Il salto di qualità: Ubuntu 8.04

È passata oramai una settimana da quando ho deciso di fare il salto, ovvero di installare Ubuntu Hardy! Munitomi di LiveCD della versione alpha6 ho per prima cosa sistemato manualmente le partizioni. Il mio disco era sistemato in questo modo:

  1. Partizione di Windows (per i miei genitori) da 130 gb
  2. Partizione Linux da 60 gb
  3. Partizione di swap da 1 gb

I numeri sono ovviamente approssimativi.

Ho avviato Gparted dal cd ed ho per prima cosa ridimensionato la partizione Windows a 100gb. Dopo ho creato una nuova partizione ext3 da 15 gb che ho messo all’inizio dello spazio liberato. Ho infine spostato ed allargato la partizione root precedente per riempire lo spazio che avanzava. Alla fine il risultato è stato:

  1. Partizione di Windows da 100 gb
  2. Partizione Root Linux da 15 gb
  3. Partizione Home Linux da 80
  4. Partizione di swap da 1 gb

So che i conti non tornano, ma sono valori approssimati. Lo spostamento della partizione è stata l’operazione più lunga, durata almeno 2 ore!

Ho usato la guida per rinominare partizioni per mettere una label alle medesime (quelle Linux perlomeno) anche se comunque non è il massimo dell’utilità. A questo punto ho montato la vecchia partizione root con i diritti di amministratore ed ho creato una cartella chiamata VecchioDisco in cui ho trascinato tutto il resto.

Infine ho installato Ubuntu, impostando la vecchia partizione come Home e stando attento a non formattarla. In questo modo ora ho uno spazio sicuro per future nuove installazioni, inoltre ho più spazio.

Una volta riavviato il computer, ho avuto le solite litigate con la scheda video. Ho optato per installare EnvyNG, e poi ho modificato a mano la configurazione grafica, per avere una risoluzione sopportabile (1280×1024 su un monitor adatto a 1024×768 è un pizzico eccessivo…).

Mi sono preso lo sfizio di provare subito Last.fm dato che prima con i problemi di audio che avevo trovava il dispositivo audio occupato, ed ovviamente il nuovo Firefox 3.

Oltretutto la funzionalità di zoom reale di Firefox 3 è veramente apprezzabile!

Poi ovviamente ho pensato alle solite cose che si fanno sempre, aggiornamenti, pacchetti della lingua, installare Flash, i codec audio e video (grazie alla mia guida), Awn…

Un poco alla volta ho recuperato i miei file e le impostazioni di Gimp e di Compiz. All’inizio avevo deciso di tenere anche quelle di Firefox con le estensioni e tutto, ma poi ho preferito ripartire da zero. Tanto i segnalibri li ho nell’account del.icio.us.

Ho poi recuperato il mio tema di icone generato a suo tempo con Tango Generator (che mi segnalò il mio lettore Davided) e ho messo Emerald e customizzato un poco Ubuntu a modo mio… Anche se non ho stravolto tutto.

Devo dire in definitiva che questa installazione fresca mi ha fatto proprio bene, il sistema è tornato ad essere pulito e fresco come una rosa.

Vi anticipo, con un’aria misteriosa e incuriosente, che sto preparando un altro piccolo salto di qualità che riguarderà questo blog. Niente che sconvolgerà la fruibilità sia chiaro, solo qualcosina di carino… Sto incontrando qualche problemino in questo, di cui vi parlerò a giochi fatti. Chissà, magari qualche affezionato mi offrirà qualche mezzo euro su PayPal; ciò ridurrebbe sicuramente i tempi.

Ah, e non dimenticate che tra due giorni esce Hardy in versione finale! Ma mi raccomando, evitate categoricamente di aggiornare il giorno stesso, altrimenti ci metterete un’eternità. Se volete un consiglio, per le installazioni fresche muovetevi un giorno prima a scaricare l’ultima beta, mentre per gli aggiornamenti meglio aspettare 5-6 giorni.

About these ads

16 thoughts on “Il salto di qualità: Ubuntu 8.04

  1. Novità sul tuo blog? Adesso mi copi pure? XD
    Scherzi a parte, io Hardy la sto usando da un mese e devo dire che funziona abbastanza bene (soprattutto il nuovo gtkpod fa sbavare :D ). Però resta ancora un mistero il motivo per cui il plugin Flash per Firefox crasha con i driver nVidia. Boh…

  2. Son passato sabato alla 8.04 (si lo sò … ti sconvolgo visto che sono fedora-convinto e lo sai) e devo dire che mi piace questa ubuntu e non ho ancora avuto problemi pur essendo una beta :)

    Che altro dire? Finalmente l’hardware è andato tutto su da solo ed è anche per questo che ho lasciato un attimo fedora.

