Commozioni, romanticherie e altre storie

Be’ lo sapete no, io mi emoziono con poco.

Oggi, dopo aver riguardato il post del mio San Valentino ed aver ricordato quel bel momento, ho riguardato il blog Poesie e dediche. In particolare ho guardato un po’ le poesie sotto i tag Amore e Cuore perché sono quelle che preferisco.

Ne ho trovate parecchie di belle, solo per dirne una, Sull’amore di Herman Hesse:

Si chiama amore ogni superiorità,
ogni capacità di comprensione,
ogni capacità di sorridere nel dolore.
Amore per noi stessi e per il nostro destino,
affettuosa adesione
a ciò che l’Imperscrutabile
vuole fare di noi
anche quando
non siamo ancora in grado di vederlo
e di comprenderlo
questo è ciò a cui tendiamo.

Del resto, del fatto che l’amore sia una cosa un po’ fuori dagli schemi l’avevo già accennato. A questo post voglio però dare un taglio ed un’ottica diversi, altrimenti viene fuori una copia delle cose già scritte.

Ieri mi è capitato di dover spiegare ad una persona come considero il concetto di amore, o di profondissimo affetto (che ci si avvicina) e come lo applico nel relazionarmi con le ragazze. Diciamo che non ho dovuto farlo, ma l’ho ritenuto opportuno per vari motivi che non è il caso che io stia a precisare.

Ci sono tanti motivi per cui posso apparire in qualsivoglia modo strano, bizzarro, e comunque per cui non mi è semplice raggiungere certi traguardi.

Perché per voler costruire qualcosa con una ragazza le devo prima volere un bene terribile o devo amarla.

Perché per ottenere ciò credo sia necessario una conoscenza discreta dell’altra, non credo alla favola dei colpi di fulmine.

Perché ho sempre preferito i cartoni animati per ragazze (es. Mew Mew) in quanto parlano dei sentimenti in un modo importante e insegnano più cose.

Perché in una ragazza guardo il sorriso e non il seno e/o i glutei.

Perché non giudico le persone dalle apparenze.

Perché rispetto le donne.

Perché un suo sorriso mi può cambiare l’umore.

Perché quando la vedo piangere non mi importa del fatto che fa star male anche me, penso solo che deve tranquillizzarsi al più presto, deve tornare a sorridere. Nient’altro ha importanza. I dettagli non hanno importanza.

Perché quando mi preoccupo non è per il mio egoismo ma per il suo bene.

Perché a volte mi vergogno di parlarle e poi invidio un po’ chi lo fa.

Perché le penso sempre.

Perché quando le penso il mio cuore accelera irrefrenabilmente.

Perché penso all’amore come ad un sentimento puro e limpido e non ad un desiderio volgare.

Perché sono romantico.

Perché sono timido.

Ecco, ho qui espresso come ho meglio potuto in una sforzata (e molto approssimativa) prosa lirica in stile Addio, monti di Manzoni quelli che sono i punti chiave che mi contraddistinguono. Non mi aspetto certo di averlo fatto nel modo più accurato possibile, o in quello più chiaro ed espressivo; di certo è quello più sincero e realistico che ho saputo realizzare. Ho profuso i miei sforzi migliori per questi punti, e spero che riescano ad essere belli da comprendere come sono stati belli da scrivere.

Evidentemente (o anche no) questi punti sono spesso degli svantaggi. Sì avete capito bene, svantaggi.

Per quanto tutti i punti in teoria sono molto interessanti per una ragazza; nella pratica la maggior parte preferisce i ragazzi che si atteggiano a bulletti, che hanno un comportamento fin troppo estroverso e privo di inibizioni, e che bevono parecchio. Insomma quelli che nella società sono comunemente definiti fichi. Quelli che contano.

Ad una analisi più accurata, si nota che ciò accade solo nella superficialità, e che le ragazze non sono certo stupide. Alla fine cercano anche loro una persona che possa dar loro qualcosa di più di un giro nelle birrerie. Tuttavia, la società è l’apparenza e la superficialità, non è certo sostanza.

