporto per tua comodità):
    Togli le righe dal file (ndr: ritengo tu ti riferisca a: “/etc/init.d/mountdevsubfs.sh”)… Anzi togli proprio il file, tanto non c’era prima per cui non dev’esserci neanche adesso.🙂
    Elimina la riga che inizia per “none /proc/bus/usb usbfs” dall’/etc/fstab. A questo punto rifai tutto dall’inizio (tralasciando il file che non c’è, per cui salta via proprio quel passaggio) e ricordati bene quello che forse non si vede moltissimo ma l’ho scritto: “Controllate per prima cosa che il vostro utente appartenga al gruppo vboxusers.”.😉 Se il tuo utente non c’è, ti devi aggiungere e poi, dopo aver finito la guida, riavviare prima che funzioni.

    RISPOSTA (in maniera schematica per maggiore chiarezza):
    1) ti confermo che nel “vboxusers” ci sono sempre stato (id 123);
    2) ho seguito la tua guida su questo sito e dopo aver dato il comando da shell ha cominciato a riconoscere le periferiche USB ad eccezione della stampante che è rimasta SEMPRE grigia e non attivabile.
    3) ho rifatto tutto ciò che mi hai consigliato e che ho riportato sopra;
    4) ora riavvio e ti faccio sapere.
    Comunque grazie 1000 per il tempo che mi hai dedicato, davvero gentile da parte tua.
    Ciao, a dopo.
    Felice

  18. Come promesso eccomi qui,
    Tutto a posto:
    – ho cancellato tutto il contenuto del file “/etc/init.d/mountdevsubfs.sh” (ma non il file, ho avuto paura di farlo anche se quando l’ho aperto la prima volta era già vuoto);
    – nel file “/etc/fastb” ho cancellato la riga che mi ha indicato;
    – ho riavviato ma non ho modificato nulla ed ho fatto partire la macchina virtuale.

    Le porte funzionano egregiamente (chiavetta, lettore schede multimediali, etc.)… solo la stampante usb (Brother 135-DCP) che con la 9.04 veniva vista e funzionava egregiamente, ora non può essere più montata.
    Compare la riga relativa (l’ha sempre vista come periferica sconosciuta) ma ora resta sempre “GRIGIA” e non attivabile…
    L’ho anche disinstallata e reinstallata ma niente da fare.
    Però su Linux va benissimo… alla fin fine, poco male.
    A questo punto suppongo che il “capo-lavoro” lo abbia compiuto il tuo script… lanciato quello l’USB ha ripreso a fungere perfettamente (tranne la stampante).
    Che dici? Può essere effettivamente solo merito del tuo script?
    Saluti,
    Felice

  19. In conclusione:
    – il tuo script reinserisce in etc/fstab la linea che mi hai fatto togliere;
    – in ogni caso non c’è più necessità di alcuna istruzione aggiuntiva;
    – con l’ultima Puel le porte USB funzionano correttamente senza alcuna modifica ai files di configurazione;
    – il problema del riconoscimento della stampante è dovuto ad un problema del software della stampante che si è probabilmente “sputtanato”.
    Grazie ancora,
    Felice

  20. Wow, sei stato velocissimo.🙂 Sono contento che il problema non dipenda da una procedura errata ma solo da un discorso di stampante. Grazie a te di aver descritto la tua esperienza.😉

  21. Ti ringrazio e lo attendo con ansia ma… chissà.
    La stampante è una Brother 135-C.
    Solo come notizia nella speranza di fornirti maggiori informazioni:
    – uso Ubuntu 9.10 testing e sospetto che il problema possa essere una nuova gestione delle porte USB rispetto alla vecchia 9.04;
    – uso VirtualBox-3.0_3.0.8-53138 Puel;
    – ho letto sul sito della Brother 135 che possono esserci problemi nel funzionamento USB della stampante;
    – ho piallato l’intero programma della Brother ed ho ripulito anche il regedit.exe;
    – ho reinstallato un paio di volte il pacchetto VB;
    – ho cambiato il cavo USB ed ho collegato la stampante direttamente al PC e non tramite HUB;
    – ho tentato di reinstallare il software limitandomi ai soli drivers;
    Nulla da fare, l’opzione delle porte USB relativa alla sola stampante rimane sempre grigia (quindi non attivabile) per cui ora non posso neanche completare la reinstallazione della stampante.
    Invece sotto Ubuntu e sotto Windows-XP nativo tutto continua a funzionare perfettamente… sia con il nuovo cavetto che con il vecchio… sia da HUB che direttamente da PC.
    Saluti,
    Felice

    P.S. senza fretta in quanto l’utilizzo di Win si è oramai ridotto all’accesso su un unico portale cui DEVO accedere per lavoro ma tutto il resto (particolari stampe comprese) oramai riesco ad espletarlo interamente da Ubuntu.