    Io il mio babbo l’ho già migrato a Linux … vedi di migliorare :P

  3. @ monossido, acc! L’avevo sentito da non so chi. Vedi a fidarsi… :-P
    @ olympicmew, oh per l’amor! :lol: A me Flash ha *sempre* crashato, anche senza driver accelerato in uso mi pare.
    @ innovatel, ehm non posso ricordarmi le “distrorientazioni” di tutti… :-P Comunque bravo per il babbo, sarà che io sono troppo occupato a convertire tutti i miei amici e compagni di scuola. :-D

  4. ma che tu sappia lazza, gtkpod supporta i pod di ultima generazione? io sbrindellai quello di mia cugina e mi toccò ripristinarglielo circa 3 mesi fa!

    che si dice in giro?

    riguardo il tuo setup avrei bisogno anche di un’altra cosa improtante. ho fatto quasi tutto da quando uso linux ma una cosa veramente mi manca.

    non mi sono mai fidato a fare dal setup il ridimensionamento dell’unità ntfs di windows con i dati dentro. mi racconti com’è andata a te?

    come fa a lavorare sugli indici ntfs riallocando i dati?
    come diavolo hanno fatto?
    e windows come reagisce al riavvio?

    ciao

    ps – mi merito una risposta completa, avendo visto il piccolo smile in basso a sinistra?

  5. E bravo Lazza ..come sempre!
    Pensa che mi ero completamente scordato che tra poco usciva Hardy! Questa volta non aggiorno sulla vecchia versione, ma reinstallo come hai fatto te, così diventa fresco come una rosa =P

    Cmq non puoi lasciare tutto sospeso nell’aria,di cui l’unica realtà è la nostra immaginazione..una toccata e fuga..lo sai che siamo tutti curiosi di vedere i cambiamente!! =D

    Saluti! =)

  6. @ franganghi, io ho fatto l’immensa stupidaggine di non deframmentare prima Windows. Risultato, ho dovuto sistemare alcuni programmi con il “Ripristino configurazione di sistema” e i suoni all’avvio e allo spegnimento sono misteriosamente scomparsi. La cosa strana è che l’audio va perfettamente e se vado nelle impostazioni posso pure riprodurre i suddetti suoni. Su Ubuntu non so perché ma il suono di spegnimento non va… Il colmo delle coincidenze. :-)
    Se invece prima deframmenti non succede un tubo di pericoloso :-) e Windows al primo riavvio fa un controllo di integrità e poi parte normalmente.
    Per gli iPod di ultima generazione (volevo pure parlarne ma poi non ho fatto più nulla) con un po’ di accorgimento si può fare, prima però devi fare il Jailbreak. Un inizio comunque lo trovi qui: https://help.ubuntu.com/community/PortableDevices/iPhone
    @ no1globe, ah be’… sai com’è, mi trovo anch’io ad avere diverse cose per aria che preferirei non avere. Comunque non preoccuparti, questione di giorni ormai. ;-)

  7. @ markpersy, infatti ho linkato la root del server, così uno sceglie come preferisce. :-) Per quanto riguarda VmWare… Meglio VirtualBox OSE che è libero. ;-) :-P

  8. @ Lazza : Hai ragione che “libero” è sempre meglio, ma VBox non mi permette di virtualizzare macchine a 64bit :)

  9. Io virtualizzo con VirtualBox windows e mi và così bene che stò pensando di levare dalle partizioni il windows reale. Sono sempre stato scettico sulle machine virtuali fino ad ora. Le poche volte che serve, ad esempio per il riconoscimento vocale, lo metto a schermo pieno è cambio da uno all’altro con due tasti… e mi gira quasi piu veloce virtualizzato! La sensazione è quella che il pinguino se lo sia mangiato.
    Dopo questa esperienza io ti consiglio di levarti la partizione da 100Gb dedicata a windows, stare su linux e creare un disco virtuale ad espansione.

  10. @ SteLe, se a me servisse a qualcosa Windows allora lo farei, ma siccome non mi serve assolutamente a niente (del resto è un software inutile ;-) ) e serve però ai miei, è bene che sia installato realmente sul computer.

  11. chissa’ perche’ tuxfeed oggi mi ha messo tra i feed questa notizia vecchia come il cucco… dopo aver letto tutto il post mi sono accorto dell’eta’ della notizia, comunque avrei un’idea, ed è interessante per i tuoi genitori. Esiste un modo per togliere windows dal disco ed averlo virtualizzato, ma la differenza sta’ nel fatto che tu crei un nuovo utente su Ubuntu, e a questo utente invece di far accedere a gnome o kde fai accedere la macchina virtuale con virtualbox, come se fosse un wm comune. Cosi’ usano il loro bel disco virtualizzato e ad espansione. Cerco un link al tutorial e posto, sempre se ti puo’ interessare…

  12. Grazie, comunque sia non ne ho necessità. Per prima cosa, su hardware reale ovviamente gira meglio, poi ora ho un laptop (ovviamente purgato dalla sporcizia, ovvero Vista). :-)

Che cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...