Eh, vedi!

Già già, già già. Quando meno te l’aspetti, succede. E un’occasione, una stupidaggine, insomma qualcosa capita.

Oggi in effetti è stato così. E si tratta veramente di una piccolezza. Ve la devo raccontare, non tanto perché ci tenga particolarmente a dirvi questa cosa, ma proprio per farvi capire quanto piccola sia.

Oggi stavo uscendo da scuola, e ho visto la Persona Speciale che passava. All’inizio non ero sicuro che fosse lei. Poi mi è passata abbastanza vicino da poterla riconoscere, ma lei non mi ha visto, perché prima ero girato e quando mi sono rivolto nella sua direzione ero già oltre il suo campo visivo. Ci ho messo un attimo di tempo a riconoscerla, e in quell’attimo che stavo per salutarla, puff… Era già passata. E che caspita. Sarà per un’altra volta. In fin dei conti non è mica l’ultima volta che posso salutarla. Capita.😉

Come vedete è una cosa quasi insignificante. Anche se mi piace molto la considerazione che danno gli stilnovisti all’atto del saluto, non vado mica a preoccuparmi per una cosa così.

Ma qual’è la cosa che conta in tutto ciò? È che, quando meno te l’aspetti, ti scatta una levetta. Tic. Parte. E quel post che avevi annunciato da un mese e non voleva saperne di uscire, ti viene naturale.

Arriva il momento giusto, e tu sperimenti. Scrivi per la prima volta una poesia inserita sola, senza un testo introduttivo e conclusivo. Ogni tanto provare uno stile diverso è bello, no?🙂

Questo ho fatto. Ho voluto scrivere a parte questo post di spiegazione per lasciare isolata la poesia, che per la verità è più tendente al testo prosato. Ma ora forse è il caso che vi spieghi bene il cosa come perché.

Partiamo dal titolo del post. Senhal. Questa parola si riferisce alla letteratura provenzale, quindi siamo nel genere della lirica d’amore (che anche se l’ho dovuto studiare a scuola mi è piaciuto…😛 ) ed era un termine “convenzionale usato per alludere alla donna amata”. Insomma, spero di aver reso l’idea. È come se avessi scritto il suo nome, ma non potendolo fare, ho usato questo trucco che mi è parso molto bello.

Il senso del post, sostanzialmente, è quello di esprimere questo concetto:

Non mi accontenterò delle approssimazioni, come fanno i matematici. Ogni modo di dire le cose che non sia perfetto non mi andrà bene. Perché è importante che quello che ti voglio trasmettere (cioè quello che sento) sia chiaro ed efficacie, e detto nell’esatto modo in cui lo sento io. Se non riuscirò ad utilizzare nessuna forma conosciuta per trasmetterti questo, allora mi ingegnerò e inventerò io un nuovo modo per comunicare, anche solo per darti un unico messaggio. I tuoi occhi mi fanno da guida, come i fari con le navi.

Ecco, ora avete anche la parafrasi. Contenti???😀

Ho voluto darvi questo contributo per chiarire meglio alcuni dettagli, ed evitare che fraintendeste qualche passaggio magari. Insomma, così almeno ci capite qualcosa…

28 pensieri su “Eh, vedi!

  1. Cavolo… ecco che cosa significava senhal…

    Mi suonava familiare, adesso ho scoperto il perchè… l’ho studiato anche io in letteratura!😉

  2. Tutto questo post era riassumibile in una frase😆

    Ho visto ***** ma non l’ho salutata, nemmeno lei mi ha salutato e ora son in paranoia
    :mrgreen:

  3. @ Piplos, eh eh.
    @ pdptlp, ma no che c’entra! Il post Senhal lo dovevo scrivere da un mese…🙂
    Ah, ho censurato il tuo commento perché non voglio che tu dica il suo vero nome.

  4. “Questa parola si riferisce alla letteratura provenzale”
    edita il post, “Questa parola si riferisce alla letteratura provenzale (Bl@ster me l’ha detto senza spiegazione)…”

  5. La stavo studiando proprio oggi la poesia trobadorica ecc…

    devo dire che ti ci vedo molto come mentalità, romanticità ecc… coomunque per me sei come… fissato
    donna amata nobile, irragiungibile ecc…

    Non ti capirò mai🙂

  6. Ah ecco, nell’altro post ti chiedevo chiarimenti, ma tu in realtà li avevi già dati in questo secondo post. Rinnovo i miei complimenti.

  7. @ vigliag, sono solo molto romantico. Tutto qui.😀
    @ Piplos, ti riferisci a “senhal”? E che ci vuoi fare. Io sono molto moderno, ma in amore sono all’antica.😉😳
    @ no1globe, grazie mille.🙂
    @ olympicmew, ti ringrazio dei complimenti ma io non ho parlato di brutti momenti. Comunque ti auguro che a te passino presto.😉
    @ riva.dani, figurati. Grazie anche a te.

  8. Ma alla fine hai fatto tutto tu. Non lasci al lettore un briciolo di immaginazione? Mi rifiuto di leggere la tua parafrasi, meglio credere di capire qualcosa di distorto ma … vabbè, scherzo. Bravo davvero.

  9. @ lillipuziano, grazie.
    @ Aladark, esattamente quello che intendevo con l’aneddoto. Però dai, in fin dei conti si è trattato di una sciocchezza.

  10. Che bello…goditi questi momenti, queste sensazioni e tutto ciò che comportano. Sia nel successo che nella disfatta…le apprezzerai molto fra qualche anno, quando saranno solo un ricordo…ahimè.

    Complimenti per il blog e a risentirci.
    Ciao!!

  11. Visto che siamo in tema di letterature italiana aggiungo anche che il termine Senhal si usava al posto del vero nome della donna perchè era un amore adultero, quindi i poeti non volevano rivelare il vero nome(sono troppo bravo in lettereature! :P). Comunque complimenti Lazza, davvero un bel post!!!

  12. @ olympicmew, ok.
    @ Aladark, invece penso che lo smile ci stia. Perché non è niente di che.
    @ Fabrizio, grazie.
    @ Marco Calatozzo, ma te lo do io l’adulterio! A capocciate!😀 Non è assolutamente il senso che volevo dargli, ne la situazione che descrivi tu!!!😛

  13. @Marco Calatozzo: vero, ma si usava anche per nascondere alla donna l’amore per lei, anche se non si utilizzava la strategia della donna-specchio come fece poi Dante sposando Gemma Donati😉

  14. Solo dalle circostanze. E da allora Beatrice gli ha levato il saluto😀

    ***Bl@ster evoca Dante e gli da una pacca sulla spalla

    Eh, vecchio mio, è dura la vita…

  15. Pingback: A dire il vero mi avete un po’ “deluso” « Il blog di Andrea Lazzarotto

Che cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...