  22. Da come descrivi il problema, direi che si tratta probabilmente di un bug di Virtualbox, o qualche problema che comunque dipende da quel programma.

  23. Ora comunque non funzionano più.
    A causa di un problema ho dovuto reinstallare da un file di backup l’intero S.O.
    Ho reinstallato la VB Puel, ho reinserito il disco virtuale salvato e da qual momento, nonostante l’intera giornata di ieri passata a provare e riprovare, non sono più riuscito a far funzionale l’USB.
    Anche quello che prima veniva “visto” (mouse e tastiera USB), ora resta completamente grigio e, quindi, non attivabile.
    Se inserisco una chiavetta USB la vede ma sempre “grigia” (non attivabile).
    Suppongo che tu abbia ragione… è un problema di VirtualBox e della 9.10
    Grazie e saluti,
    Felice

  24. Ciao ragazzi!
    Io ho avuto il problema di avere le porte usb rilevate da virtualbox, ma non attivabili.
    Ho risolto cambiando la seguente riga :

    # libusb device nodes
    SUBSYSTEM==”usb”, ACTION==”add”, ENV{DEVTYPE}==”usb_device”, NAME=”bus/usb/$env{BUSNUM}/$env{DEVNUM}”, MODE=”0666″

    nel file :

    50-udev-default.rules

    che si trova nella posizione :

    /etc/udev/rules.d

    La modifica che ho fatto è quella di farsì che “MODE=”0666″”, questo pechè udev deve montare le periferiche usb lette dal sottopercorso di sys con la modalità di lettura/scrittura per tutti gli utenti (io eseguo virtualbox con un utente diverso da root).

    Spero che questo sia di aiuto. Ciao.

  25. Ok, anch’io ti ringrazio per il suggerimento ma sono venuto a capo di quanto segue:
    – nel mio sistema non ho necessità di modificare alcun file;
    – ho riportato tutte le modifiche “a zero”, riavviato , etc., etc.;
    – sono andato in Sistema>Amministrazione>Utenti e gruppi>;
    – mi sono autenticato (l’ho sbloccato) ed ho scelto “proprietà” dell’utente della mia “home”;
    – ho attivato la linguetta “privilegi utente”;
    – ho attivato l’opzione usare Virtualbox (che NON si era MAI attivata, neanche con le modifiche ai files descritte in questo blog.

    Tutto ha ricominciato a fungere perfettamente tranne la stampante Brother che rimane riconosciuta ma non attivabile…

    A questo punto suppongo che sia un bug della stampante.

    Grazie 1000 per il Vs. supporto.
    Felice

  26. Confermo,
    Si tratta proprio di un problema della stampante che non riesco a risolvere nemmeno reinstallandola.
    Anche il cellulare (collegato con cavetto usb) è stato riconosciuto prontamente.

    Però è strano… dopo alcuni mesi di perfetto funzionamento non viene più riconosciuta.
    Mahhhh.
    Felice

  27. Confermo:
    – con la nuova release di VB non è più necessario modificare nulla, l’implementazione USB è automatica;
    – per quanto riguarda la stampante ho controllato e mi sono accorto che il 15 Ottobre ho aggiornato il firmware (ma poi ho anche installato la Ubuntu 9.10 testing ed effettuato cambiamenti vari) per cui non sapevo più cosa poteva essere accaduto.

    Ho fatto regredire tutto (tranne il firmware della stampante di cui non avevo il backup nè sul sito Brother sono più riuscito a trovare il pregresso) e così ho potuto “isolare” l’errore.

    Ora confermo che il bug riguarda l’aggiornamento del firmware della Brother DCP-135C che, come da info sul sito, normalmente ha qualche problema con il collegamento USB… che poi è l’unica connessione disponibile! ‘Azz… alla faccia della tecnologia…

    Non se può essere utile e, comunque, grazie per la disponibilità.