Ovviamente, per serietà e onestà verso me stesso non potrò mai invertire la situazione e passare nell’altra categoria.

Se diventassi spavaldo, se flirtassi con la prima che capita o se trattassi le donne come oggetti; anche se riuscissi a ottenere qualcosa non sarei mai soddisfatto. Perché chi non è onesto con sé stesso non avrà mai niente. Mai.

Ho trovato incredibile una poesia di Madre Teresa di Calcutta sempre sul blog citato, che si intitola Dai il meglio di te:

Se fai il bene, ti attribuiranno
secondi fini egoistici
non importa, fa’ il bene.
Se realizzi i tuoi obiettivi,
troverai falsi amici e veri nemici
non importa realizzali.
Il bene che fai verrà domani
dimenticato.
Non importa fa’ il bene.
L’onestà e la sincerità ti
rendono vulnerabile
non importa, sii franco
e onesto.
Dà al mondo il meglio di te, e ti
prenderanno a calci.
Non importa, dà il meglio di te.

Questo è quello che ho sempre fatto. Perché è importante. Perché è giusto.

Le conseguenze sono arrivate. Sempre. Non importa.

Perché l’amore non è una preda da catturare ma un germoglio da accudire per farlo diventare la più bella delle piante.

18 pensieri su “Commozioni, romanticherie e altre storie

  1. ^_^
    Quanto vorrei essere innamorato…

    Per quanto riguarda i bulli, fichetti ecc… io ed alcuni compagni di classe li chiamiamo il lato “Bellagente” della vita. Continua così, non cedere al lato oscuro!
    A parte gli scherzi, le qualità che elenchi sono svantaggi, ma anche doti molto importanti che un giorno la ragazza giusta saprà apprezzare ( eccavolo, eravamo in tema di poesie, qualche massima la dovevo pur dire! )

    Per i cartoni animati non sono d’accordo per niente, mia sorella ci ha costretto a vedere le winx ( che trasmettono 24 ore su 24 su un canale satellitare) su tutte le TV della casa, a mattina pranzo e sera… una cavolata proprio…

    Piacerebbe che questi cartoni animati trasmettessero qualche buon sentimento, ma il massimo che sanno mostrare sono piagnistei e la super-mossa-segreta dell'”usiamo la forza dell’amicizia per distruggere i cattivi”!

  2. “le qualità che elenchi sono svantaggi, ma anche doti molto importanti che un giorno la ragazza giusta saprà apprezzare”
    Lo so. Ho anche detto che molte ragazze le sanno apprezzare, solo che inizialmente è difficile farle vedere.

    Le Winx sono una stupidata. Ma prova a guardare le Mew Mew, o Rossana, o Yui, ragazza virtuale. Vedrai che a parte le lotte un po’ da bambini ci sono un sacco di messaggi importanti.

  3. Ciao Lazza… complimenti x il post… è bellissimo… hai detto tutte verità….. ke fanno riflettere….. cmq + o – sai cm la penso xke abbiamo già parlato quindi è inutile ke ripeta…complimenti..😉
    ciaoo De

  4. Purtroppo è così, la dura realtà e che le ragazze di oggi sono sempre più veline letterine…. le ragazze vere sono davvero poche anche se poi crescendo capiscono che i ragazzi bulletti non sono il massimo.
    Quindi continuare ad essere quello che si è in questa società ormai è diventato un lusso, visto che se non sei con la massa, vieni tagliato fuori da tutto: amore amicizia … Spero che comunque alla fine rimanendo se stessi e dando il meglio si riesce comunque a far vedere quanto c’è di positivo in noi!!!
    Cmq io anzichè vedere i cartoni animati femminili vedo sex and the city che è davvero spettacolare perchè parla di sesso ed amore allo stesso tempo in stile disperate housewife, davvero simpatico.

  5. @ De, grazie, è stato molto interessante parlare con te. Anche se a volte fai un po’ l’uccellaccio del malaugurio…😀
    @ webdan, non sono totalmente d’accordo. “la dura realtà e che le ragazze di oggi sono devono fare sempre più veline letterine….”

  6. “Quindi continuare ad essere quello che si è in questa società ormai è diventato un lusso”
    Beh, io continuo a non nascondere a mia personalità (ed essendo a scuola con migliaia di truzzi è difficile), e me ne vanto!😉

    “Purtroppo è così, la dura realtà e che le ragazze di oggi sono sempre più veline letterine”
    Lazza, consentimi la licenza… non è così, le ragazze sono diventate solo più st*****!

  7. Ciao Lazza
    Io sono uno che era come te, poi stufo ho preso la strada del cambiamento. Sono diventato uno “fico”, uno che becca un sacco, uno di cui molti vogliono essere amici solo perchè è popolare e che piace alle più belle del gruppo. Non era male, ma non ero contento perchè non ero io. Era una figura costruita, è stato un viaggio per provare a me stesso che se voglio posso, e ho potuto. Ho compreso che preferisco essere sincero, che non è necessario che ke ragazze ti vengano dietro (anche se non dispiace…), ma la cosa più importante è cercare di rimanere se stessi il più possibile e accetare pochi compressi (perchè comunque di compromessi ne docvrai accetare è inevitabile). Mi sono accorto che i miei pregi/diffetti, e il fatto di non appartenere alla massa omogenea con le stersse tendenze e valori non-valori erano il motivo per il quale i miei amici veri erano miei amici e mi volevano bene. In ogni modo dopo questo “viaggio” ho acquisito molta più fiducia in me stesso, nelle mie capacità e consapevolezza del mio valore, purtroppo mi sono reso conto anche che quello che pensano gli altri conta (e può influenzare, la tua vita carriera ecc…) anche se non sarà mai nemmeno lontanamente paragoanibile al peso di quello di cui sei convinto tu, e le persone che ti stanno veramente vicino. Good luck!

  8. @ Bl@ster, non ti consento assolutamente la licenza, e prima di scrivere certe eresie dovresti almeno pensarci un po’…😉
    @ senseni, si vede che non mi conosci perché non hai notato il taglio positivo del post. Comunque sono d’accordo con quel che hai detto.🙂

  9. Lazza ma quali eresie? Mi sto improvvisando etologo studente di pupe, e non credo proprio che entro l’anno ce la farò a rimediarne una… dovrò aspettare un ulteriore cambio d’ambiente… -.-

  10. @Lazza
    No, non ti conosco (non ancora per lo meno🙂 ), ma ho capito il taglio positivo del post, il mio peró voleva essere un monito: sei solo all’inizio della crociata.

  11. ciao lazza, come butta? Visto ke lo sa il mondo la tua storia? E mia scritto un poema x dirmi su…. Dai ke prima o dopo te la fai sta persona, ma devi uscire il sabato sera!!!!!!!!!!!!!

  12. @ Bl@ster, scherzare un po’ va bene. Adesso basta…
    @ senseni, ok. Ma fidati che non sono all’inizio.
    @ marco scalcon, il post non era riferito a te, la persona a cui ho dovuto spiegare certe cose non la conosco da più di due settimane. Per favore, evita di parlare di cose che non sai, perché è sgradevole.
    E non usare mai più certi termini riferiti a me, perché io le ragazze non voglio “farmele”. Non sono così frivolo da cercare solo quello. Moderati per cortesia. Per ora è una richiesta gentile con tanto di “per favore”.

  13. wow!!meraviglioso!!a trovarlo un ragazzo così..mi rincuora sapere ke ne esistono ancora di ragazzi romantici..uff..complimenti cmq!!ciao ciao..mery

  14. Ti ringrazio, ma purtroppo devo dire che di ragazzi romantici ce n’è uno in meno. Io. E questo è dipeso dal comportamento di moltissime ragazze che hanno rovinato gran parte delle cose scritte in questo post. Purtroppo è così.

Che cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...