    Felice

  28. Capisco… grazie dell’informazione, magari tornerà utile ad altri utenti. Caspita però che castroneria questa della Brother, hanno solo la USB e la rendono inutilizzabile…😦

  29. Mi permetto di entrare per dire cosa mi succede e chiedere aiuto. Seguendo questa guida avevo una guest Window su Ubuntu che funzionava perfettamente. Ho installato Karmik e apportato queste correzioni. Le usb funzionano, ma il tasto ctrl no. La host viene privata non del puntatore, ma della tastiera e non posso scrivere su entrambi i sistemi operativi, cosa che mi debilita parecchio. Cosa pensi posso fare per risolvere? Grazie.

  30. Non ho capito del tutto. La tastiera è usb? Per caso l’hai spuntata nei dispositivi usb della macchina virtuale? (non va fatto) In quale sistema non riesci a scrivere, l’host o il guest?
    Comunque sia credo che le mie modifiche non siano più necessarie in Karmic.🙂

  31. Mi permetto di segnalare questa piccola guida che ho postato nella lista Ubuntu ad un amico che aveva necessità di installare il vecchio MS-DOS ed il cui PC, come me, non ha il floppy-drive.
    Non ho un blog e volentieri te lo “passo” con tutte le autorizzazioni possibili ed immaginabili…
    Comunque è rintracciabile nella mail-list di Ubuntu.
    Se non lo ritieni opportuno, cancellalo e scusami.

    INSTALLARE MS-DOS in VIRTUALBOX da PC priva di DRIVE FLOPPY:

    – procurarsi il cd di boot di di Win-98 (quello che si crea masterizzando il file immagine dell’ottimo dischetto di ripristino di Win-98… unica cosa buona fatta da Microsoft);
    – procurarsi le immagini dei 2-3 dischetti di installazione del DOS (il 6.22 ne ha anche un 4° di utility aggiunte);

    – anzitutto creare la macchina virtuale DOS;
    – avviare VirtualBox;
    – alla schermata dalla quale si avviano le macchine virtuali evidenziare la macchina DOS;
    – dalla finestra a destra scorrere e cliccare sull’opzione “Floppy”;
    – spuntare “monta lettore floppy”;
    – spuntare anche file immagine;
    – scegliere le 2-3 immagini dei dischetti DOS preventivamente salvate sull’HD e scegliere aggiungi per ognuna di loro.

    Ora avviare la macchina DOS con il CD di boot Win-98 (datemi retta, è meglio perchè a volte dall’immagine del 1° floppy non prosegue la formattazione del disco C:)… quindi “montare” il CD-Rom con il cd di boot di Win-98 ed avviare la macchina da lì, poi:
    – dare il comando dos “format c:” per formattare il disco C;
    – smontare pure il CD-Rom;
    – dal menu della finestra scegliere: “Dispositivi>Monta Floppy>etc…
    – si apre la finestra con elencati i floppy disponibili dalla quale scegliere l’immagine floppy n° 1;
    – sempre dal menu della finestra scegliere: “Macchina>Reset>…
    – la macchina si riavvia e dovrebbe leggere direttamente il floppy n° 1 (se non lo fa durante il reset premere F-12 e scegliere f=floppy);
    – quando chiede il 2° floppy, da “>Dispotivi>Monta Floppy” scegliere il 2° floppy e premere invio… dovrebbe tranquillamente proseguire l’installazione… ripetere l’operazione precedente con i floppy successivi e l’installazione proseguirà sino alla sua naturale conclusione.

    Testato personalmente ed ha funzionato.
    Auguri,
    Felice

  32. Pingback: 2010 in review « Il blog di Andrea Lazzarotto

  33. A me non funziona perchè il mio mountdevsubfs.sh è completamente vuoto e se lo riempo come dici tu, mi va in crash il sistema all’avvio e devo saltare il montaggio del file:\
    HELP ME!

  34. L’articolo è di 2 anni fa, e si riferisce a Virtualbox quando ancora esisteva in due versioni (OSE e PUEL) e non aveva il sistema ad estensioni. Attualmente non serve più fare modifiche, l’USB lavora regolarmente in versione 1.0 (e 2.0 se usi l’estensione proprietaria).🙂

Che cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...